Petronas: "Morbidelli ha il nostro OK per andare in Yamaha"

Razlan Razali, boss del team Petronas, ha spiegato di aver dato l'OK a Franco Morbidelli per cercare di approdare nel team Yamaha ufficiale nel 2022. Ora la palla passa alla VR46 e alla Casa di Iwata.

Petronas: "Morbidelli ha il nostro OK per andare in Yamaha"

Maverick Vinales ha annunciato qualche settimana fa che al termine della stagione corrente lascerà il team ufficiale Yamaha di MotoGP, uscendo dal contratto con un anno d'anticipo. Questo ha aperto la corsa alla sella della M1 lasciata libera dal catalano su una delle moto attualmente più appetibili per le performance mostrate sino a questo punto della stagione.

Nella rosa dei candidati si è inserito prepotentemente il nostro Franco Morbidelli. Il pilota del team Petronas SRT Yamaha ha l'ambizione di correre per il team ufficiale di Iwata e i vertici del team Petronas gli hanno dato il nulla osta per trattare con la squadra che oggi schera Fabio Quartararo e Maverick Vinales.

A svelarlo è stato Razlan Razali, boss del team Petronas SRT Yamaha, alla rivista britannica MCN. "E' un percorso naturale, il suo sogno e non potremmo negargli quella possibilità. Ce l'ha chiesto e gli abbiamo dato il via libera. Ora è una discussione fra Yamaha e la VR46".

Qualora Valentino Rossi dovesse lasciare Petronas per andare in Ducati, alla VR46, le moto libere del team malese sarebbero addirittura 2. Razali ha affermato che affidare una M1 ad Andrea Dovizioso sarebbe una bella idea, ma lontana dalla missione della squadra.

"Andrea Dovizioso è un'idea molto attraente ma, con il massimo rispetto per Valentino, non vogliamo ritrovarci in una situazione simile a quella di quest'anno. Sono entrambi piloti fantastici, ma il livello si è alzato moltissimo. Valentino è più veloce rispetto all'anno scorso, ma fatica ad andare a punti. Dovizioso e fuori da un anno. Noi vogliamo ragazzi da plasmare, come abbiamo fatto con Quartararo".

Nella lista di candidati di Petronas ci sono diversi piloti che attualmente non corrono in MotoGP. Tra questi ci sono giovani del calibro di Razgatlioglu (che però ha rinnovato da poco il suo contratto con Yamaha Superbike) e pluri campioni come Rea. 

"Abbiamo fatto una lista di candidati di piloti che attualmente non sono in MotoGP e il nome di Rea c'era, così come quello di Razgatlioglu e di Gerloff, ma sfortunatamente l'età gioca contro a Jonathan. Vogliamo certamente concentrarci sui giovani".

"Stiamo guardando in Moto2, dal primo al nono posto, in cui c'è Vierge. Ci ancora piloti disponibili, come Marco Bezzecchi, Joe Roberts e Marcel Schrotter", ha concluso Razali.

condividi
commenti
Quartararo fa il Marquez della Yamaha

Articolo precedente

Quartararo fa il Marquez della Yamaha

Articolo successivo

Miller: “Voglio vincere ancora e non cadere di nuovo”

Miller: “Voglio vincere ancora e non cadere di nuovo”
Carica i commenti