Ducati, orgoglio Domenicali: "La moto migliore del mondo è italiana!"

L'amministratore delegato della Ducati ha celebrato il titolo Costruttori MotoGP conquistato con una gara d'anticipo a Portimao, sottolineando anche quanto abbia pagato aver scommesso sulla linea giovane con i piloti.

Ducati, orgoglio Domenicali: "La moto migliore del mondo è italiana!"

La Ducati continua a sfiorare solamente il titolo piloti della MotoGP, ma per il secondo anno consecutivo si è confermata la moto migliore del lotto. Grazie alla vittoria di Pecco Bagnaia nel Gran Premio dell'Algarve, la terza stagionale per il pilota piemontese e la sesta per la Rossa, la Casa di Borgo Panigale si è confermata campione del mondo Costruttori con una gara d'anticipo.

Un bel riconoscimento per il grande lavoro fatto in questi da Gigi Dall'Igna e dai suoi uomini, che premia una stagione in cui le soddisfazioni non sono mancate, perché oltre alle sei vittorie ci sono state anche dieci pole position. E per la Ducati si tratta del terzo Costruttori MotoGP della storia, dopo quello dello scorso anno e dell'annata trionfale del 2007, quando arrivò anche l'unico Mondiale piloti della storia con Casey Stoner.

L'amministratore delegato, Claudio Domenicali, ha espresso quindi il suo orgoglio per questo trionfo: "La moto migliore del mondo è Italiana. Vincere il titolo costruttori per il secondo anno consecutivo è un grande successo e ci riempie di orgoglio. Ancora una volta il lavoro di squadra di ingegneri e piloti ha dato ottimi risultati, la Desmosedici GP si è confermata come molto competitiva portando sul podio 5 sui 6 piloti che hanno corso su moto Ducati il campionato".

Leggi anche:

L'ingegnere bolognese ha voluto dare merito anche ai piloti, sottolineando però come sia stata ripagata la scommessa di aprire un nuovo ciclo e puntare sui giovani.

"Pecco Bagnaia, Jack Miller, Jorge Martin, Johann Zarco, Enea Bastianini e Luca Marini sono stati tutti straordinari e voglio ringraziarli per averci regalato una stagione piena di emozioni con 6 vittorie e il record di podi nonostante una gara ancora da disputare, 21. Abbiamo scommesso su questi giovani talenti e sulla loro energia senza rimanere delusi".

Ora ovviamente l'obiettivo è provare a continuare su questa strada, per provare il prossimo anno a centrare quell'obiettivo che ormai manca da troppo tempo, dal lontano 2007.

"Un grande ringraziamento anche a tutto il team Ducati Corse, per essere riuscito nuovamente a portare a casa questo grande risultato, lavorando con la passione e la determinazione che da sempre contraddistingue ogni membro della famiglia Ducati in pista. Ora non ci resta che chiudere la stagione al meglio con la gara di Valencia e poi guardare al prossimo anno con la voglia di migliorarci sempre di più".

Claudio Domenicali, CEO Ducati Motor Holding

Claudio Domenicali, CEO Ducati Motor Holding

Photo by: Gold and Goose / Motorsport Images

condividi
commenti
MotoGP | Gli orari TV di Sky, DAZN e TV8 del GP di Valencia
Articolo precedente

MotoGP | Gli orari TV di Sky, DAZN e TV8 del GP di Valencia

Articolo successivo

Sollievo Oliveira: gli esami non evidenziano complicazioni

Sollievo Oliveira: gli esami non evidenziano complicazioni
Carica i commenti