Petronas: "l'eccezione" per Rossi frutto della pandemia

Il team Petronas doveva essere una squadra mirata a lanciare i giovani piloti, eppure è questa squadra che schiererà il veterano della griglia MotoGP nel 2021. Ma per il suo team principal, è una distorsione giustificata dalla situazione eccezionale causata dal Coronavirus.

Petronas: "l'eccezione" per Rossi frutto della pandemia

Il suo arrivo nella classe regina del Motomondiale nel 2019 aveva reso il team Petronas una delle nuove strutture adatte alla fioritura dei giovani piloti della MotoGP.

Succedendo a Tech 3 come un team Yamaha satellite, la squadra malese era stata introdotto sulla griglia con Franco Morbidelli, che aveva un anno di esperienza al momento, e il giovane Fabio Quartararo, che era stato promosso dalla classe Moto2 con sorpresa di molti.

Alla fine di questa prima stagione, i risultati ottenuti avevano definitivamente convalidato il progetto agli occhi dei più scettici, grazie soprattutto a Quartararo, Rookie of the Year e nuovo "sassolino" nello stivale di Marc Márquez.

Con il francese già in grado di essere ingaggiato dal team ufficiale Yamaha per il 2021, la fine del 2019 aveva spianato la strada al trasferimento del veterano Valentino Rossi nella squadra malese, in uno scambio Quartararo-Rossi ideale per il costruttore ma non così ovvio per la struttura satellite.

Razlan Razali è stato coinvolto nelle trattative che sono durate otto mesi, ma non ha fatto mistero della sua intenzione di non stendere il tappeto rosso a Valentino, resistendo fermamente al fatto che il pilota potrebbe essere percepito come superiore alla sua nuova squadra, al punto che avrebbe finito per privare la stella italiana di gran parte del suo fedele staff tecnico una volta che il trasferimento è stato finalmente concordato.

Leggi anche:

"Abbiamo fatto un'eccezione per Valentino Rossi, soprattutto a causa della pandemia", ha detto il boss malese a GPOne per spiegare il contesto in cui il 9 volte campione del mondo è stato reclutato. "Yamaha ci ha parlato di Valentino alla fine del 2019, e in una situazione normale lo avremmo valutato come qualsiasi altro pilota della Moto2 o della Moto3".

"Siamo sempre alla ricerca di giovani piloti, come abbiamo fatto con Fabio Quartararo. Ma avere Valentino è un'altra cosa, perché per noi nel 2021 sarà essenziale avere stabilità e prestazioni, è importante per la continuità della squadra. In uno scenario normale avremmo potuto prendere un pilota della Moto2, ma dato quello che stava arrivando, avrebbe significato avere un pilota che avrebbe iniziato la stagione con pochi test".

"Era troppo rischioso da considerare, quindi abbiamo preso la decisione con Valentino perché conosce la moto, ha un sacco di esperienza. E poi c'è anche la sfida di scoprire insieme quanto possiamo andare lontano con lui sulla moto".

Valentino Rossi, che ha firmato per un anno, ha immediatamente dichiarato il suo desiderio di attivare l'opzione che ha potenzialmente rimanere per un'altra stagione se gli indicatori saranno positivi. Ma nulla è meno certo, sia in termini di piani propri, quando il 2022 potrebbe aprire la possibilità di un proprio team in MotoGP per il "Dottore", o in termini di piani di Petronas.

Come sottolinea Razlan Razali, l'ingaggio di un pilota molto esperto per il 2021 è e rimarrà un'eccezione: "Abbiamo fatto un'eccezione per Valentino, ma i nostri piani sono sempre quelli di scoprire nuovi talenti e farli crescere per noi e per Yamaha in futuro".

Se la situazione sarà eccezionale, le ambizioni sono reali. "Sarà divertente avere un 'esordiente' come Valentino Rossi con noi! Correrà con Franco e sarà un anno emozionante per noi", si entusiasma Razlan Razali.

"Devo ringraziare Valentino per la fiducia che ha mostrato in noi. Devo dire che la decisione non è stata diretta, immediata. Un pilota come Valentino meritava di continuare la sua carriera, soprattutto dopo una stagione in piena pandemia".

"Vogliamo continuare ad essere veloci e competitivi, sappiamo che ha fatto parte di squadre ufficiali durante la sua carriera. Ma possiamo assicurargli che siamo molto professionali, anche senza la pressione di una squadra ufficiale. Penso che potrà anche andare da Morbidelli per qualche consiglio".

condividi
commenti
MotoGP: che effetto avrebbero i messaggi radio sui piloti?
Articolo precedente

MotoGP: che effetto avrebbero i messaggi radio sui piloti?

Articolo successivo

Gresini: una settimana senza febbre, ma il percorso è lungo

Gresini: una settimana senza febbre, ma il percorso è lungo
Carica i commenti