Pol Espargaró: “Forzo finché una caduta non segna il limite”

Pol Espargaró ha debuttato in Qatar in sella alla Honda RC213V del team ufficiale Repsol e come obiettivo dei test si pone quello di chiudere al livello degli altri piloti della marca.

Pol Espargaró: “Forzo finché una caduta non segna il limite”

Pol Espargaro ha dovuto attendere molti mesi da quando ha deciso di correre con Honda all’inizio del 2020 fino al tanto sognato giorno del debutto, ma oggi è salito sulla sua moto in occasione dei test di Losail.

“Ho avuto un mix di sentimenti, il fatto di salire su sulla nuova moto, il tempo che ho dovuto aspettare, ci sono state un sacco di emozioni, ma quando ho spinto la frizione e sono partito, ho dimenticato tutto questo", ha spiegato il sabato sera dal circuito di Losail.

"Mi sono concentrato sull'analisi dei dati di Stefan Bradl, che è stato uno dei piloti più veloci ed è molto più sicuro di me con questa moto, soprattutto con l'anteriore. Ci sono alcuni punti in cui facciamo le cose in modo simile, ma in molti altri perdo molto tempo se mi confronto con lui", ha detto Pol.

"Conosce i limiti della moto molto meglio di me, e per esempio non ha bisogno di molti giri per ottenere il massimo dalla gomma, quando il mio miglior giro è stato il settimo della vita della gomma, e ho ripetuto quel tempo al giro 19. Domani spingerò di più, conoscerò il limite più da vicino e continuerò fino a quando una caduta mi dirà il limite della moto”.

Pol è la grande speranza della Honda mentre aspettano la ricomparsa di Marc Márquez. La squadra sta puntando tutto su di lui: "Ho parlato tutto il giorno con Takeo Yokoyama, con Alberto Puig e con tutti i membri della squadra. Hanno tutti un sacco di informazioni, probabilmente troppe, perché non sarò in grado di elaborarle tutte in una volta. Ho un anno davanti a me per assimilarlo".

La Honda ha la fama di essere una moto difficile, specialmente con il suo anteriore aggressivo: "La mia principale preoccupazione è l’anteriore. Non perché sia difficile, ma perché è la chiave di ogni moto. Ho tutto il materiale a disposizione, ma non è bene iniziare a cambiare le cose sulla moto il primo giorno. La cosa importante è ottenere la base, e quando questo accade inizieremo ad adattare la moto a me".

"Fino ad allora sarò io ad adattarmi. Sono in procinto di capire la parte anteriore. Finire a un secondo dal primo e a meno di un secondo dal primo Honda non è male. Ma voglio finire il test al livello delle altre Honda. Ho un ruolo enorme con tutto quello che devo migliorare, e la mia testa lavorerà stasera per essere pronto per domani. Trovi il limite dell'anteriore solo quando è chiuso, quindi è sempre più complicato capire come funziona il posteriore, che si controlla in derapata”.

Leggi anche:

Sulla difficoltà della moto, non ha voluto enfatizzare troppo la questione: "È una moto complicata, ma quale moto non è complicata in MotoGP? Penso che al giorno d'oggi classifichiamo una moto come complicata o meno a seconda dello stile di guida di ogni pilota. Per me, ad esempio, una moto con un grande passaggio in curva è molto più complicata di una Honda.

Pol ha stabilito un tempo di 1'55"878, ha finito 17esimo e ha completato 68 giri, solo uno in meno del pilota che ne ha fatti di più, Quartararo: "Siamo stati praticamente i primi a scendere in pista e ho fatto (quasi) più giri di chiunque altro. Ci siamo fermati a causa della limitazione delle gomme. Sono andato al mio limite, ma senza conoscere la moto è difficile ottenere tanto come Stefan, Alex Márquez o Takaaki Nakagami. Non avevo nessuna aspettativa perché Marc vince con questa moto e gli altri la trovano più difficile”.

Alla fine della giornata il miglior tempo del test è stato fissato dal fratello di Pol, Aleix, che ha anche detto che il nuovo pilota Honda è ora un contendente al titolo: "Beh, Aleix mi ama molto, è sempre stato un po' esagerato, ma a casa lo amiamo così”.

Pol Espargaró, Repsol Honda Team

Pol Espargaró, Repsol Honda Team
1/12

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Pol Espargaró, Repsol Honda Team

Pol Espargaró, Repsol Honda Team
2/12

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Pol Espargaró, Repsol Honda Team

Pol Espargaró, Repsol Honda Team
3/12

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Pol Espargaró, Repsol Honda Team

Pol Espargaró, Repsol Honda Team
4/12

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Pol Espargaró, Repsol Honda Team

Pol Espargaró, Repsol Honda Team
5/12

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Pol Espargaró, Repsol Honda Team

Pol Espargaró, Repsol Honda Team
6/12

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Pol Espargaró, Repsol Honda Team

Pol Espargaró, Repsol Honda Team
7/12

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Pol Espargaró, Repsol Honda Team

Pol Espargaró, Repsol Honda Team
8/12

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Pol Espargaró, Repsol Honda Team

Pol Espargaró, Repsol Honda Team
9/12

Foto di: Repsol Media

Pol Espargaró, Repsol Honda Team

Pol Espargaró, Repsol Honda Team
10/12

Foto di: Repsol Media

Pol Espargaró, Repsol Honda Team

Pol Espargaró, Repsol Honda Team
11/12

Foto di: Repsol Media

Pol Espargaró, Repsol Honda Team

Pol Espargaró, Repsol Honda Team
12/12

Foto di: Repsol Media

condividi
commenti
Espargaro: "L'Aprilia 2021 è piuttosto diversa da guidare"

Articolo precedente

Espargaro: "L'Aprilia 2021 è piuttosto diversa da guidare"

Articolo successivo

Yamaha e Suzuki resteranno cinque settimane in Qatar

Yamaha e Suzuki resteranno cinque settimane in Qatar
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie MotoGP
Evento GP del Qatar
Piloti Pol Espargaró Villà
Team Repsol Honda Team
Autore Oriol Puigdemont