Marquez: "Ho copiato la scelta di Dani e Valentino"

Marc ammette di aver voluto giocare ad armi pari con i suoi rivali nella corsa al titolo sulla griglia del Sachsenring

Marquez:

Nove vittorie di fila: Marc Marquez è riuscito a chiudere imbattuto la prima metà di campionato della MotoGp. Un dato davvero impressionante, soprattutto se si pensa che oggi la gara del pilota della Honda è iniziata dalla corsa box del Sachsenring, con un cambio moto immediato. La rimonta che è seguita però è stata qualcosa di sublime, perché nello spazio di appena sei giri è riuscito a portarsi al comando, involandosi verso l'ennesimo sigillo.

Una volta giunto al traguardo, "El Cabronsito" ha spiegato di essere stato indeciso se montare le slick o meno sulla griglia di partenza (ha piovuto 20 minuti prima del via), ma poi di aver optato per copiare la scelta dei suoi rivali in classifica Dani Pedrosa e Valentino Rossi (sempre che sia lecito dirlo di chi insegue a circa 80 punti di distacco). Per questo è dovuto poi rientrare subito per prendere la moto da asciutto.

"Sulla griglia, quando ho visto che smetteva di piovere, non sapevo se mettere le slick o meno. Ho visto che Bradl le cambiava ed allora ho parlato con il mio tecnico e gli ho detto di guardare cosa avrebbero fatto Pedrosa e Valentino, i miei inseguitori nel Mondiale, e di fare la stessa cosa" ha spiegato.

Una volta in testa, tenere a bada Pedrosa comunque non è stato semplice: "Nei primissimi giri ho tirato molto, perché mi trovavo abbastanza bene con la moto e non sapevo quanto fosse lontano Bradl. Siamo riusciti a prenderlo quasi subito, ma la seconda parte di gara è stata difficile perché Pedrosa era sempre lì a mezzo secondo. Ho provato a staccarlo, ma non è stato facile riuscirci. Questa doppietta comunque è un risultato molto importante per la Honda".

La cosa incredibile è che, nonostante il dominio di questa prima metà di campionato, Marc vede ancora dei margini di crescita per la sua RC213V: "Quest'anno la base della nostra moto è molto buona su ogni circuito, mi sono trovato bene più o meno ovunque. Forse nella parte centrale della curva però possiamo fare ancora qualcosina meglio, specialmente nelle curve veloci, nelle quali credo che la Yamaha sia ancora leggermente avanti a noi come percorrenza".

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati MotoGP
Articolo di tipo Ultime notizie