Motorsport.com's Prime content
Topic

Motorsport.com's Prime content

MotoGP: perché Pol Espargaro non teme Marquez in Honda
Prime

MotoGP: perché Pol Espargaro non teme Marquez in Honda

Di:

Pol Espargaro affronterà la sfida più difficile della sua carriera condividendo il box con Marc Marquez nel team Repsol Honda nel 2021, qualora Marquez recuperasse dall’infortunio. Ma il suo lavoro nei quattro anni in KTM lo ha preparato alla lotta.

Il mercato piloti del 2021 si è sempre mostrato piuttosto imprevedibile, con molti contratti in scadenza alla fine del 2020. Ma pochi avrebbero scommesso sull’addio di Pol Espargaro a KTM per approdare in Honda a fianco di Marc Marquez, il cui rinnovo con HRC, che lo ha blindato per quattro anni, era già stato ufficializzato.  

Quando le acque si sono calmate dopo la notizia, rivelata da Motorsport.com in anteprima, non ci è voluto molto a comprenderne le ragioni. La Honda è una moto difficile, che richiede uno stile di guida aggressivo per poterne trarre il meglio. In questo senso, non è poi così lontana dalla KTM, anche se, naturalmente, quando la stagione è ripartita, la RC16 era apparsa come una moto molto più docile rispetto agli anni precedenti.

condividi
commenti

Fotogallery MotoGP: gli scatti più belli delle libere a Portimao

Ecco le foto più belle dei primi 2 turni di prove libere della MotoGP, svolti oggi sul tracciato di Portimao, in Portogallo.

Vinales: “Adesso non mi faccio offuscare la mente dai problemi”

Maverick Viñales ha chiuso la prima giornata del Gran Premio del Portogallo non particolarmente contento, nonostante il settimo tempo nella classifica dei tempi.

Rossi: "Marc mi sembra già veloce come prima"

Il "Dottore" ha vissuto un'altra giornata difficile, chiusa al 15esimo posto, ma è convinto che il suo passo sia migliore di quanto mostrato nel time attack. Il rientro in grande stile di Marc Marquez, subito sesto, invece non lo ha stupito per niente.

Bagnaia gongola: "Riesco a far girare tanto la Ducati"

Il pilota della Ducati è stato il più veloce nella giornata di apertura del weekend di Portimao. Un segnale importante se si considera che lo scorso novembre aveva fatto tanta fatica sul saliscendi dell'Algarve, mentre oggi ha subito trovato un grande feeling.

Marquez: “Quando ho visto il mio tempo non riuscivo a crederci”

Marc Márquez, sesto al suo rientro in MotoGP dopo nove mesi, afferma di essere sorpreso dalla facilità con cui si è adattato nuovamente ed è contento di vedere che non ha perso nemmeno un briciolo di velocità.

Morbidelli: “Buon feeling, contento del passo con gomme usate”

A dispetto della diciannovesima posizione nella classifica combinata del venerdì di libere a Portimao, Franco Morbidelli è soddisfatto soprattutto per quanto riguarda il passo e il lavoro sulle gomme. In vista di domani punta a lavorare sul time attack, ma nel complesso ritiene la giornata positiva.

MotoGP, Portimao, Libere 2: Bagnaia vola, Marquez sesto

Il pilota dlela Ducati è stato il solo capace di scendere sotto all'1'40" ed ha staccato di ben tre decimi la Yamaha di Quartararo. A seguire ci sono le due Suzuki di Mir e Rins, mentre Marquez ha chiuso sesto a poco meno di mezzo secondo, regalandosi un grande ritorno. Tutti fuori dalla top 10 gli altri piloti italiani.

F1 e MotoGP ricordano Gresini con un minuto di silenzio domenica

I paddock della Formula 1 e della MotoGP si uniranno questa domenica per osservare un minuto di silenzio per la scomparsa del due volte campione del mondo 125cc e team manager Fausto Gresini.

Zarco: "Con Pramac posso lottare per le vittorie"

Articolo precedente

Zarco: "Con Pramac posso lottare per le vittorie"

Articolo successivo

Ducati: il Costruttori è un contentino o vera gloria?

Ducati: il Costruttori è un contentino o vera gloria?
Carica i commenti