Puig: "Honda sa che abbiamo problemi con la moto"

Alberto Puig, team manager della Repsol Honda, riconosce le difficoltà che sta attraversando la Casa giapponese, che non vince una gara dal 2019.

Puig: "Honda sa che abbiamo problemi con la moto"

Alberto Puig, team manager della Repsol Honda, riconosce le difficoltà che sta attraversando la Casa giapponese, che non vince una gara dal 2019.

La Honda non ha avuto un inizio di stagione facile. Oltre all'assenza di Marc Marquez nelle prime due gare in Qatar, Pol Espargaro ha fatto il suo debutto nella squadra ufficiale con solo cinque giorni di test alle spalle, inoltre Alex Marquez si è infortunato durante il pre-campionato ed anche Takaaki Nakagami è stato vittima di una caduta importante a Portimao.

Jerez avrebbe dovuto essere una pista interessante per la HRC, ma le cose non hanno funzionato. La coppia del team Repsol è incappata in diverse cadute - due nel caso di Marc - mentre la gara di Alex è durata solo poche curve. La nota positiva è stata il quarto posto di Nakagami, il miglior risultato del 2021 per la Honda, ma ha lasciato un sapore agrodolce, con il pilota giapponese che ha mancato il suo primo podio in MotoGP per meno di un secondo.

"La gara di Nakagami è stato uno dei punti più positivi", ha detto Alberto Puig nella sua valutazione del Gran Premio di Spagna, al quale non ha potuto partecipare per problemi di salute. "Ha superato i problemi fisici del suo incidente a Portimao ed ha dimostrato che è molto forte mentalmente. Non era in condizioni perfette ed era a soli 0"7 dal suo primo podio".

Leggi anche:

"Marc Marquez e Pol Espargaro bene dopo che entrambi hanno avuto cadute molto pesanti. Marc, nonostante due cadute ad alta velocità, è riuscito a finire la gara a 10 secondi dal vincitore, tre secondi più vicino che in Portogallo".

I piloti della Honda non nascondono la realtà. Marc ha spiegato che la sua condizione fisica gli sta impedendo di ottenere il massimo da una moto che suo fratello ha indicato come critica, mentre Espargaro, in un impeto di sincerità, ha detto che sono stati i giapponesi a scegliere quale moto avrebbe dovuto usare. Ed è stato così che Nakagami è tornato ad utilizzare un vecchio telaio a Jerez.

"Il punto negativo è che noi, come Honda HRC, sappiamo che abbiamo alcuni problemi con la moto, ma siamo stati in grado di riconoscerli", ha ammesso il team manager della HRC. "Stiamo facendo del nostro meglio, porteremo presto nuove parti e siamo pronti. Stiamo già lavorando molto duramente, per dare il meglio ai piloti nelle prossime gare".

Con il Gran Premio di Spagna, la striscia senza vittorie della Honda è arrivata a 18 GP - la sua peggiore in MotoGP - dopo che Marc Marquez ha vinto l'ultima gara del 2019, nella quale la Casa dell'Ala dorata aveva festeggiato la "Tripla Corona" (titolo piloti, squadre e costruttori)

"La cosa più positiva è che, nonostante non abbia vissuto il miglior inizio di stagione, i piloti Honda HRC sono solo 47 (Nakagami), 49 (Espargaro) e 50 (Marquez) punti dietro al leader del campionato. Ce ne sono ancora 375 in palio, quindi dobbiamo continuare a crederci", ha detto Puig.

condividi
commenti
Lorenzo: “Mi aspettavo molto da Marquez, ma ha avuto paura”
Articolo precedente

Lorenzo: “Mi aspettavo molto da Marquez, ma ha avuto paura”

Articolo successivo

Misano apre le prevendite per MotoGP e SBK

Misano apre le prevendite per MotoGP e SBK
Carica i commenti