Sachsenring, Warm-Up: Marquez detta ancora legge

Sachsenring, Warm-Up: Marquez detta ancora legge

Solo Pedrosa riesce a rimanere vicino a Marc, mentre le due Yamaha sono ad oltre mezzo secondo

Il momento di grande forma di Marc Marquez è proseguito anche nel Warm-Up di questa mattina al Sachsenring: con questa, lo spagnolo della Honda ha comandato ogni singola sessione del weekend del Gp di Germania di MotoGp, fatta eccezione per la Q1, alla quale non ha dovuto prendere parte avendo avuto accesso diretto alla Q2.

Qualora fosse ancora necessario, stamani il campione del mondo in carica ha ribadito di essere in una posizione di forza in vista della gara di oggi pomeriggio, perché con il suo 1'21"322 ha tenuto a distanza le due Yamaha ufficiali di Jorge Lorenzo e Valentino Rossi, che pagano rispettivamente cinque e sei decimi, quindi non sembrano aver fatto per il momento quello step necessario per andare a riprenderlo.

L'unica minaccia realmente concreta al momento sembra quella portata dalla RC213V gemella di Dani Pedrosa, che ha pagato solamente un paio di decimi. La sensazione quindi è che oggi si possa assistere ad un bel duello a forti tinte HRC, anche se probabilmente "El Cabronsito" ha qualcosa in più anche rispetto al compagno di box.

Continuano a faticare parecchio invece le Ducati: ancora una volta la migliore è stata la GP14.1 di Yonny Hernandez, ma questa volta il colombiano è solo decimo, giusto davanti alle due GP15 di Andrea Iannone ed Andrea Dovizioso, che si ritrovano a circa un secondo. Al pilota di Vasto poi è successo un episodio curioso, con un tear-off che non ne voleva sapere di andarsene dalla visiera del casco.

Ritornando sulle prime posizioni, il quinto tempo lo ha messo a referto la Honda di Cal Crutchlow, precedendo le due Yamaha Tech 3 di Bradley Smith e Pol Espargaro. Ottavo tempo poi per la Suzuki GSX.RR di Aleix Espargaro, con Scott Redding ad occupare la nona piazza.

Per quanto riguarda le "Open", il più veloce è stato nuovamente Hector Barbera, 15esimo con la Ducati Avintia, ma bisogna registrare anche la caduta di Jack Miller, avvenuta in prossimità dell'ingresso della curva 11.

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati MotoGP
Piloti Jorge Lorenzo
Articolo di tipo Ultime notizie