Quartararo: "Austin ora sembra una pista da motocross"

Fabio Quartararo ha aggiunto la sua voce al coro delle critiche sullo stato dell'asfalto al Circuit of the Americas dopo la prima giornata di prove libere.

Quartararo: "Austin ora sembra una pista da motocross"

La MotoGP non visitava il circuito di Austin dall'aprile 2019. All'epoca, c'era già un'indignazione generale tra i piloti per il pessimo stato dell'asfalto. Due anni e mezzo dopo, le condizioni non solo non sono migliorate. Anzi, sono addirittura peggiorate.

La pista è stata riasfaltata in diverse aree ma non nella sua interezza, il che significa che il grip cambia da una zona all'altra. Inoltre, altri punti hanno tante buche, che compromettono persino la sicurezza.

"È più o meno come la pista che uso per i miei allenamenti, ma nel motocross", ha scherzato Quartararo, "ma è molto più veloce con una moto da MotoGP. È davvero brutto. Due anni fa ci è stato detto che doveva essere riasfaltata e ora è peggio. È a malapena accettabile per una gara. Non so cosa dire. Questo è uno scherzo".

Leggi anche:

"El Diablo" si rammarica del fatto che lo stato dell'asfalto finisca per rovinare quello che altrimenti è uno dei circuiti più interessanti del campionato del mondo.

"Il circuito è bello, le via di fuga sono ampie, tutto è perfetto in pista, ma dobbiamo risolvere il problema delle buche. Per me è pericoloso, molto pericoloso. In gara, i primi due giri saranno caotici. Le curve 2, 3 e 10 sono davvero pericolose. I dossi sono nei posti peggiori. Se ci sono dossi nelle curve 1, 11 o 12, va bene, sono curve lente. Ma le curve 2, 3 o 10 sono i posti peggiori per avere buche, e le buche ci sono. Avevamo già le buche, ma ora siamo andati oltre. Per me non è una pista da MotoGP. Per un giro va bene, ma 20 giri... ci saranno brutti momenti. Mettiamola così", ha detto.

La questione delle buche sarà al centro della riunione della Safety Commission di stasera, a cui Quartararo ha deciso di partecipare dopo quello che ha visto.

"Di solito non vado alla Safety Commission, ma se succede qualcosa di grave, ci vado. E oggi c'è qualcosa di veramente serio. La pista non è sicura. Ogni due o tre curve c'è un cambio di asfalto. C'è più grip, meno grip, più grip, quindi è difficile adattarsi. Sembra che alcune persone della Dorna siano venute a vedere la pista. Non so cosa abbiano detto, quindi sarà bene capirlo nella Safety Commission. Devono riasfaltare tutto. Dovremo vedere cosa succede," ha detto il leader del campionato, che ha finito la sessione di venerdì in terza posizione.

condividi
commenti
Mir: "Non ho mai guidato in condizioni così difficili"

Articolo precedente

Mir: "Non ho mai guidato in condizioni così difficili"

Articolo successivo

Bagnaia: "Se 2 o 3 decidono di correre, siamo obbligati tutti"

Bagnaia: "Se 2 o 3 decidono di correre, siamo obbligati tutti"
Carica i commenti