Pole e record per Marquez a Silverstone, ma Rossi è ad un soffio

Il pilota della Honda è stato il solo ad infrangere il muro dei due minuti, segnando il nuovo primato del tracciato britannico, ma Valentino è a soli 84 millesimi. Crutchlow completa la prima fila, le due Ducati sono in seconda.

Pole e record per Marquez a Silverstone, ma Rossi è ad un soffio

Marc Marquez si è confermato ancora una volta un "animale da qualifica" nelle prove ufficiali del GP di Gran Bretagna, perché è andato a prendersi la 71esima pole position in carriera, polverizzando il primato del tracciato di Silverstone.

Il pilota della Honda è stato il primo nella storia ad infrangere il muro dei due minuti da quando è stato modificato il layout del circuito britannico con un poderoso 1'59"941 che gli vale la partenza al palo nella gara di domani.

Nonostante la sua prestazione sia stata davvero mostruosa, lo spagnolo però ha dovuto trepidare fino alla fine, perché anche la concorrenza ha fatto vedere grandi cosi, a partire da un sorprendente Valentino Rossi, capace di piazzare la sua Yamaha in seconda posizione, a soli 84 millesimi dalla pole. Tra le altre cose, il "Dottore" è stato velocissimo nei primi due settori della pista, ma poi ha lasciato giù parecchio in quello conclusivo.

A completare la prima fila c'è il padrone di casa Cal Crutchlow, pure lui capace di reggere il ritmo di Marc nella prima metà della pista, ma alla fine accreditato di un crono che lo vede distanziato di 165 millesimi dalla vetta.

Dal quarto in giù poi i distacchi crescono sensibilmente, perché l'altra Yamaha di Maverick Vinales, che aprirà la seconda fila, paga quattro decimi esatti. A dividere la seconda linea della griglia con lo spagnolo ci saranno poi le due Ducati ufficiali, con Jorge Lorenzo che, forse grazie anche alla nuova veste aerodinamica, è riuscito a mettersi dietro di circa un paio di decimi un Andrea Dovizioso che invece ha puntato sulla carena standard.

Dopo essere stato il più veloce nella Q1, Dani Pedrosa non è riuscito a fare meglio del settimo tempo con la sua Honda, precedendo la Yamaha Tech 3 di Johann Zarco e l'Aprilia di un Aleix Espargaro alle prese con un infortunio intercostale rimediato durante un allenamento in kart.

Il quadro dei piloti che hanno avuto accesso alla Q2 si completa poi con Jonas Folger, pure lui passato dalla Q1 con la Yamaha Tech 3, con la KTM di Pol Espargaro e con la Ducati di Scott Redding. Peccato per lo spagnolo, finito ruote all'aria proprio quando stava migliorando il suo tempo.

Il primo degli eliminati è Alex Rins, che è arrivato a soli 123 millesimi da conquistare finalmente la Q2 con la sua Suzuki. Lo spagnolo dividerà la quinta fila dello schieramento con la Ducati del connazionale Alvaro Bautista e con la GSX-RR gemella di Andrea Iannone.

Ad aprire la sesta fila troviamo la Ducati di Avintia di Hector Barbera, ma purtroppo in 18esima piazza c'è anche la Desmodici GP con i colori Pramac affidata a Danilo Petrucci. Il ternano è caduto alla curva 12 nel suo primo giro lanciato e con la seconda moto non è riuscito a fare meglio dell'ottavo tempo in Q1, chiudendo alle spalle anche della Honda della Marc VDS di Jack Miller.

L'aria di casa, infine, non sembra aver fatto particolarmente bene a Bradley Smith e Sam Lowes: il pilota della KTM si andrà a schierare in 19esima posizione, quello dell'Aprilia addirittura in 22esima ed ultima.

Cla#RiderBikeGiriTempoGapDistaccokm/hSpeed Trap
1 93 spain Marc Márquez Alenta  Honda 6 1'59.941     177.117 320
2 46 italy Valentino Rossi  Yamaha 7 2'00.025 0.084 0.084 176.993 324
3 35 united_kingdom Cal Crutchlow  Honda 6 2'00.106 0.165 0.081 176.873 320
4 25 spain Maverick Viñales  Yamaha 7 2'00.341 0.400 0.235 176.528 325
5 99 spain Jorge Lorenzo  Ducati 6 2'00.399 0.458 0.058 176.443 319
6 4 italy Andrea Dovizioso  Ducati 6 2'00.572 0.631 0.173 176.190 327
7 26 spain Daniel Pedrosa  Honda 7 2'00.578 0.637 0.006 176.181 322
8 5 france Johann Zarco  Yamaha 7 2'00.622 0.681 0.044 176.117 322
9 41 spain Aleix Espargaro  Aprilia 7 2'00.764 0.823 0.142 175.910 322
10 94 germany Jonas Folger  Yamaha 7 2'00.829 0.888 0.065 175.815 320
11 44 spain Pol Espargaro  KTM 3 2'01.378 1.437 0.549 175.020 322
12 45 united_kingdom Scott Redding  Ducati 6 2'01.994 2.053 0.616 174.136 323
condividi
commenti
Silverstone, Libere 4: Lorenzo resta a piedi, ma poi è il più veloce
Articolo precedente

Silverstone, Libere 4: Lorenzo resta a piedi, ma poi è il più veloce

Articolo successivo

Dovizioso: "Non siamo al 100%, ma siamo molto vicini"

Dovizioso: "Non siamo al 100%, ma siamo molto vicini"
Carica i commenti