Quartararo guarda al titolo: “A Misano con una mentalità diversa”

Fabio Quartararo ha la possibilità di conquistare matematicamente il titolo mondiale già a Misano questo fine settimana e afferma di aver cambiato la mentalità con cui approccia alla gara. Il pilota Yamaha è più calcolatore e punta a lavorare con intelligenza.

Quartararo guarda al titolo: “A Misano con una mentalità diversa”

Il Misano World Circuit potrebbe essere teatro del coronamento di un sogno, che Fabio Quartararo vede sempre più vicino. In occasione della seconda tappa sulla pista romagnola infatti, il leader del mondiale potrebbe già laurearsi campione del mondo, forte dei suoi 52 punti di vantaggio sul primo rivale, Pecco Bagnaia. Il pilota Yamaha non si è mai accontentato, ma arriva al Gran Premio dell’Emilia Romagna con una mentalità un po’ diversa, che lo porta a essere calcolatore per la prima volta in questa stagione.

Il secondo posto di Austin è valso come una vittoria per il pilota transalpino, che ha faticato in Texas e ha raccolto punti preziosi per il campionato. Quando mancano ormai solo tre gare al termine della stagione, Quartararo non punta più solo a vincere, perché il margine gli permette di ragionare e di accontentarsi senza oltrepassare i limiti. È ciò che infatti farà questo weekend a Misano, dove le condizioni sono favorevoli per incoronarlo campione del mondo.

Leggi anche:

Alla vigilia del Gran Premio dell’Emilia Romagna, El Diablo ricorda la complicata gara ad Austin e si proietta verso un fine settimana su una pista dove invece si è mostrato competitivo e ha anche lavorato negli ultimi test il mese scorso. A distanza di quattro settimane però, le condizioni sono diverse e Quartararo non fa proclami, affermando di aver cambiato un po’ il modo di vedere le cose: “Austin è stata una gara tosta, ma che ci ha premiati. Quella seconda posizione è stata ottima per il campionato, soprattutto perché restano solo tre gare. Per quest’ultima parte di campionato, la mia mentalità è cambiata un po’. L’ultima volta che siamo stati a Misano, ho corso per vincere senza pensare al campionato. Ovviamente, questo fine settimana farò del mio meglio come sempre per ottenere il miglior risultato possibile, perché questo è ciò che mi diverte di più. Ma dovrò essere intelligente”.

Sarà una seconda Misano anche Franco Morbidelli, che proprio in occasione del Gran Premio di San Marino lo scorso settembre era rientrato dall’infortunio e aveva fatto il suo debutto nel team ufficiale. Il pilota romano è pronto a tornare sulla sua pista di casa, dopo un Gran Premio delle Americhe particolarmente complicato. Morbidelli non si è ancora totalmente ripreso dall’infortunio al ginocchio, ma crede che Misano sarà un weekend in cui potrà mostrare i progressi fatti nei test di settembre.

“La gara ad Austin è stata davvero dura – afferma Morbidelli – soprattutto perché la pista era molto impegnativa per il mio ginocchio. Le due settimane senza gare mi hanno permesso di far riposare un po’ la gamba, quindi ora possiamo iniziare il prossimo gran premio in una forma migliore rispetto a quella con cui abbiamo finito l’ultimo. Abbiamo fatto dei progressi durante i test di Misano a settembre, sono stati fatti dei passi in avanti e il mio feeling con la moto è migliorato considerevolmente su questa pista, quindi non vedo l’ora di continuare a lavorare in questa direzione durante questo weekend”.

Franco Morbidelli, Yamaha Factory Racing

Franco Morbidelli, Yamaha Factory Racing

Photo by: Gold and Goose / Motorsport Images

condividi
commenti
Misano, gara del Made in Italy con le Frecce Tricolori
Articolo precedente

Misano, gara del Made in Italy con le Frecce Tricolori

Articolo successivo

Jerez potrebbe non avere la MotoGP nel 2024

Jerez potrebbe non avere la MotoGP nel 2024
Carica i commenti