Pol Espargaró: "La Honda 2022 ha il grip che avevamo chiesto"

Pur essendo condizionato dalle sue condizioni fisiche, Pol Espargaro ha avuto modo di provare la versione 2022 della Honda MotoGP nella seconda giornata dei test collettivi di Jerez.

Pol Espargaró: "La Honda 2022 ha il grip che avevamo chiesto"

Pol Espargaro è stato vittima di un brutto incidente sabato scorso al Gran Premio della Comunità Valenciana, che gli ha impedito di prendere parte alla gara e lo sta influenzando anche nei test di questa settimana a Jerez, momento chiave per lo sviluppo della moto 2022, con la Honda che deve già fare a meno di Marc Marquez a causa del suo problema alla vista.

Il pilota della Honda ha guidato la moto 2021 giovedì per vedere se fisicamente fosse in grado di spingere la nuova moto al limite. Pol poi ha avuto modo di provare stamattina una delle due versioni della moto 2022, quella su cui era salito Alex Marquez nella prima giornata, mentre nel pomeriggio quello che aveva guidato Takaaki Nakagami.

"Sto meglio dopo la brutta botta che avevo preso sul lato destro. A livello polmonare mi sono ripreso e ora posso respirare bene. Sono contento, perché anche guidando male e non potendo mettere il peso sulla moto come vorrei, sto meglio. Il problema è il polso, fa molto male e il dolore raggiunge un punto in cui la mia mano si addormenta, quindi non posso fare più di tre giri e questo non aiuta", ha spiegato Pol.

Leggi anche:

Per quanto riguarda il piano di lavoro, il pilota della Honda ha cominciato la giornata con la moto 2021. Dopo un paio di giri per acclimatarsi, ha poi preso la 2022.

"Ho provato la moto 2021 e il primo prototipo 2022, con diversi set-up. Nel pomeriggio poi proverò anche il secondo prototipo, quello che ha usato Nakagami", ha spiegato.

"E' una moto molto diversa aerodinamicamente e, soprattutto, genera molto più grip al posteriore. Questo ci aiuterà ad essere più veloci e ad avere più fiducia sul posteriore. Soprattutto ci aiuterà in inserimento di curva, eliminando quella sensazione di galleggiamento che avevamo. In questo modo potremo usare di più il freno posteriore e frenare più tardi per sorpassare".

Una delle richieste riproposte più volte da Pol durante tutta la stagione era stato il grip.

"Senza dubbio, questo è il grip che chiedevo, hanno lavorato molto su questo aspetto ed abbiamo fato un grande passo avanti. Quando si genera molto grip posteriore sorgono altri problemi, soprattutto sull'anteriore, che soffre di più, quindi forse abbiamo bisogno di una gomma più morbida. Ma abbiamo ottenuto quello che abbiamo chiesto e ora dobbiamo fare il nostro lavoro e restituire lo sforzo", ha concluso.

Pol Espargaró, Repsol Honda Team
Pol Espargaró, Repsol Honda Team
1/7

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Pol Espargaró, Repsol Honda Team
Pol Espargaró, Repsol Honda Team
2/7

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Pol Espargaró, Repsol Honda Team
Pol Espargaró, Repsol Honda Team
3/7

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Pol Espargaró, Repsol Honda Team
Pol Espargaró, Repsol Honda Team
4/7

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Pol Espargaró, Repsol Honda Team
Pol Espargaró, Repsol Honda Team
5/7

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Pol Espargaró, Repsol Honda Team
Pol Espargaró, Repsol Honda Team
6/7

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Pol Espargaro, Repsol Honda Team
Pol Espargaro, Repsol Honda Team
7/7

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

condividi
commenti
MotoGP | Test Jerez: Mir e Rins recuperano la fiducia nella Suzuki
Articolo precedente

MotoGP | Test Jerez: Mir e Rins recuperano la fiducia nella Suzuki

Articolo successivo

Bagnaia: “Ducati ha migliorato una moto che era già perfetta!”

Bagnaia: “Ducati ha migliorato una moto che era già perfetta!”
Carica i commenti