Lorenzo: "Non abbiamo trovato l'assetto ideale"

Il maiorchino partirà dalla seconda fila, accreditato della sesta posizione. Alle sue spalle Valentino Rossi

Lorenzo:

Così come successo a Valentino Rossi, anche Jorge Lorenzo ha dovuto fare i conti con un assetto tutt'altro che perfetto della sua Yamaha M1 ufficiale, che non gli ha consentito di combattere con le Honda e la Ducati di Andrea Dovizioso per la pole position del Gran Premio del Qatar, primo appuntamento della stagione 2015.

Lorenzo ha fermato il cronometro in 1'54"711, un tempo insufficiente anche per sperare di riuscire ad agguantare la prima fila. Dovizioso è lontano sette decimi, mentre le Honda mezzo secondo, ma proprio le due RC213V sembrano essere i veri spauracchi per il team ufficiale Yamaha, con Marquez e Pedrosa in grande spolvero.

Lo spagnolo non è soddisfatto dell'assetto della moto. Sarà difficile per lui provare la rimonta nella gara di domani. "La mia posizione in griglia non è così male, considerando che molti piloti che mi precedono hanno potuto disporre di un treno di gomme in più. Vincere qui sarà molto difficile, perché non abbiamo ancora trovato il giusto assetto della moto. Nel quarto turno di libere la nostra moto scivolava molto, ma per fortuna nelle Qualifiche le condizioni si sono rivelate differenti e un po' meglio rispetto alla FP4. La seconda gomma cche abbiamo usato oggi aveva però meno grip, ma non era così male".

Il maiorchino si è detto preoccupato, perché crede di non poter mantenere il medesimo passo gara per tutta la durata della corsa. "Oggi ho fatto un buon tempo considerando le condizioni della pista. Dobbiamo lavorare ancora, anche perché non sappiamo cosa accadrà domani in gara montando le gomme più morbide a nostra disposizione. Sarà difficile mantenere lo stesso passo per tutta la durata della gara, ma sono fisicamente e mentalmente pronto per dare il massimo". 

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati MotoGP
Piloti Jorge Lorenzo
Articolo di tipo Ultime notizie