MotoGP | Rins: “Provare a migliorare la Honda sarà una grande sfida”

Alex Rins ha ammesso di essere emozionato per aver chiuso l’accordo con il team LCR-Honda per la prossima stagione e che migliorare la moto sarà una sfida.

MotoGP | Rins: “Provare a migliorare la Honda sarà una grande sfida”

La conferenza stampa del Gran Premio di Gran Bretagna è stata la prima apparizione pubblica di Alex Rins dopo l’annuncio dell’accordo con il team LCR-Honda. L’attuale pilota Suzuki ha ammesso di essere emozionato per il futuro che gli si presenta.

“Sono molto emozionato di aver potuto annunciare l’arrivo al team LCR nel 2023, sono grandi notizie per me”, ha spiegato il catalano. “Proverò a portare tutta la mia esperienza per migliorare la Honda, lavorerò sodo per creare una moto competitiva e vincente”.

Tuttavia, Rins ha voluto dare priorità alla seconda metà della stagione attuale che deve ancora affrontare: “Restano nove gare quest’anno e la Suzuki sta andando bene, mi piacerebbe recuperare la competitività di inizio stagione, quando siamo riusciti a ottenere un paio di podi. Nelle ultime gare abbiamo faticato un po’ per l’infortunio al polso a Barcellona, ma proveremo a tornare al nostro livello migliore”.

Per Rins, Silverstone è un posto che riporta alla mente grandi ricordi, non a caso ha vinto nel 2019 in un finale molto combattuto con Marc Márquez: “Sarà una gara difficile, molte persone pensano e mi dicono che qui vincerò o salirò sul podio, ma il livello della MotoGP in questo momento è molto alto e tutti vanno molto forte, vedremo se riusciremo a migliorare il setup della moto e a fare un buon weekend. La chiave per la gara è qualificarsi bene il sabato, questo segnerà come andranno le cose la domenica".

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Photo by: Gold and Goose / Motorsport Images

Un'altra questione sollevata durante la conferenza stampa è stata la notizia che sarà Portimao a ospitare la prima gara della stagione 2023 invece del consueto evento notturno del Qatar: “Sarà un inizio di stagione diverso, da quando sono arrivato nel Mondiale nel 2012 abbiamo sempre iniziato in Qatar, non so come cambieranno le cose, ma per me iniziare a Portimao va bene perché è un buon circuito”.

La penalità del Long Lap Penalty che il leader del mondiale Fabio Quartararo dovrà scontare domenica per aver spinto fuori pista Aleix Espargaró nell'ultima gara ad Assen è stato un altro argomento di discussione. A Barcellona, Rins è stato vittima di un'azione molto più aggressiva da parte di Takaaki Nakagami, che però in quell’occasione non fu penalizzato.

“Ci sono due tipi di cadute, quelle in cui si inizia a sorpassare e si perde l'anteriore, come quella di Fabio ad Assen, e l'azione di Barcellona. Quello che non capisco è perché al Montmelo il pilota non è stato penalizzato, ma Fabio sì. Non lo capisco molto, non sono pienamente d'accordo con la penalità, è difficile da capire per noi, ma credo che prima o poi debbano iniziare".

Infine, è stata chiesta ai piloti la loro opinione sulla decisione di Andrea Dovizioso di appendere il casco al chiodo dopo il Gran Premio di Misano: "Non è una decisione facile, è complicato smettere di correre, ma in questo momento non si sente competitivo in termini di tempi sul giro e in questa situazione è meglio fermarsi. Per me è stato un pilota di riferimento, ha fatto grandi gare e battaglie, quindi gli auguro la migliore fortuna nel motocross, dove sicuramente lo vedremo in futuro”.

Leggi anche:
condividi
commenti
MotoGP | I test invernali 2023 iniziano a Sepang a febbraio
Articolo precedente

MotoGP | I test invernali 2023 iniziano a Sepang a febbraio

Articolo successivo

MotoGP | Silverstone, Libere 1: Zarco e Bagnaia cadono, ma è 1-2 Ducati

MotoGP | Silverstone, Libere 1: Zarco e Bagnaia cadono, ma è 1-2 Ducati