MotoGP, Teruel, Libere 1: Alex Marquez guida il dominio Honda

Prosegue il momento magico dello spagnolo, autore del miglior tempo, ma ci sono ben tre Honda nelle prime quattro posizioni. Mir è terzo e Vinales sesto, mentre Dovizioso e Quartararo fanno tanta fatica.

MotoGP, Teruel, Libere 1: Alex Marquez guida il dominio Honda

Marc Marquez è ancora a casa, alle prese con il recupero dall'infortunio all'omero destro, ma la Honda sta tornando a far paura. E lo sta facendo proprio con l'altra Marquez, il fratello Alex.

Il campione del mondo della Moto2 sta continuando la sua clamorosa progressione: secondo in gara a Le Mans sul bagnato, secondo ad Aragon sull'asciutto, stamattina ha iniziato alla grande il weekend del Gran Premio di Teruel, staccando il miglior tempo nella prima sessione di prove libere.

In un certo senso, Alex ha seguito le orme del fratello, perché ha sfoderato un 1'48"184 con cui ha distanziato di quasi mezzo secondo il diretto inseguitore Takaaki Nakagami, ma poi è scivolato alla curva 16 nel tentativo di migliorare ulteriormente la sua prestazione nel finale. Il tutto però con la guida fluida di chi sembra aver le carte in regola per puntare al bersaglio grosso domenica.

In generale però è stata una grande sessione per la Honda, perché oltre al secondo tempo di Nakagami probabilmente la prestazione più clamorosa è il quarto tempo del collaudatore Stefan Bradl. Nonostante un problema tecnico accusato nel finale, anche Cal Crutchlow poi al momento sarebbe in Q2 con il decimo tempo.

L'intruso in mezzo alle tre Honda nelle primissime posizioni è stato il leader iridato Joan Mir, anche se con la sua Suzuki ha pagato ben 809 millesimi nei confronti di Marquez. Le Yamaha di Franco Morbidelli e Maverick Vinales poi non sono troppo distanti, in quinta ed in sesta posizione, seppur distanziate di quasi un secondo dal leader.

Dopo la gara da dimenticare di domenica, dovuta ad una pressione troppo alta sulla gomma anteriore, Fabio Quartararo ha continuato a faticare tantissimo: il portacolori della Yamaha Petronas non è andato oltre al 17esimo tempo, con un ritardo di oltre 1"4.

Anche in casa Ducati però le cose non sono andate troppo meglio rispetto allo scorso weekend. Al momento il solo Jack Miller sarebbe in Q2, con il settimo tempo, ma l'australiano del Pramac Racing sembra essere l'unico ad aver trovato una chiave per essere veloce con la Desmosedici GP.

Le due moto ufficiali di Danilo Petrucci ed Andrea Dovizioso sono in 14esima e 16esima posizione, mentre quella di Pecco Bagnaia è addirittura in 21esima ed ultima posizione. Il piemontese sembra aver perso completamente il feeling che aveva trovato con il set-up approntato per la gara di domenica scorsa e non è neppure riuscito a scendere sotto all'1'50".

Tornando a scorrere la classifica nelle posizioni che contano, i due fratelli Espargaro completano una top 10 che al momento vedrebbe tutte le Case rappresentate in Q2. L'Aprilia di Aleix ha staccato l'ottavo tempo, precedendo di una manciata di millesimi la KTM di Pol. Fuori dalla Q2 quindi ci sarebbe anche il vincitore del GP di Aragon, Alex Rins, che ha chiuso solo 12esimo a quasi 1"2 con la sua Suzuki.

Cla Pilota moto Moto Giri Tempo Distacco Distacco km orari
1 Spain Alex Marquez
Honda 18 1'48.184 168.978
2 Japan Takaaki Nakagami
Honda 21 1'48.622 0.438 0.438 168.297
3 Spain Joan Mir Mayrata
Suzuki 20 1'48.993 0.809 0.371 167.724
4 Germany Stefan Bradl
Honda 19 1'49.003 0.819 0.010 167.709
5 Italy Franco Morbidelli
Yamaha 21 1'49.100 0.916 0.097 167.560
6 Spain Maverick Ruiz Viñales
Yamaha 17 1'49.176 0.992 0.076 167.443
7 Australia Jack Peter Miller
Ducati 16 1'49.211 1.027 0.035 167.389
8 Spain Aleix Espargaró Villà
Aprilia 19 1'49.305 1.121 0.094 167.245
9 Spain Pol Espargaró Villà
KTM 15 1'49.346 1.162 0.041 167.183
10 United Kingdom Cal Crutchlow
Honda 13 1'49.356 1.172 0.010 167.167
11 France Johann Zarco
Ducati 19 1'49.360 1.176 0.004 167.161
12 Spain Alejandro Álex Rins Navarro
Suzuki 20 1'49.372 1.188 0.012 167.143
13 Portugal Miguel Ângelo Falcão de Oliveira
KTM 17 1'49.442 1.258 0.070 167.036
14 Italy Danilo Carlo Petrucci
Ducati 19 1'49.482 1.298 0.040 166.975
15 Spain Iker Lecuona
KTM 18 1'49.501 1.317 0.019 166.946
16 Italy Andrea Dovizioso
Ducati 18 1'49.512 1.328 0.011 166.929
17 France Fabio Quartararo
Yamaha 18 1'49.621 1.437 0.109 166.763
18 United Kingdom Bradley Smith
Aprilia 18 1'49.727 1.543 0.106 166.602
19 South Africa Brad Binder
KTM 17 1'49.962 1.778 0.235 166.246
20 Spain Esteve "Tito" Rabat Bergada
Ducati 22 1'50.215 2.031 0.253 165.864
21 Italy Francesco Bagnaia
Ducati 16 1'50.251 2.067 0.036 165.810
condividi
commenti
Quartararo: Michelin conferma pressione di base troppo alta
Articolo precedente

Quartararo: Michelin conferma pressione di base troppo alta

Articolo successivo

MotoGP, Teruel, Libere 2: Nakagami in vetta, Ducati a picco

MotoGP, Teruel, Libere 2: Nakagami in vetta, Ducati a picco
Carica i commenti