Perché il divorzio Vinales-Yamaha soddisfa entrambe le parti
Prime
MotoGP Analisi

Perché il divorzio Vinales-Yamaha soddisfa entrambe le parti

Di:

Lunedì Yamaha ha annunciato che si separerà da Maverick Vinales alla fine della stagione 2021 della MotoGP. Una risoluzione richiesta dal pilota. Mentre il rapporto già teso tra le due parti ha toccato il fondo nelle ultime settimane, questo divorzio - come scrive Oriol Puigdemont - è buono sia per la Yamaha che per Vinales per una serie di motivi.

La tensione tra Maverick Vinales e Yamaha è cresciuta, al punto che sia il pilota che il marchio hanno concluso che il modo migliore per risolvere il conflitto era quello di terminare il loro rapporto un anno prima della scadenza del contratto nel 2022.

Anche se la situazione è precipitata lo scorso fine settimana ad Assen, la tensione tra le due parti si trascinava da tempo. Infatti, la domenica precedente, dopo l'ultimo posto nel Gran Premio di Germania, l'attacco frontale di Vinales alla Yamaha aveva fatto dubitare i vertici della Casa giapponese che il loro pilota avrebbe persino corso nel GP d'Olanda. "Dopo il Sachsenring, la verità è che avevo poca voglia di venire qui", ha detto Vinales ad Assen.

condividi
commenti

Martin: "Ho parlato con Lorenzo per vedere come mi può aiutare"

Jorge Martin ha terminato la gara di Aragon in difficoltà dal punto di vista fisico, perché non è riuscito a trovare la posizione ideale sulla sua Ducati. Una situazione simile a quella di Jorge Lorenzo nel 2017.

Dovizioso: "Sognavo la Yamaha, non potevo dire no"

Il forlivese ha spiegato quali sono stati i motivi che lo hanno portato a preferire la Yamaha all'Aprilia, anche se l'inizio dell'avventura con Petronas può rappresentare un rischio, visto che prima di avere la M1 ufficiale nel 2022 dovrà disputare le ultime cinque gare del 2021 in sella alla "Spec B" del 2019.

Quartararo ammette l'errore di Aragon: "Pressione della gomma troppo alta"

Fabio Quartararo ha spiegato che c'è stato un errore nella gestione della pressione degli pneumatici alla base della gara difficile che ha vissuto domenica scorsa ad Aragon.

Marquez: “Da quando sono rientrato non mi diverto sulla moto”

Marc Marquez riconosce che dal suo ritorno in MotoGP i momenti divertenti con la Honda sono stati pochi. Lo spagnolo cerca diverse soluzioni per migliorare la sua condizione fisica, ma esclude un nuovo intervento.

Bagnaia: “Abbiamo chiesto più uniformità sulle gomme”

Pecco Bagnaia arriva a Misano forte della vittoria della scorsa settimana ad Aragon e punta a dare il massimo sulla pista di casa. Chiave però sarà il ruolo delle gomme, a cui i piloti chiedono a gran voce uniformità.

Rossi: "Sono orgoglioso di Morbidelli e Bagnaia"

Arrivato alla sua penultima Misano, il "Dottore" è stato tra i protagonisti della conferenza stampa di oggi ed ha reso omaggio alle punte di diamante della VR46 Riders Academy, che sono anche i piloti del momento: Franco Morbidelli debutta nel team ufficiale Yamaha, mentre Pecco Bagnaia è reduce dalla bellissima vittoria di Aragon.

Morbidelli: “Questa Yamaha ufficiale me la meritavo!”

Franco Morbidelli rientra a Misano dopo aver saltato cinque gare per l’infortunio e l’operazione al ginocchio e lo fa da pilota ufficiale Yamaha. Il pilota romano sarà in forza al team factory già da questo fine settimana e ha annunciato il biennale con la Casa di Iwata propri quest’oggi.

Pirro: “Questa è la miglior Ducati di sempre!”

Michele Pirro disputerà il Gran Premio di San Marino come wild card e lo farà in sella alla terza Ducati ufficiale. Il tester della Rossa di Borgo Panigale è ormai un veterano e ritiene che questa Desmosedici sia la migliore di sempre.

Denning: "Razgatioglu e Gerloff candidati alla MotoGP"

Articolo precedente

Denning: "Razgatioglu e Gerloff candidati alla MotoGP"

Articolo successivo

Taramasso: "Gomma dura ad Assen? Scelta per la stabilità"

Taramasso: "Gomma dura ad Assen? Scelta per la stabilità"
Carica i commenti