MotoGP | Test Jerez: Mir e Rins recuperano la fiducia nella Suzuki

Joan Mir a Alex Rins hanno terminato con soddisfazione la prima giornata di lavoro nei test di Jerez grazie alla quantità di pezzi nuovi portati da Suzuki.

MotoGP | Test Jerez: Mir e Rins recuperano la fiducia nella Suzuki

La stagione di Suzuki, team campione del mondo 2020, ha avuto un brusco calo nell’ultima gara del 2021 disputata a Valencia, dove Joan Mir è stato molto deluso da una mancanza di prestazioni che gli ha impedito di lottare con la Ducati, mentre Alex Rins è finito a terra quando era in lotta per il podio.

Tuttavia, il primo giorno di lavoro nei test pre-stagionali 2022 a Jerez ha sollevato leggermente gli animi di entrambi i piloti: “Dal 2019 al 2020 non hanno portato tante cose. C’è una reazione della Suzuki, e per un pilota questo è molto motivante. Se questo motore ha più potenziale, i giri veloci saranno migliori. Ma non è ancora pronto, dobbiamo ancora sistemarlo per la stagione”, ha dichiarato Mir alla fine della prima giornata.

Il maiorchino però è stato cauto sugli sviluppi della moto, che al momento sembra facciano dimenticare il weekend negativo di Valencia: “È presto perché stiamo lavorando bene. Sto cercando di fare un reset e iniziare come se fossimo già nel 2022”.

Rins, da parte sua, è apparso come al solito più ottimista del suo compagno di squadra e ha descritto la giornata come molto buona: “Sono contento di come è andata la giornata. Abbiamo testato diverse cose e tutto è andato bene. Ci siamo concentrati sul motore 2022, che ha un po’ più potenza. Dobbiamo continuare a lavorare, abbiamo ancora un telaio da assemblare, che Joan ha avuto nella prima giornata e io avrò oggi, e anche alcune carenature. Vediamo come va”.

Per quanto riguarda il test di Misano, a Rins è stato chiesto se è stato un passo avanti: “A Misano avevamo questo motore ed è abbastanza simile. È una strada diversa e questo è un bene. Abbiamo più cose da testare che in questo momento sono nel box e ci sono molte parti pronte. È un buon segno, non siamo davanti in termini di tempi sul giro più veloce, ma sono contento della coerenza che siamo stati in grado di avere con questa moto. Penso che siamo partiti bene”.

Se queste nuove caratteristiche e parti hanno aumentato il suo morale, il catalano è stato positivo: “La verità è che sì, sono motivato. Era il primo giorno del 2022 ed è andato abbastanza bene. Sono felice”.

condividi
commenti
MotoGP | Cosa stanno provando i team nei test di Jerez
Articolo precedente

MotoGP | Cosa stanno provando i team nei test di Jerez

Articolo successivo

Pol Espargaró: "La Honda 2022 ha il grip che avevamo chiesto"

Pol Espargaró: "La Honda 2022 ha il grip che avevamo chiesto"
Carica i commenti