Motorsport.com e GPOne.com: l'unione fa la forza

Nel video che pubblichiamo Franco Nugnes, direttore di Motorsport.com Italia, e Paolo Scalera, direttore di GPOne.com, spiegano quali sono i cardini di una collaborazione che parte con l'obiettivo di creare un importante polo verticale sul mondo motociclistico che vedrà coinvolto attivamente anche OmniMoto.it. Scopriamo quali saranno le sinergie e le opportunità di offrire voci con differenti punti di vista.

Cari lettori è con grande piacere che posso darvi una bella notizia: Motorsport Network Italia aggiunge alla sua offerta editoriale GPOne.com, il magazine digitale dedicato al motociclismo sportivo diretto dall’amico Paolo Scalera.

Insieme daremo il via a una serie di iniziative incrociate, che ci permetteranno di allargare la platea di lettori interessati alle due ruote da corsa cercando di alzare la qualità dei servizi offerti grazie alla piena cooperazione di due staff professionali pronti a scambiarsi esperienze, informazioni e commenti, pur mantenendo ciascuno la propria linea editoriale.

L’idea non è affatto quella di puntare a un “pensiero unico” quanto di allargare e condividere le voci con differenti punti di vista.

L’operazione strategica punta a creare un importante polo verticale sul prodotto motociclistico e vedrà coinvolta attivamente anche OmniMoto.it, la testata due ruote già appartenente al Gruppo.

OmniMoto.it sarà integrato in GPOne.com, ma continuerà a vivere all’interno del sito focalizzandosi sul prodotto grazie agli approfondimenti, ai test di prodotto, alle produzioni video.

Amici di Motorsport.com, quindi, non dovrete sorprendervi se cliccando, per esempio, le cronache di Moto2 e Moto3 verrete reindirizzati su GPOne.com, perché saremo un’unica famiglia. Anche perché i lettori di Paolo saranno direttamente coinvolti in molte iniziative del nostro sito.

Se volete saperne di più sull’avvio di questa collaborazione gustatevi questo video che abbiamo registrato con Paolo Scalera.

condividi
commenti
Quartararo: “A Losail riesco a guidare velocemente”
Articolo precedente

Quartararo: “A Losail riesco a guidare velocemente”

Articolo successivo

Honda: il time attack è la prima preoccupazione

Honda: il time attack è la prima preoccupazione
Carica i commenti