MotoGP | Combustibili sostenibili al 100% entro il 2027

Il campionato mondiale di MotoGP ha annunciato la tabella di marcia per il passaggio a carburanti sostenibili nelle sue tre categorie, un processo che dovrebbe essere completato in sei anni.

MotoGP | Combustibili sostenibili al 100% entro il 2027

Il Campionato Mondiale MotoGP e la FIM hanno annunciato oggi la loro intenzione di guidare il passaggio dai combustibili fossili a quelli sostenibili al 100%. In un comunicato stampa, la MotoGP spiega che “è una piattaforma globale con il potere di guidare l'evoluzione delle industrie della moto e della mobilità. Posizionato in modo unico come uno degli sport più popolari e tecnologicamente avanzati del mondo, è un 'laboratorio' di corse guidato da innovazione e sviluppo”.

La tabella di marcia, concordata con i produttori coinvolti nel campionato, stabilisce due date chiave per raggiungere la sostenibilità in questo settore. “Entro il 2024, il carburante in tutte le classi della MotoGP avrà un minimo di origine non fossile del 40%, mentre entro il 2027, il carburante in tutte le classi sarà del 100% di origine non fossile”, dice l'annuncio congiunto di FIM e Dorna.

In un settore chiave per la mobilità globale, con più di 60 milioni di moto vendute in tutto il mondo ogni anno, il passaggio ai combustibili non fossili avrebbe un grande impatto sulla riduzione delle emissioni: “La MotoGP diventerà una piattaforma per lo sviluppo di questi carburanti, con ogni costruttore che lavorerà con il suo fornitore per sviluppare il proprio carburante. Lo sviluppo di carburanti multipli assicurerà che la tecnologia e le conoscenze raggiungano le moto e le pompe di consumo sulla strada. Senza un solo produttore, l'iniziativa garantisce un impatto globale senza precedenti”.

L'obiettivo dell'iniziativa è che questi carburanti possano essere utilizzati in motori convenzionali e siano sintetici: “Potranno essere utilizzati in un motore a combustione interna standard e saranno creati in laboratorio, utilizzando componenti di un sistema di cattura del carbonio, o derivati da rifiuti urbani o biomassa non alimentare, ottenendo così un risparmio significativo nelle emissioni di gas serra rispetto alla benzina a base fossile. I fornitori di carburante introdurranno progressivamente l'uso di energia rinnovabile nella produzione del loro carburante".

Mentre nella MotoGP ogni produttore lavorerà con il proprio partner, come Repsol, Shell, Elf, ETS o Petronas, tra gli altri, nelle classi Moto2 e Moto3 continueranno con un unico fornitore che dovrebbe introdurre un carburante parzialmente sostenibile nel 2024, per raggiungere il 100% entro il 2027.

condividi
commenti
Gardner: “Mi aspettavo peggio da KTM in MotoGP”
Articolo precedente

Gardner: “Mi aspettavo peggio da KTM in MotoGP”

Articolo successivo

Ribaltone in KTM: esce Leitner e arriva Francesco Guidotti

Ribaltone in KTM: esce Leitner e arriva Francesco Guidotti
Carica i commenti