MotoGP | Perché Luca Marini è molto più del fratello di Valentino Rossi

La pressione del cognome è qualcosa che molti hanno dovuto affrontare nella loro carriera nel motorsport. Sebbene Luca Marini non abbia questo problema, la sua parentela e la squadra per cui corre in MotoGP hanno acceso i riflettori sui suoi progressi. Ma, come ha dimostrato nel 2022 (e come ha rivelato ad Autosport), Marini è molto più che il fratello di una leggenda.

MotoGP | Perché Luca Marini è molto più del fratello di Valentino Rossi

Forse non porta il cognome Rossi, ma ormai è assodato che Luca Marini è il fratello del nove volte campione del mondo di motociclismo Valentino Rossi. E corre per il team VR46 Ducati. Quando questo ha annunciato la sua intenzione di passare alla MotoGP nel 2022, era destino che Marini si aggiudicasse uno dei posti. Ma Marini ha dovuto guadagnarsi il posto nel modo più difficile. I suoi primi risultati in Moto2 non sono stati spettacolari, ma la situazione è cambiata nel 2018 con il team VR46, quando ha ottenuto la sua prima vittoria in un gran premio.

Ne ha ottenute altre due nel 2019 e tre nel 2020, conquistando il secondo posto in classifica e guadagnandosi il passaggio alla MotoGP nel 2021 con una Desmosedici di due anni fa, con il supporto di VR46 nel box Avintia. Alla fine dell'anno, è stato battuto nettamente dal suo compagno di squadra Enea Bastianini, che lo ha superato di 61 punti in classifica e ha ottenuto due podi. Marini ha totalizzato 41 punti in totale, con quinto posto nel finale pazzo del Gran Premio d'Austria con le slick su pista bagnata come miglior risultato.

I risultati ottenuti nel 2022 in sella alla Ducati attuale non sono stati immediatamente degni di nota. È uno dei due piloti Ducati, dopo il debuttante Fabio Di Giannantonio, a non essere salito sul podio in questa stagione, e non ha ottenuto una pole position, a differenza del compagno di squadra Marco Bezzecchi. Ma Marini ha battuto Bezzecchi 9-6 in termini di risultati di gara (sulla base dei gran premi in cui entrambi hanno tagliato il traguardo) e lo ha superato in classifica di nove punti. Quando Marini, che parla in modo delicato, ha parlato con Autosport per una chiacchierata sul suo anno nell'hospitality VR46 al Gran Premio di Valencia, è apparso tutt'altro che turbato dai risultati ottenuti nel 2022.

"No, no, sono davvero soddisfatto e sinceramente all'inizio della stagione se avessi saputo di poter ottenere questo tipo di risultati sarei stato felice, molto felice. Perché penso che l'anno scorso ho faticato molto e quest'anno la squadra era nuova, la moto era nuova, abbiamo faticato all'inizio della stagione", ha spiegato Marini quando Autosport gli ha chiesto se potesse essere deluso dal suo 2022, visto ciò che il compagno di squadra Bezzecchi e le altre Ducati hanno ottenuto quest'anno.

"Non è stato facile e siamo partiti molto indietro. Ora siamo costanti, siamo sempre tra i primi sei e questo mi rende davvero felice. Ma ogni volta che finisci sesto dici 'vorrei un po' di più perché ci stiamo avvicinando al podio ogni gara', ma non abbastanza per essere lì. Dobbiamo essere più furbi e intelligenti e dire ‘ok, in questa stagione abbiamo imparato molto e siamo cresciuti molto, e l'anno prossimo saremo lì a lottare per il vertice'".

While Marini remains his own man, the connections to his superstar older brother are unrelenting

While Marini remains his own man, the connections to his superstar older brother are unrelenting

Photo by: Gold and Goose / Motorsport Images

Se si va più a fondo, ci si accorge che la stagione di Marini è stata probabilmente la più complicata di tutti i piloti Ducati. Il suo compagno di squadra Bezzecchi e Fabio Di Giannantonio hanno disputato la stagione con le moto 2021 completamente sviluppate. Pertanto, hanno potuto concentrarsi solo sulla guida. Jorge Martin, in forza al team Pramac, è rimasto con la stessa squadra con cui ha corso nella sua stagione da rookie. Sia lui che Bastianini hanno mantenuto i loro capi squadra, nonostante quest'ultimo sia passato al team Gresini.

Marini, invece, è passato da Avintia a VR46, da una moto 2019 alla Ducati 2022 ed è passato da Luca Ferracioli a David Munoz come capo squadra (quest'ultimo è passato da Petronas SRT come ex ingegnere di pista di Rossi). Anche la Ducati 2022 ha avuto un inizio difficile. Il nuovo motore sviluppato per questa moto era molto aggressivo in accelerazione, il che ha spinto il campione del mondo Francesco Bagnaia a chiedere un motore ibrido 2021/2022 da montare sulla sua GP22 presso il team ufficiale.

Nessuno dei piloti satellite ha avuto questo lusso. Con tutti questi cambiamenti, Marini ammette che il 2022 è iniziato come una seconda stagione da rookie. "Sì, la sensazione è quella", ha detto quando gli è stato chiesto se si sentisse di nuovo un esordiente nel 2022. "Certo, si conoscono gli pneumatici, il che è davvero importante; si conosce l'elettronica. Ma quello che ho imparato quest'anno è molto di più rispetto alla scorsa stagione. E questo è un passo enorme per lottare per posizioni ancora più importanti l'anno prossimo, perché l'anno scorso ho faticato a prendere punti. Quest'anno sono sempre lì, secondo me ho ottenuto buoni risultati, buoni punti in campionato, e se riuscirò a fare un altro passo come quest'anno sarà perfetto".

Nelle prime gare, quando ha lottato per il 13° posto in Qatar, il 14° in Indonesia, l'11° in Argentina, il 12° in America e il 16° in Spagna, mentre Bastianini vinceva con la sua moto 2021, Marini si è consolato con il fatto che gli altri piloti della Ducati 2022 avessero tutti dei problemi. Bastianini ha sfruttato i dati a cui ha accesso dalle sue controparti Ducati per non pensare che i problemi che stava affrontando fossero solo suoi.

After a shaky start to 2022, Marini found a way to ride the GP22 this year

After a shaky start to 2022, Marini found a way to ride the GP22 this year

Photo by: Gold and Goose / Motorsport Images

"La moto era difficile da guidare", osserva Marini. "Era difficile fermarsi. La sensazione è che la parte elettronica della moto - il freno motore, la prima parte dell'acceleratore, la trazione - non fosse al 100%. Poi, la moto si è sviluppata ad ogni gara. Ricordo che la gara del Qatar è stata la peggiore, ma anche il mio ingegnere dei dati era nuovo, la sua prima volta in MotoGP - aveva lavorato con me in Moto2 - quindi anche per lui è stato difficile, e anche con il mio capo equipaggio dovevamo capire il mio setting di base”.

“Abbiamo perso le prime quattro o cinque gare per questo motivo. Ma ricordo che anche la moto aveva bisogno di un po' di tempo, perché vedevo gli altri piloti come Zarco, Pecco, Miller in difficoltà, Martin in grande difficoltà. Quindi mi sono detto ‘ok, non sono solo io’. Ma la Ducati ha lavorato molto duramente e in cinque gare ha sistemato tutto e ricordo che più o meno da Le Mans, al Mugello, tutto è andato bene".

Da Le Mans in poi, è stato nella top 10 in 10 delle ultime 13 gare e ha ottenuto un quarto posto due volte in Austria e nel GP di San Marino. Fino al GP della Thailandia, Marini non era mai caduto in una gara, e solo dopo un problema tecnico che lo ha costretto a ritirarsi dal GP della Malesia non ha visto la bandiera a scacchi. Tutti gli altri piloti Ducati nel 2022 hanno registrato almeno tre ritiri a causa di vari incidenti.

La scuola di pensiero nel motorsport è che è facile rendere un pilota veloce meno incline agli incidenti ed è difficile far sì che un pilota lento sia veloce. L'approccio di Marini, tuttavia, è consapevole. Spinge, ma capisce che a volte c'è un limite che una volta superato porta a una caduta. E per lui, fare un incidente mentre si esagera è un modo infruttuoso di imparare.

"Non è che stia cercando di non cadere, sono al limite", dice Marini a proposito del suo approccio. "Ma sento sempre molto bene la mia moto, e inoltre mi piace, è una moto facile da guidare...non è mai facile, ma è una moto che mi permette di sentire meglio l'anteriore. Quindi, ogni volta sento di essere al limite e cerco di evitare un errore. Ma ogni volta spingo per arrivare al limite”.

"Ogni giro che faccio in qualifica e in prova è così. Quindi, arrivo a una gara con molti dati, con molte sensazioni e feedback dalle prove che mi permettono di sapere dov'è il limite più o meno in ogni curva, semplicemente. Ma non so perché gli altri piloti cadano, perché se arrivi alla fine di una gara ottieni più dati e più esperienza, perché alla fine durante le prove fai solo sei, sette giri di fila. Non si fa mai di più".

Marini's size and stature has often hindered him in MotoGP

Marini's size and stature has often hindered him in MotoGP

Photo by: Gold and Goose / Motorsport Images

Un problema che ostacola Marini è il suo peso. La sua alta statura lo rende ora il pilota più pesante in griglia, in una categoria in cui il peso minimo della moto meno il pilota deve essere di 157 kg. Attualmente non esiste un limite minimo di peso per un pilota nella classe regina.

Quest'anno Marini ha intrapreso una crociata per sollevare la questione, poiché ha notato gli effetti negativi del suo peso, ovvero quanto lavora lo pneumatico posteriore in accelerazione. Questo non gli ha impedito di ottenere ottimi risultati nel 2022, ma con i margini così sottili che ci sono ora nella MotoGP, è una barriera naturale che potrebbe influenzare negativamente la sua ricerca di un podio costante.

Ne ha parlato a lungo, sottolineando che il suo peso attuale è il limite assoluto che può raggiungere prima di iniziare a perdere forza muscolare. Si tratta di un problema che ha afflitto a lungo Danilo Petrucci durante la sua permanenza in MotoGP. Per Marini "avere un limite di peso è una cosa giusta. Non si tratta di cercare di svantaggiare i piloti più piccoli, nessuno vuole un limite di peso minimo così alto. Vogliamo solo qualcosa che possa livellare un po' di più le cose e dare a tutti la stessa possibilità di lottare per la vittoria". Senza dubbio questo sarà un caso che verrà discusso per un po' di tempo nelle riunioni della Safety Commission, ma Marini non lo userà come una scusa per l'inverno.

Per il 2023, continuerà con la moto del 2022, ammette che "non è un vantaggio", ma fa notare che la Ducati non farà passi da gigante con la sua GP23 e che il supporto del marchio c'è a prescindere dalla moto con cui si corre, se ci sono i risultati. Per questo motivo, sa che le prime gare del 2023 gli offrono una grande opportunità, allo stesso modo in cui Bastianini si è avvantaggiato nelle prime gare del 2022.

Inevitabilmente, però, il problema più grande rimarrà sempre per Marini: è il fratello di Valentino Rossi. Secondo alcuni, sarà in MotoGP solo perché glielo ha ordinato il Dottore. Ma questa è una supposizione. Per lui la gente può dire quello che vuole, non c'è pressione e non c'è confronto. "No, sinceramente non cambia molto", dice quando gli viene chiesto se essere il fratello di Rossi nel team VR46 aggiunge pressione. "Il confronto non è mai avvenuto perché è impossibile fare paragoni. Quello che Vale ha fatto nella sua carriera è qualcosa di incredibile e nessuno farà qualcosa di simile a quello che ha fatto lui, anche perché è un periodo diverso”.

The Italian has made steady progress in his two years in MotoGP, going from the fringes of the points to a regular top 10 contender

The Italian has made steady progress in his two years in MotoGP, going from the fringes of the points to a regular top 10 contender

Photo by: Gold and Goose / Motorsport Images

"Ora è impossibile vincere 10 gare di fila perché il livello è troppo alto, tutto è a un livello incredibile, i 24 piloti della MotoGP sono incredibili, le moto sono fantastiche e ogni pilota può vincere una gara. Quindi, non è possibile fare un paragone. Per me non c'è più pressione. I piloti che hanno pressione sono qui per vincere, perché sono qui per questo, perché è difficile vincere ogni domenica".

A Marini è stata offerta una possibilità in più rispetto ad altri a causa dei suoi legami familiari? Forse. Ha dimostrato di essere un uomo indipendente? Assolutamente sì. Il venticinquenne è uno dei piloti più saggi della MotoGP al momento, e senza dubbio si dimostrerà un ambasciatore straordinario per la serie in futuro. Non è come suo fratello, e va bene così.

Perché Marini ha fatto progressi costanti nel 2022 in circostanze difficili ed è in procinto di fare del 2023 una stagione di svolta. Forse allora gli spettatori gli daranno finalmente il giusto riconoscimento.

Leggi anche:
condividi
commenti

MotoGP | VR46 non comprende la "bomba Yamaha” sganciata da Viegas

MotoGP | Morbidelli: “La gente non comprende le fatiche, vede solo la pista"