Il nuovo ammortizzatore Showa esalta Bautista

Il nuovo ammortizzatore Showa esalta Bautista

Lo spagnolo ha trovato il feeling con il posteriore della sua Honda e segnato il miglior tempo

A tre settimane dal primo test ufficiale del 2014, entrambi i piloti del Team GO&FUN Honda Gresini, Alvaro Bautista e Scott Redding, sono tornati in azione oggi sul circuito di Sepang riprendendo il lavoro sulle proprie moto cominciato all’inizio di febbraio. Bautista ha mostrato immediatamente ottime performance, risultato del buon lavoro svolto sulle sospensioni assieme a Showa: lo spagnolo ha infatti chiuso questa prima giornata in cima alla lista dei tempi con il crono di 2’00”848, un rilievo già molto vicino a quello con cui Alvaro aveva chiuso la tre giorni di test a inizio mese, quando le condizioni della pista erano migliori rispetto a quelle incontrate oggi. Il suo compagno di squadra, Scott Redding, ha lavorato sulla ciclistica della Honda RCV1000R provando alcune soluzioni di sospensioni e variando le geometrie, ottenendo un incoraggiante 2’03”553, rilievo che migliora quanto ottenuto nella prima giornata di test di inizio febbraio, nonostante condizioni della pista peggiori. Alvaro Bautista: "E’ stato un giorno di prove veramente molto positivo! Abbiamo lavorato molto bene sul posteriore della moto, un’area che a inizio mese ci aveva dato qualche problema di troppo, ottenendo ottimi riscontri: la Showa ha realizzato un nuovo ammortizzatore alquanto differente da quello usato finora, che si è subito dimostrato adatto alle nostre esigenze. Oltre ad aver segnato dei buoni tempi, nonostante la pista fosse in condizioni peggiori rispetto al primo test, sono contento soprattutto perché il mio feeling con le nuove gomme Bridgestone è migliorato tanto e adesso ho buone sensazioni mentre guido. Abbiamo imboccato la strada giusta: domattina continueremo a lavorare, concentrandoci anche sull’anteriore, mentre nel pomeriggio se ne avremo la possibilità vorremmo provare una prima simulazione di gara". Scott Redding: "Oggi abbiamo lavorato bene soprattutto all’inizio, provando varie soluzioni di sospensioni e variando le geometrie, ma purtroppo al momento non siamo ancora riusciti a trovare qualcosa che ci faccia fare un significativo passo in avanti, per cui i nostri tempi non sono scesi molto. C’è da considerare che oggi la pista non era nelle stesse condizioni incontrate a inizio mese, quindi è positivo che Hayden, ad esempio, sia andato comunque veloce, e ciò ci rende fiduciosi: siamo convinti che potremo ridurre il gap da Nicky, ma dovremo riuscire a smuovere un po’ questa situazione. Continueremo a lavorare, soprattutto per quanto riguarda la frenata, mentre sul fronte dell’elettronica abbiamo raggiunto un buon setting".
Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati MotoGP
Piloti Alvaro Bautista , Scott Redding
Articolo di tipo Ultime notizie