Quartararo: “Non ho ancora realizzato, piango senza fermarmi”

Il Gran Premio dell'Emilia Romagna incorona il nuovo campione del mondo: Fabio Quartararo conquista il suo primo titolo mondiale ed è anche il primo francese a vincere un campionato in MotoGP. Il pilota Yamaha festeggia con una splendida gara in rimonta e non riesce a frenare le emozioni, da cui è completamente travolto.

Quartararo: “Non ho ancora realizzato, piango senza fermarmi”

Misano doveva diventare terreno di conquista e così è stato: Fabio Quartararo è campione del mondo! Il francese ha conquistato matematicamente il suo primo titolo mondiale in MotoGP oggi, al termine del Gran Premio del Made in Italy e dell’Emilia Romagna, appuntamento decisamente emotivo sotto molti punti di vista.

L’impresa sembrava impossibile al termine delle qualifiche, che lo avevano visto schierarsi solo in 15esima posizione. Una rimonta incredibile poi ha iniziato a far pensare che si potesse ancora festeggiare il titolo già a Misano, ma poi Pecco Bagnaia ha dato la conferma: con la scivolata a pochi giri dal termine, ha gettato alle ortiche ogni possibilità di tenere aperta la lotta, consegnando di fatto il mondiale nelle mani del francese, che ha lottato come un leone per agguantare una quarta posizione finale che profuma di vittoria.

Non è più importante guardare i punti ora, Fabio Quartararo a 22 anni conquista il primo titolo nella classe regina e lo fa senza nascondere l’enorme emozione che lo travolge. Il pilota transalpino riporta il mondiale in Casa Yamaha per la prima volta dopo cinque anni, l’ultimo campione del mondo di Iwata è stato Jorge Lorenzo, nel 2015.

Il campione del mondo Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing e Jorge Lorenzo

Il campione del mondo Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing e Jorge Lorenzo

Photo by: Gold and Goose / Motorsport Images

Non solo, Fabio Quartararo è il primo pilota francese a vincere un mondiale in MotoGP e non trattiene le lacrime una volta tagliato il traguardo: “Sono senza parole, diventare campione del mondo MotoGP è un sogno che ho da quando sono bambino e oggi è diventato realtà. Non so cosa dire, posso solo ringraziare tutti quelli che mi hanno sostenuto nei momenti più difficili, quando ero lontano, ma siamo tornati in alto e siamo campioni! Non sto ancora realizzando pienamente quello che abbiamo fatto oggi”.

“Quando ho tagliato il traguardo nella mia testa c’è stato di tutto – prosegue Quartararo – ho perso il controllo, non so più cosa dire. Vedere quella celebrazione, quel casco, il pubblico italiano che mi sosteneva. Campione del mondo! Non ero mai stato in testa a un campionato né in Moto3 né in Moto2 e ora sono campione del mondo MotoGP! Non ho più liquidi, piango da mezz’ora senza riuscire a fermarmi”.

L’impresa è ancora più storica, se pensiamo da dove partiva, risultato di una qualifica disastrosa in un weekend che sembrava aver preso una brutta piega. Tutto è cambiato però con la caduta di Bagnaia, che ha dato una svolta alla domenica di Quartararo, immediatamente resosi conto di ciò che aveva in mano: “Partendo così da lontano, abbiamo scelto due medie e non sono riuscito a fare una gara bella come avrei voluto, ma chi se ne importa! Sono campione del mondo. Quando ho visto Pecco a terra mi sono detto che dovevo provare a fare podio. Purtroppo non ci sono riuscito, ma avrei anche potuto finire ultimo oggi. Non è il miglior modo in cui volessi vincere, con la caduta di Pecco. Ma nel complesso abbiamo fatto una stagione grandissima, con molte vittorie e tanti podi”.

Il campione del mondo Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing

Il campione del mondo Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing

Photo by: Gold and Goose / Motorsport Images

condividi
commenti
Bastianini: “Podio inaspettato, ma ho mostrato il mio potenziale”
Articolo precedente

Bastianini: “Podio inaspettato, ma ho mostrato il mio potenziale”

Articolo successivo

Bagnaia: "Sono frustrato, ma ho le basi per vincere nel 2022"

Bagnaia: "Sono frustrato, ma ho le basi per vincere nel 2022"
Carica i commenti