Petrucci striglia Masia: "In MotoGP avrebbe saltato una gara!"

Il pilota della Ducati ha vissuto una qualifica deludente, ma ad attirare la sua attenzione è stata la pessima condotta di Masia in occasione delle Q1 della Moto3.

Petrucci striglia Masia: "In MotoGP avrebbe saltato una gara!"

Non sembra sbocciare l’amore tra Danilo Petrucci ed il tracciato del Red Bull Ring. Il pilota della Ducati, infatti, dopo essere riuscito a superare la tagliola del Q1 non ha brillato in Q2 ottenendo un modesto dodicesimo tempo in 1’24’’174 con mezzo secondo di ritardo da Pol Espargaro.

Petrucci non ha nascosto la propria delusione per un risultato che, tutto sommato, rispecchia l’attuale stato di forma delle Ducati ufficiali dato che Dovizioso non è riuscito a fare meglio del nono crono.

Sei giorni fa, però, Desmodovi è riuscito ad imporsi sul tracciato austriaco ed il passo gara dei due piloti della Casa di Borgo Panigale potrebbe fare sperare in un risultato positivo.

Petrucci, tuttavia, ritiene che partire così indietro su un circuito tortuoso come quello del Red Bull Ring sia estremamente penalizzante anche per il caos che solitamente si manifesta nelle prime due curve.

“E’ sempre difficile partire dietro, soprattutto qua dove superare è complicato dato che il tracciato impone un’unica traiettoria. Per quanto mi riguarda, inoltre, ho 11 piloti davanti da controllare e guadagnare posizioni è abbastanza rischioso. Già mi è capitato lo scorso anno e nella scorsa gara”.

Danilo ha affermato di non avere lo stesso passo gara del suo compagno di team Dovizioso, ma ha sottolineato come la differenza rispetto al forlivese sia di pochi decimi di secondo. Petrucci, però, spera che una eventuale rimonta non venga compromessa da manovre rischiose dei suoi rivali.

“In partenza tutti vanno larghi in curva 1 ed in curva 2 ed è sempre un casino. La pista inoltre è molto stretta e si frena forte. E’ un tracciato pericoloso ed è difficile guadagnare posizioni. Sicuramente non ho il passo per vincere, sono 2-3 decimi più lento rispetto a Dovi, ma partendo così dietro c’è da pregare che tutto fili liscio”.

Il pilota della Ducati è poi intervenuto in merito a quanto accaduto in Moto3 con Masia e non è certamente stato tenero con il francese.

“Se Masia avesse fatto quella manovra in MotoGP avrebbe saltato una gara. Strappare la carena, girare con la moto che perde olio e senza guanti è una roba che non si vede dagli anni 70”.

Danilo, infine, ha voluto commentare anche il terrificante episodio avvenuto nelle FP3 di Moto2 quando la moto di Medina è rimasta a centro pista (così come accaduto domenica scorsa con Bastianini) ed i commissari sono intervenuti mentre sopraggiungevano gli altri piloti.

 “Per quanto riguarda l’episodio avvenuto nelle libere di Moto2 non credo che i commissari abbiano responsabilità. Loro dovevano rimuovere la moto dalla pista e dovevano entrare per forza, mentre la direzione gara avrebbe dovuto esporre la bandiera rossa”.

Guarda il Gran Premio BMW M di Stiria live su DAZN. Attiva ora

Danilo Petrucci, Ducati Team
Danilo Petrucci, Ducati Team
1/22

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, Ducati Team
Danilo Petrucci, Ducati Team
2/22

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, Ducati Team
Danilo Petrucci, Ducati Team
3/22

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, Ducati Team
Danilo Petrucci, Ducati Team
4/22

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, Ducati Team
Danilo Petrucci, Ducati Team
5/22

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, Ducati Team
Danilo Petrucci, Ducati Team
6/22

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, Ducati Team
Danilo Petrucci, Ducati Team
7/22

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, Ducati Team
Danilo Petrucci, Ducati Team
8/22

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, Ducati Team
Danilo Petrucci, Ducati Team
9/22

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, Ducati Team
Danilo Petrucci, Ducati Team
10/22

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, Ducati Team
Danilo Petrucci, Ducati Team
11/22

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, Ducati Team
Danilo Petrucci, Ducati Team
12/22

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, Ducati Team
 Danilo Petrucci, Ducati Team
13/22

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, Ducati Team
Danilo Petrucci, Ducati Team
14/22

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, Ducati Team
Danilo Petrucci, Ducati Team
15/22

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT , Danilo Petrucci, Ducati Team
Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT , Danilo Petrucci, Ducati Team
16/22

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, Ducati Team
Danilo Petrucci, Ducati Team
17/22

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, Ducati Team
Danilo Petrucci, Ducati Team
18/22

Foto di: Ducati Corse

Danilo Petrucci, Ducati Team
Danilo Petrucci, Ducati Team
19/22

Foto di: Ducati Corse

Danilo Petrucci, Ducati Team
Danilo Petrucci, Ducati Team
20/22

Foto di: Ducati Corse

Danilo Petrucci, Ducati Team
Danilo Petrucci, Ducati Team
21/22

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, Ducati Team
Danilo Petrucci, Ducati Team
22/22

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

condividi
commenti
Ducati conferma Bagnaia e Zarco ma non indica i team

Articolo precedente

Ducati conferma Bagnaia e Zarco ma non indica i team

Articolo successivo

Dovizioso: "Si può vincere di nuovo, ma serve un capolavoro"

Dovizioso: "Si può vincere di nuovo, ma serve un capolavoro"
Carica i commenti