Puig: "La situazione di Marquez comincia a normalizzarsi"

Alberto Puig, team manager della Honda, ha sottolineato l'accelerazione del recupero di Marc Marquez, che oggi rientrerà dal Qatar, dove è stato vaccinato e dove spera di tornare per l'inizio del Mondiale MotoGP.

Puig: "La situazione di Marquez comincia a normalizzarsi"

Dopo otto mesi di sofferenza, a causa della frattura dell'omero destro rimediata nella prima gara della scorsa stagione, a Jerez, lo spagnolo è tornato su una moto venerdì della scorsa settimana, in un test in sella ad una pitbike sul tracciato di Alcarras.

Poche ore dopo, Marquez è salito su un aereo per il Qatar, dove domenica ha ricevuto la prima dose del vaccino anti-COVID, con l'intenzione di farsi somministrare la seconda dose in un paio di settimane, quando tornerà a Doha.

Una volta che è stato autorizzato dai medici a tornare ad allenarsi su una moto, la sua intenzione è stata subito quella di rientrare il più presto possibile. Honda esorta alla prudenza, anche se il catalano è già presente nella entry list provvisoria del Gran Premio che aprirà la stagione, fissato per domenica 28 marzo a Losail.

Una volta atterrato in Spagna, il #93 avrà circa dieci giorni per continuare il recupero e per guidare una moto più grande su una pista considerata convenzionale. Sarà il suo feeling in quel momento a dettare la decisione se prendere parte o meno alla prima gara della stagione.

Leggi anche:

Indipendentemente da questo, in casa Honda stanno tirando un sospiro di sollievo per i progressi del loro pilota di punta, l'uomo che ha vinto sei degli ultimi otto titoli della MotoGP.

"La verità è che è stato un inverno molto duro, soprattutto per Marc. Ora stiamo guardando alla possibilità del suo ritorno alle corse, anche se non possiamo ancora specificare quando sarà", ha spiegato Puig dal Qatar.

"Fortunatamente, i medici gli hanno già dato il via libera per intensificare il carico di lavoro nella sua preparazione. Diciamo che la situazione con Marc comincia a normalizzarsi", ha aggiunto il manager spagnolo che, nonostante le buone notizie, preferisce essere cauto sull'atteso ritorno del pilota di Cervera.

"E' chiaro che nella sua prima gara non sarà al 100%. Rimane poco tempo (per la prima gara), e non se per lui sarà possibile correre", ha detto Puig, che nel caso in cui dovesse essere necessario, ha già pronto Stefan Bradl, che ha già sostituito Marc per la maggior parte del campionato scorso.

Alberto Puig, Repsol Honda Team Team Principal
Alberto Puig, Repsol Honda Team Team Principal
1/2

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alberto Puig, Repsol Honda Team Team Principal
Alberto Puig, Repsol Honda Team Team Principal
2/2

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

condividi
commenti
Rins: "Meglio delle Yamaha nelle curve veloci"
Articolo precedente

Rins: "Meglio delle Yamaha nelle curve veloci"

Articolo successivo

Ecco come funziona l’holeshot 2021 della Honda HRC

Ecco come funziona l’holeshot 2021 della Honda HRC
Carica i commenti