MotoGP | Salta il primo test di Pedro Acosta sulla KTM a Jerez

Le cattive condizioni meteorologiche hanno impedito a Pedro Acosta di salire per la prima volta sulla KTM RC16 MotoGP al Circuito di Jerez lunedì come inizialmente previsto.

MotoGP | Salta il primo test di Pedro Acosta sulla KTM a Jerez

Il Campione del Mondo Moto3 2021 e rookie of the year di questa stagione in Moto2, lo spagnolo Pedro Acosta, ha ricevuto lunedì un invito da KTM per guidare una RC16 MotoGP della scuderia austriaca, come ricompensa per le sue buone prestazioni nei due anni in cui ha partecipato al Mondiale.

La Casa di Mattighofen aveva affittato il circuito di Jerez per effettuare un test con i suoi piloti in tutte e tre le categorie da sabato a lunedì. Domenica Acosta era in sella alla Moto2 del prossimo anno, mentre il collaudatore KTM Dani Pedrosa stava sviluppando la RC16 del prossimo anno per mettere a punto la moto che è stata provata nei test di Valencia dai piloti titolari, Brad Binder e Jack Miller.

I vertici della KTM avevano previsto che Acosta facesse qualche giro sulla MotoGP al termine del test di lunedì a mezzogiorno, ma le condizioni meteorologiche, con molte nuvole, vento e pioggia, hanno reso sconsigliabile per il ragazzo di Murcia il primo contatto con la moto in condizioni difficili, come ha dichiarato il suo manager a Motorsport.com.

Dopo aver atteso qualche ora per vedere se le condizioni sarebbero cambiate senza fortuna, Acosta ha lasciato la pista di Jerez poco dopo le cinque del pomeriggio per iniziare la sua pausa invernale e prepararsi alla stagione 2023 che, sulla carta, sarà la sua ultima nella classe intermedia prima di fare il salto definitivo alla classe regina nel 2024 con la KTM, con la quale ha un contratto fino alla fine di quella stagione. Condizionato, appunto, a correre in MotoGP quell'anno.

A Jerez questo fine settimana c'era anche il nuovo pilota del team Ajo-KTM Moto2 e anche campione della Moto3 nel 2020, Albert Arenas, che ha potuto provare la moto Kalex con cui gareggerà nel 2023, dopo due anni con il team Aspar nella classe intermedia nei quali gli è mancata un po' di fortuna per fare un passo avanti, che ora spera di fare nella struttura di campione del mondo degli ultimi due anni.

Leggi anche:
condividi
commenti
Il doloroso addio della Clinica Mobile dopo 45 anni nei Gran Premi
Articolo precedente

Il doloroso addio della Clinica Mobile dopo 45 anni nei Gran Premi

Articolo successivo

MotoGP | Crutchlow: "Non ho mai visto la Yamaha lavorare così duramente"

MotoGP | Crutchlow: "Non ho mai visto la Yamaha lavorare così duramente"