MotoGP | Sahara: “Essere team manager Suzuki nel 2021 mi ha sopraffatto”

Shinichi Sahara afferma che il proprio team ha preso la decisione di affrontare la stagione 2021 non come campioni che difendono il mondiale, ma di nuovo come contendenti al titolo. Il project leader Suzuki ammette inoltre che il doppio ruolo quest’anno lo ha sopraffatto e che sono nelle fasi decisive per trovare un sostituto di Brivio.

MotoGP | Sahara: “Essere team manager Suzuki nel 2021 mi ha sopraffatto”

Joan Mir ha portato il titolo MotoGP in Suzuki lo scorso anno dopo l’ultimo conquistato nel 2000 e la squadra della grande S ha conquistato anche il titolo dei team. La difesa però è stata dura nel 2021, e Suzuki ha chiuso l’ultima stagione senza nemmeno una vittoria e con Mir in grado di conquistare solo sei podi nelle 18 gare disputate a causa di una mancanza di sviluppo della GSX-RR rispetto alla versione del 2020.

Riflettendo sulla stagione 2021, il boss Shinichi Sahara ha dichiarato: “Lo scorso anno abbiamo conquistato il titolo piloti e team. In confronto con il 2020, questa stagione è stata molto difficile. Prima di iniziare quest’anno abbiamo deciso di non voler difendere il titolo di campioni, ma di essere nuovamente dei contendenti per conquistare la prima posizione ad ogni gara”.

“Il risultato però è che abbiamo avuto dei momenti difficili a metà stagione e anche nella prima parte dell’anno. Fortunatamente abbiamo due piloti forti, Joan è molto consistente e ha velocità. Abbiamo bisogno di qualcosa per ottenere più velocità e risultati. Come tutti sanno, la Suzuki spesso fatica a ottenere buoni risultati in qualifica. Questo lo paghiamo in gara, quindi è molto difficile”.

Shinichi Sahara, Team Suzuki MotoGP

Shinichi Sahara, Team Suzuki MotoGP

Photo by: Gold and Goose / Motorsport Images

Suzuki ha subìto un rimescolamento importante in vista del 2021, quando il team manager Davide Brivio ha deciso di lasciare per andare in Formula 1 con il team Alpine. L’allora project leader Sahara è diventato team manager de facto, perché la Casa di Hamamatsu ha deciso di non sostituire direttamente Brivio, ma di dividere i compiti tra le persone che fossero all’interno del team.

Sahara ha ammesso che il suo nuovo ruolo nel 2021 lo ha sopraffatto e ora si trova nella fase di ricerca di un sostituto di Brivio, escludendo un ritorno dell’italiano nella squadra: “Il mio nuovo ruolo come team manager è stato troppo per me. Mi ha sopraffatto. Ma tutto è stato fatto nella maniera corretta con il supporto degli altri membri del team. Quindi, in questo senso, sono molto soddisfatto. Sto provando a creare una nuova struttura per l’anno prossimo, invitare un nuovo team manager. Queste sono le fasi finali per fissare tutto”.

condividi
commenti
Espargaró: “Nessun ingegnere Honda mi ha mai chiesto di KTM”
Articolo precedente

Espargaró: “Nessun ingegnere Honda mi ha mai chiesto di KTM”

Articolo successivo

Pagelle MotoGP | Suzuki plafonata, Mir ci prova ma non basta

Pagelle MotoGP | Suzuki plafonata, Mir ci prova ma non basta
Carica i commenti