MotoGP
20 set
-
22 set
Evento concluso
04 ott
-
06 ott
Evento concluso
18 ott
-
20 ott
Evento concluso
25 ott
-
27 ott
Evento concluso
01 nov
-
03 nov
Evento concluso
15 nov
-
17 nov
WU in
02 Ore
:
58 Minuti
:
46 Secondi

MotoGP, Phillip Island, Libere 1: Vinales al top, cade Quartararo

condividi
commenti
MotoGP, Phillip Island, Libere 1: Vinales al top, cade Quartararo
Di:
25 ott 2019, 00:50

Il pilota della Yamaha è stato il più veloce ed il più costante sotto alla pioggia. Brutto highside alla curva 6 per il rookie francese, al Centro Medico con una gamba dolorante. Secondo c'è Miller davanti a Marquez, Rossi è quarto.

Dopo i piloti di Moto3 e Moto2, anche quelli della MotoGP hanno dovuto fare i conti con l'asfalto bagnato di Phillip Island in una prima sessione di prove libere del Gran Premio d'Australia nella quale i piloti della Yamaha sono stati protagonisti nel bene e nel male.

Nel bene con Maverick Vinales, che è stato in testa quasi per tutti i 45 minuti a disposizione, mostrandosi particolarmente costante ed a suo agio con la pista bagnata. Alla fine lo spagnolo ha messo tutti in fila in 1'38"957, risultando il solo capace di infrangere il muro dell'1'39".

Nel male invece questa volta dobbiamo parlare di Fabio Quartararo. Non tanto per il suo settimo tempo a poco più di 1"6, ma per un brutto highside di cui è stato vittima alla curva 6 nel finale, per il quale è stato portato anche al Centro Medico, visto che si è mostrato dolorante alla gamba sinistra.

Tornando a scorrere la classifica, alle spalle di Vinales c'è il padrone di casa Jack Miller, che con la Ducati del Pramac Racing ha chiuso a 147 millesimi dalla vetta, precedendo di poco più di due decimi la Honda del campione del mondo Marc Marquez.

A seguire c'è poi un terzetto tutto italiano capitanato da un Valentino Rossi che ha iniziato bene il weekend, almeno a livello di posizione, perché il distacco nei confronti di Vinales è stato ancora una volta di quasi un secondo. Appena 25 millesimi più indietro c'è poi la Ducati di Danilo Petrucci, mentre in sesta piazza c'è la Yamaha Petronas di Franco Morbidelli.

Detto del settimo tempo di Quartararo, a seguire ci sono le due KTM di Pol Espargaro e di un Miguel Oliveira che ha sfogato in pista la rabbia per il mancato approdo nel team factory per il 2020. Il quadro dei piloti che al momento avrebbero accesso diretto alla Q2 si completa poi con la Ducati di Andrea Dovizioso, che ha iniziato il weekend senza prendersi troppi rischi.

All'appello quindi mancano un po' le Suzuki, con Alex Rins che si ritrova solamente in 12esima posizione e Joan Mir che è 15esimo. Sono addirittura in coda al gruppo invece le due Aprilia, con Andrea Iannone 21esimo ed Aleix Espargaro 22esimo.

E' iniziata tutto sommato bene invece l'avventura di Johann Zarco sulla Honda del Team LCR. Al debutto assoluto, il francese è stato il secondo tra i piloti in sella alle RC213V con il 13esimo tempo, mettendosi dietro per appena 21 millesimi il nuovo compagno di squadra Cal Crutchlow. Solo 18esimo invece Jorge Lorenzo, che si ritrova ancora una volta a 3". Poco più avanti c'è anche Pecco Bagnaia, 16esimo con la Ducati Pramac.

Cla Pilota moto Moto Giri Tempo Distacco Distacco km orari
1 Spain Maverick Ruiz Viñales
Yamaha 20 01'38.957 161.815
2 Australia Jack Peter Miller
Ducati 15 01'39.104 00.147 00.147 161.575
3 Spain Marc Márquez Alentà
Honda 17 01'39.342 00.385 00.238 161.188
4 Italy Valentino Rossi
Yamaha 19 01'39.885 00.928 00.543 160.312
5 Italy Danilo Carlo Petrucci
Ducati 16 01'39.910 00.953 00.025 160.272
6 Italy Franco Morbidelli
Yamaha 23 01'40.320 01.363 00.410 159.617
7 France Fabio Quartararo
Yamaha 19 01'40.575 01.618 00.255 159.212
8 Spain Pol Espargaró Villà
KTM 20 01'40.587 01.630 00.012 159.193
9 Portugal Miguel Ângelo Falcão de Oliveira
KTM 21 01'40.675 01.718 00.088 159.054
10 Italy Andrea Dovizioso
Ducati 18 01'40.690 01.733 00.015 159.030
11 Czech Republic Karel Abraham
Ducati 17 01'40.799 01.842 00.109 158.858
12 Spain Alejandro Álex Rins Navarro
Suzuki 21 01'40.860 01.903 00.061 158.762
13 France Johann Zarco
Honda 21 01'41.052 02.095 00.192 158.460
14 United Kingdom Cal Crutchlow
Honda 16 01'41.073 02.116 00.021 158.428
15 Spain Joan Mir Mayrata
Suzuki 20 01'41.118 02.161 00.045 158.357
16 Italy Francesco Bagnaia
Ducati 21 01'41.180 02.223 00.062 158.260
17 Malaysia Hafizh Syahrin Abdullah
KTM 21 01'41.371 02.414 00.191 157.962
18 Spain Jorge Lorenzo Guerrero
Honda 16 01'41.958 03.001 00.587 157.052
19 Finland Mika Kallio
KTM 20 01'42.306 03.349 00.348 156.518
20 Spain Esteve "Tito" Rabat Bergada
Ducati 21 01'43.547 04.590 01.241 154.642
21 Italy Andrea Iannone
Aprilia 13 01'43.779 04.822 00.232 154.297
22 Spain Aleix Espargaró Villà
Aprilia 13 01'44.148 05.191 00.369 153.750

Articolo successivo
KTM risponde a Oliveira: "Lui voleva rimanere con Tech 3"

Articolo precedente

KTM risponde a Oliveira: "Lui voleva rimanere con Tech 3"

Articolo successivo

Quartararo non ha fratture, ma salta la FP2

Quartararo non ha fratture, ma salta la FP2
Carica i commenti