Quartararo in difficoltà: “Sono andato molto al limite per niente”

Fabio Quartararo giudica incomprensibile la sua performance nelle qualifiche del Gran Premio di Valencia, dove non è andato oltre l'ottavo posto, un lontano ricordo della velocità che aveva mostrato su questo circuito due anni fa.

Quartararo in difficoltà: “Sono andato molto al limite per niente”

Fabio Quartararo è stato il più forte in qualifica durante questa stagione, come confermato dalla classifica finale del BMW M Award, che ha vinto con un punteggio finale di 318 punti. Tuttavia ha finito l'ultima qualifica dell'anno, a Valencia, di cattivo umore. Due anni fa, ha firmato una superba pole position sulla pista spagnola con un tempo di 1'29, che è diventato un crono raro da quando Jorge Lorenzo aveva registrato il record assoluto in pista nel 2016, ma oggi la sua performance è stata decisamente peggiore, senza che lui potesse capire perché.

Venerdì il francese aveva detto di sentirsi totalmente perso dopo le prime prove libere, non era in grado di spiegare il suo 11esimo tempo e una caduta aveva interrotto l'unica sessione asciutta del giorno, in cui aveva anche lamentato il comportamento aggressivo della sua Yamaha. Oggi ha dedicato le FP3 a una lunga valutazione della gomma media all’anteriore, ma nonostante un time attack alla fine della sessione, ha dovuto accontentarsi di un modesto nono posto.

Leggi anche:

Poi è passato alla gomma dura all’anteriore, e questa sembrava la soluzione. Nelle FP4 infatti era secondo. Tuttavia, Quartararo stava ancora accusando problemi di gestione delle gomme durante la sessione e la qualifica non ha dato il risultato desiderato, così si è dovuto accontentare dell'ottavo posto: “Tra la FP3 e la FP4 siamo passati alla gomma dura all’anteriore e ho avuto un feeling migliore, ma in qualifica non ho avuto nessuna sensazione o supporto nella parte anteriore. La moto girava molto male e non riuscivo a fare un giro. Ho fatto due giri in 1'30"6 e sembrava che stessi inseguendo la pole position! Mi sentivo molto al limite per niente”.

Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing

Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing

Photo by: Gold and Goose / Motorsport Images

“Ad essere onesti, siamo in una brutta situazione al momento – ha dichiarato Quartararo – Non so se è la pista o no, ma due anni fa siamo riusciti a segnare un ritmo decisamente migliore, ho girato in 1'29, l'anno scorso Franco Morbidelli ha girato in 1'30"0, eppure oggi siamo entrambi sette decimi più lenti”, ha detto Quartararo. Non sono per niente contento di come sono andate le cose e vorrei capire il motivo, perché in frenata la gomma dura è già troppo morbida. È difficile da capire e vorrei sapere perché ho avuto una così brutta sensazione oggi”.

Il francese, che non conquista la pole dal Gran Premio di Catalunya, ha perso di nuovo le prime due file, come era già successo nei due fine settimana precedenti. Il campione del mondo in carica ha guardato impotente come Ducati ha preso il potere su una pista che sulla carta non era favorevole alla Desmosedici: “Quando hai quattro piloti Ducati nelle prime cinque posizioni, viene da pensare che al momento questa sia un po' una pista Ducati! Tutti questi piloti sono molto veloci, ma il fatto è che due anni fa abbiamo ottenuto la pole e facevamo 1'30 basso in qualifica, e ora fare 1'30 è solo un incubo. È difficile capire cosa sta succedendo. Ci mancano un sacco di cose, quindi sono curioso di vedere perché siamo così indietro".

 

“È vero che la gomma anteriore non ci sta aiutando in questa gara ma – prosegue – ma non possiamo essere a sette decimi da dove eravamo due anni fa. Quello che sta succedendo in questo momento è incomprensibile, soprattutto in questo circuito. Per quanto riguarda il ritmo di gara, nelle FP4 non eravamo così male, ma più giri facciamo e più facciamo fatica: la gomma anteriore diventa un chewing gum, ed è la gomma dura quindi è difficile da capire”.

"Onestamente, è abbastanza strano e triste che non riusciamo a capire cosa sia successo. Dobbiamo capire perché domani sarà una gara lunga e non so ancora perché siamo così lenti – si rammarica il campione del mondo, che tuttavia cerca di preservarsi di fronte a questo brutto fine settimana – L'anno scorso, ho voluto troppo concentrarmi sul era set-up e tutto il resto, quindi cerco di non concentrarmi troppo su questo e di dimenticare un po'”.  

condividi
commenti
Fotogallery MotoGP | il tris Ducati nelle Qualifiche di Valencia
Articolo precedente

Fotogallery MotoGP | il tris Ducati nelle Qualifiche di Valencia

Articolo successivo

Bagnaia: "Aiutare Vale è il minimo che posso fare"

Bagnaia: "Aiutare Vale è il minimo che posso fare"
Carica i commenti