Brivio: "Prima di tutto dobbiamo avvicinare la Ducati"

Obiettivi realistici nel 2015 per la Suzuki, che concentra lo sviluppo della GSX-RR su elettronica e motore

Brivio:

Nella giornata di ieri la Suzuki ha ufficializzato il suo ritorno in MotoGp a partire dalla stagione 2015, annunciando anche che i suoi piloti saranno Aleix Espargaro e Maverick Vinales. Durante la conferenza di ieri, all'Intermot di Colonia, il team principal Davide Brivio ha parlato di quelli che saranno gli obiettivi della Casa di Hamamatsu, ma anche dello sviluppo della GSX-RR.

Per quanto riguarda il 2015, bisogna dire che il manager italiano sembra piuttosto realista: "Dobbiamo cercare di avvicinarci prima di tutto alla Ducati, anche se loro competono giá da molti anni. Dopo di chè, possiamo puntare al vertice...".

Uno dei temi più caldi per quanto riguarda l'evoluzione della GSX-RR è l'elettronica: "Ora stiamo lavorando molto sull'elettronica, perché ci sono software molto sofisticati in MotoGp e noi siamo stati fuori per un paio di anni, quindi abbiamo bisogno di recuperare. Inoltre stiamo lavorando sulle prestazioni del motore - non tanto per la velocità massima del motore – quanto sulla guidabilità e la potenza. Dobbiamo scendere in pista e vedere dove siamo; e quanto lavoro dobbiamo fare!".

In MotoGp la Suzuki aveva una tradizione di motori a V, ma per la sua nuova moto ha deciso di passare ai quattro cilindri in linea. Il motivo è semplice: "Per essere anche più vicini alle moto di produzione. Uno degli obiettivi della partecipazione in MotoGp è quello di sviluppare la tecnologia da trasferire poi alle moto di serie. Quindi, utilizzando lo stesso layout del motore si crea un legame più forte con la produzione. Questo è il nostro scopo".

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati MotoGP
Articolo di tipo Ultime notizie