Quartararo: "Non volevo rischiare per il campionato"

Il leader del campionato ha sofferto in entrambe le sessioni a causa dell'asfalto insidioso ma si è detto sicuro di aver capito come migliorare l'assetto della sua Yamaha per la giornata di domani.

Quartararo: "Non volevo rischiare per il campionato"

E’ stato un venerdì complicato quello affrontato da Fabio Quartararo a Le Mans. Il leader del campionato, infatti, non ha brillato né nelle FP1, concluse con il 18° tempo, né nelle FP2 dove ha chiuso con l’11° crono ad oltre un secondo di distanza dal riferimento firmato Miller.

Quartararo ha faticato a trovare il giusto feeling con la sua Yamaha su un tracciato freddo e condizionato al mattino dalla pioggia ed al pomeriggio da alcune chiazze di umido, ma nonostante ciò il pilota del team Petronas è apparso fiducioso una volta sceso dalla propria M1.

“Oggi è stata una giornata complicata, ma sono felice perché dopo aver analizzato i dati con il team adesso conosco esattamente le modifiche da apportare. Questa mattina abbiamo avuto alcune difficoltà rispetto alle altre 3 Yamaha ma sapevamo il perché, mentre al pomeriggio ho avuto un feeling migliore con la moto”.

 

Il francese ha poi spiegato nel dettaglio quali siano stati i problemi riscontrati oggi che l’hanno relegato lontano dalle posizioni di vertice della classifica.

“Rispetto alle altre Yamaha ho patito sia a centro curva che in accelerazione. Non avevo assolutamente grip al posteriore, ma la nota positiva è che prima di controllare i dati, sia in FP1 che in FP2, sapevo dove migliorare e questo mi rende fiducioso per domani. Sono certo che domani sarò più veloce”.

Considerando quanto visto in Moto2, dove il leader del campionato Luca Marini è stato protagonista di una tremenda caduta nelle FP2 che avrebbe potuto condizionare il prosieguo della stagione, Quartararo ha affermato di non aver voluto prendere rischi eccessivi nella giornata odierna dove in palio non c’era assolutamente nulla.

“In queste condizioni cerco sempre di essere cauto perché non sono i tempi nelle libere a fare la differenza, specie considerando il miglioramento del meteo previsto per domani. Con queste condizioni può essere semplice fare un errore e rischiare di compromettere il campionato”.

Leggi anche:

Quartararo si è poi detto fiducioso di poter risalire in classifica con l’asciutto atteso per domani, ma se la gara dovesse disputarsi sul bagnato la sua scarsa esperienza con la pioggia potrebbe pregiudicare il risultato finale.

 “Il meteo domani dovrebbe essere decisamente migliore. Noi dobbiamo pensare a fare al meglio il nostro lavoro ed entrare in Q2. Sappiamo di avere il potenziale per farcela. Dovremo essere molto veloci anche se non sarà semplice. Vedremo domani cosa accadrà”.

“Ho una esperienza limitata sul bagnato ma bisogna adattarsi in fretta alle condizioni. Ho lottato con Mir, ed anche lui ha poco esperienza in queste condizioni, mentre Maverikc e Dovi hanno corso già molte gare col bagnato. Se pioverà, però, tutti saranno nella stessa situazione”.

Infine Fabio ha voluto commentare la sua mancata partecipazione ai recenti test di Portimao.

“Non credo che al momento ci servano distrazioni dall’obiettivo principale. Abbiamo il potenziale per vincere il titolo ed adesso preferisco non prendere rischi non necessari”.

Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT
Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT
1/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT
Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT
2/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT
Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT
3/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT
Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT
4/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT
Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT
5/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT
Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT
6/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT
Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT
7/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT
Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT
8/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT
Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT
9/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT
Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT
10/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT
Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT
11/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT
Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT
12/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT
Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT
13/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT
Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT
14/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP, Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP, Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT
15/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

condividi
commenti
Dovizioso: "Il weekend vero comincia domani"

Articolo precedente

Dovizioso: "Il weekend vero comincia domani"

Articolo successivo

MotoGP, Le Mans, Libere 3: svetta Quartararo, Mir in Q1

MotoGP, Le Mans, Libere 3: svetta Quartararo, Mir in Q1
Carica i commenti