Petrucci arriva ad Assen con il quinto metatarso fratturato. E nel 2019 si porta Romagnoli in Ducati

condividi
commenti
Petrucci arriva ad Assen con il quinto metatarso fratturato. E nel 2019 si porta Romagnoli in Ducati
David Gruz
Di: David Gruz
28 giu 2018, 15:24

Danilo Petrucci ha rivelato di aver subito la frattura della punta del mignolo del piede nell'incidente avvenuto nei test subito dopo il GP di Catalogna di MotoGP.

Il pilota di Terni, fresco di firma con la squadra ufficiale Ducati, è stato vittima di una scivolata ad alta velocità alla curva 9 di Barcellona.

Dopo l'incidente, Petrucci ha detto di sentire molto male al piede, anche se riteneva di non aver riportato fratture nell'incidente.

Tuttavia, gli è stata successivamente diagnosticata la frattura del quinto metatarso quando si è sottoposto ad ulteriori accertamenti.

"Petrux" ha spiegato che l'infortunio ha compromesso il suo allenamento in vista del GP d'Olanda, ma ritiene che questo non influirà sulle sue prestazioni ad Assen.

"Sono caduto nei test di lunedì a Barcellona e quando sono tornato a casa ho fatto degli accertamenti che hanno evidenziato una piccola frattura del quinto metatarso" ha detto.

"Per questo la mia routine di allenamento non è stata la stessa, anche se non coredo che avrò problemi in moto, o almeno spero".

"Purtroppo non sono potuto andare in moto per allenarmi, correre o fare cose del genere".

"Posso camminare, riesco a fare il passo perché non è un grande dolore, è come avere un sassolino nella scarpa".

"La pista non è così impegnativa fisicamente, quindi penso che per me non ci saranno problemi.

Danilo si porta Romagnoli in Ducati

Petrucci il prossimo anno sostituirà Jorge Lorezo nella squadra ufficiale Ducati ed ha confermato che il suo capo tecnico Daniele Romagnoli e l'ingegnere elettronico Christian Battaglia lo seguiranno in questa avventura, perché crede che la continuità lo potrebbe aiutare il prossimo anno.

"E' una cosa che ho chiesto io e sarò con Daniele Romagnolo anche l'anno prossimo. Sarà il mio quinto anno con lui, quindi saranno di più di quelli che ha fatto insieme a Cal (Crutchlow)".

"E' un bravissimo ragazzo, che torna nella squadra ufficiale Ducati per la seconda volta, dopo esserci stato proprio con Cal nel 2014".

"Porterò anche il mio ingegnere Christian Battaglia, che è in MotoGP da tanto tempo. E' stato in Yamaha, poi in Honda e in Ducati, quindi è molto bravo".

"Avrò quindi le persone con cui parlo durante le sessioni, il responsabile dell'elettronica e della meccanica saranno con me l'anno prossimo".

"La Ducati è contenta, perché sono persone che fanno già parte della sua famiglia e credo che mi saranno d'aiuto perché li conosco molto bene".

Scherzando poi ha aggiunto: "Io vorrei portare tutti quelli che lavorano con me in Pramac, perché sono molto bravi, ma purtroppo non è possibile".

Informazioni aggiuntive di Mark Bremer

Prossimo articolo MotoGP
Valentino: "Come al solito la Yamaha va piano con gli sviluppi, bisogna avere un po' di pazienza"

Previous article

Valentino: "Come al solito la Yamaha va piano con gli sviluppi, bisogna avere un po' di pazienza"

Next article

Taramasso: "Nei test di Brno proveremo l'anteriore con il profilo largo con una nuova carcassa"

Taramasso: "Nei test di Brno proveremo l'anteriore con il profilo largo con una nuova carcassa"

Su questo articolo

Serie MotoGP
Evento GP d'Olanda
Sotto-evento Giovedì
Location Assen
Piloti Danilo Petrucci
Team Pramac Racing
Autore David Gruz
Tipo di articolo Ultime notizie