Quartararo ha sorpreso Yamaha con la sua maturità

Massimo Meregalli, team manager del team ufficiale Yamaha MotoGP, è stato sorpreso dal modo in cui lavora Fabio Quartararo.

Quartararo ha sorpreso Yamaha con la sua maturità
L'arrivo di Fabio Quartararo nel team factory Yamaha quest'anno gli ha permesso di fare un passo avanti. Il francese ha dominato la prima parte della stagione, vincendo quattro delle prime nove gare ed è il chiaro leader del campionato. Queste prestazioni hanno naturalmente lasciato soddisfatto il suo capo squadra Massimo Meregalli.
"Penso che se Fabio non avesse avuto il problema a Jerez avrebbe potuto vincere cinque gare e non quattro", ha detto il team manager del Monster Yamaha al sito ufficiale della MotoGP. "Quattro vittorie e due terzi posti sono molto buoni. Penso che abbia sofferto un po' nel primo Gran Premio, forse ha sentito un po' di pressione, ma dal secondo ha iniziato a vincere. Penso che abbia dimostrato di non averne più quando ha vinto in Qatar".
“Ha vinto in Portogallo, ha quasi vinto a Jerez, dove ha avuto il problema della sindrome compartimentale al braccio. Ha vinto al Mugello. Le sue prestazioni sono molto buone e coerenti, perché è stato anche in grado di finire sul podio in una gara bagnata [a Le Mans], che probabilmente non erano le sue condizioni preferite fino a quel momento".
Meregalli apprezza il metodo di lavoro di Quartararo, ma anche la sua capacità di divertirsi in sella alla Yamaha: "Penso che sia molto maturo per avere 22 anni. Vedo come lavora, come prepara le gare con la sua squadra. È stata una sorpresa molto buona. Al momento è molto determinato, ma ciò che mi impressiona di più è che si sta divertendo. Sta lottando in ogni sessione, ma si sta divertendo. Questo è positivo per me.
La buona forma di El Diablo è dovuta anche al miglioramento della Yamaha.
Inconsistente nel 2020, la M1 è ormai una moto regolare su tutti i terreni. Il pilota di Nizza ha vinto su piste opposte come il Mugello - dove privilegia la potenza a causa del suo lunghissimo rettilineo - e Assen - una pista dove l'agilità della moto fa la differenza.
"Dopo la delusione dell'anno scorso, volevamo davvero avere un pacchetto migliore nel 2021, più veloce e più consistente, perché abbiamo sofferto di questo l'anno scorso. Penso di poter dire [...] che abbiamo raggiunto entrambi gli obiettivi. Siamo stati in grado di vincere le gare su circuiti veloci, ma anche su circuiti come Assen, dove è necessario un buon inserimento in curva. Abbiamo fatto del lavoro di sviluppo. Abbiamo introdotto il sistema di uscita anteriore, che ci ha dato buoni risultati. Nel complesso, siamo soddisfatti.
condividi
commenti
KTM: “Sosterremo l’approdo di Petrucci alla Dakar”
Articolo precedente

KTM: “Sosterremo l’approdo di Petrucci alla Dakar”

Articolo successivo

Barcellona ospita un test privato per alcuni piloti MotoGP

Barcellona ospita un test privato per alcuni piloti MotoGP
Carica i commenti