MotoGP
04 ott
-
06 ott
Evento concluso
18 ott
-
20 ott
Evento concluso
25 ott
-
27 ott
Evento concluso
01 nov
-
03 nov
Evento concluso
15 nov
-
17 nov
Evento concluso

MotoGP, Red Bull Ring, Libere 2: Marquez risponde, Dovizioso cade

condividi
commenti
MotoGP, Red Bull Ring, Libere 2: Marquez risponde, Dovizioso cade
Di:
9 ago 2019, 13:17

Il leader del Mondiale mette la sua Honda davanti a tutti, ma è molto vicino anche Vinales e terzo c'è un ottimo Nakagami. Il ducatista invece scivola alla curva 3 ed è solo nono. Petrucci è settimo, mentre Rossi è 11esimo e al momento farebbe la Q1.

La Ducati era partita con il piede giusto, ma la risposta di Marc Marquez non ha tardato ad arrivare al Red Bull Ring. E' stato il pilota della Honda infatti il più veloce nella seconda sessione di prove libere del Gran Premio d'Austria, con il rivale Andrea Dovizioso che invece non ha potuto replicargli nel "time attack" finale, incappando in una scivolata alla curva 3.

Il leader del Mondiale, che ha provato anche una nuova carena, ha fermato il cronometro su un tempo di 1'23"916, ma non è stato il solo capace di scendere sotto al muro dell'1'24", perché proprio nei secondi finali hanno detto presente anche Maverick Vinales e la Yamaha, portandosi a soli 66 millesimi dalla vetta su una pista storicamente ostica alla M1.

Il tutto mentre, come detto, "Desmodovi" non ha avuto modo di provare a rispondere e quindi si è fermato ad un 1'24"411 che gli è valso comunque un posto nella top 10 con il nono tempo. E' andata peggio invece a Valentino Rossi, che si ritrova 11esimo in 1'24"532 e questo vuol dire che se domani dovesse arrivare la pioggia in FP3, il "Dottore", incappato anche in un lungo nella ghiaia alla curva 4, si ritroverebbe in Q1.

Leggi anche:

Tornando a scorrere la classifica nelle prime posizioni, la sorpresa di giornata è senza ombra di dubbio Takaaki Nakagami, che con la Honda LCR è riuscito ad arrampicarsi fino alla terza posizione, staccato di soli 155 millesimi da Marquez. Bene anche Fabio Quartararo, quarto con la Yamaha Petronas nella sua prima uscita con le forcelle in carbonio.

Questo vuol dire che bisogna scendere addirittura fino al quinto posto per trovare la migliore delle Ducati, che è quella di Jack Miller, con l'australiano del Pramac Racing che paga poco meno di quattro decimi. Danilo Petrucci invece è più attardato, in settima posizione. Ma va detto che prima del "time attack" erano le due moto più vicine a Marquez sul passo gara, anche se distanti di qualche decimo.

Nakagami però non è stato la sola sorpresa di questa FP2, con il rookie Miguel Oliveira che è riuscito a portare la KTM del Team Tech 3 addirittura in sesta posizione, attardato di quattro decimi. Nella top 10 poi c'è spazio anche per un'altra RC16, quella di Pol Espargaro, che occupa proprio la decima posizione. Poco più avanti, in ottava, c'è invece l'altra Honda LCR di Cal Crutchlow.

Oltre a Rossi, c'è un altro big che sarebbe fuori dalla Q2 e si tratta di Alex Rins, anche se non c'è troppo da stupirsi visto che sulla carta il saliscendi austriaco non è per niente adatto alla GSX-RR, che si è piazzata 12esima a poco più di sei decimi. Nella scia dello spagnolo c'è poi il tandem tutto italiano composto da Pecco Bagnaia e Franco Morbidelli, che pare il più in difficoltà tra i piloti Yamaha.

Solo 16esima la migliore delle Aprilia con Aleix Espargaro rimasto di poco al di sotto del secondo di distacco. Rispetto a stamattina si è avvicinato a lui anche Andrea Iannone, poco più di un decimo più indietro, che però non avrà molto da festeggiare nel giorno del suo 30esimo compleanno, visto che si trova solo in 18esima posizione.

Cla # Pilota moto Moto Giri Tempo Distacco Distacco
1 93 Spain Marc Márquez Alentà Honda 23 1'23.916    
2 12 Spain Maverick Ruiz Viñales Yamaha 23 1'23.982 0.066 0.066
3 30 Japan Takaaki Nakagami Honda 23 1'24.071 0.155 0.089
4 20 France Fabio Quartararo Yamaha 23 1'24.153 0.237 0.082
5 43 Australia Jack Peter Miller Ducati 22 1'24.308 0.392 0.155
6 88 Portugal Miguel Ângelo Falcão de Oliveira KTM 23 1'24.326 0.410 0.018
7 9 Italy Danilo Carlo Petrucci Ducati 22 1'24.330 0.414 0.004
8 35 United Kingdom Cal Crutchlow Honda 21 1'24.336 0.420 0.006
9 4 Italy Andrea Dovizioso Ducati 20 1'24.411 0.495 0.075
10 44 Spain Pol Espargaró Villà KTM 23 1'24.418 0.502 0.007
11 46 Italy Valentino Rossi Yamaha 25 1'24.532 0.616 0.114
12 42 Spain Alejandro Álex Rins Navarro Suzuki 24 1'24.540 0.624 0.008
13 63 Italy Francesco Bagnaia Ducati 21 1'24.598 0.682 0.058
14 21 Italy Franco Morbidelli Yamaha 23 1'24.630 0.714 0.032
15 6 Germany Stefan Bradl Honda 25 1'24.755 0.839 0.125
16 41 Spain Aleix Espargaró Villà Aprilia 22 1'24.865 0.949 0.110
17 5 France Johann Zarco KTM 17 1'24.948 1.032 0.083
18 29 Italy Andrea Iannone Aprilia 22 1'25.003 1.087 0.055
19 17 Czech Republic Karel Abraham Ducati 20 1'25.139 1.223 0.136
20 53 Spain Esteve "Tito" Rabat Bergada Ducati 25 1'25.233 1.317 0.094
21 55 Malaysia Hafizh Syahrin Abdullah KTM 19 1'25.269 1.353 0.036
Articolo successivo
LIVE MotoGP, GP d'Austria: Prove Libere 2

Articolo precedente

LIVE MotoGP, GP d'Austria: Prove Libere 2

Articolo successivo

Lorenzo bussa alla porta della Yamaha Petronas per il 2021!

Lorenzo bussa alla porta della Yamaha Petronas per il 2021!
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie MotoGP
Evento GP d'Austria
Sotto-evento FP2
Location Red Bull Ring
Autore Matteo Nugnes