MotoGP | Perché la Honda 2023 non è così male come sembra

Dopo aver provato il prototipo 2023 che la Honda ha portato ai test di Valencia, Marc Márquez ha avvertito che con questa moto "non si può lottare per il campionato", facendo immaginare che HRC avesse commesso un errore. La riflessione, tuttavia, presenta delle sfumature.

MotoGP | Perché la Honda 2023 non è così male come sembra

Il primo e unico giorno di test pre-stagionali per la MotoGP 2023 ha lasciato l'impressione generale che la versione del prototipo Honda provata a Valencia non fosse all'altezza. Marc Márquez è apparso davanti ai media visibilmente deluso, e sia il suo linguaggio del corpo che le argomentazioni utilizzate, trasudavano pessimismo e facevano suonare un campanello d'allarme: "Non è abbastanza per vincere", ha detto l'otto volte campione del mondo, proiettando molti dubbi sul potenziale della nuova RC213V. 

Dopo la quarta operazione al braccio e ancora in convalescenza, lo spagnolo ha fatto visita al paddock del Red Bull Ring, in Austria, dove ha parlato di ciò che, secondo lui, è alla base della stagnazione del marchio dell'ala dorata. "Il problema non è la moto, ma il progetto – dichiara - Le informazioni devono fluire nel modo giusto. L'importante è capire la direzione da prendere. Quando parlo di cambiamento, intendo il concetto, il coordinamento". 

Osservazioni rese note a Spielberg, anche se ne aveva già discusso internamente in Italia, prima di recarsi negli Stati Uniti per il suo ultimo intervento. La risposta della casa di Tokyo è stata quella di inviare Shinichi Kokubu, direttore dello sviluppo Honda, alla prossima gara di Barcellona per assumere la guida del progetto da Tetsuhiro Kuwata, direttore generale HRC, e Takeo Yokoyama, direttore tecnico. 

Tra l'altro, anche Shinya Wakabayashi, direttore generale della divisione corse dell'azienda, ha partecipato al test di Cheste dopo il Gran Premio di Valencia. 

"Sono venuti ad assistere, e l'importante è che il responsabile di ogni area lo abbia fatto per capire dove concentrare il lavoro quest'inverno. Prima c'era una persona (riferendosi a Yokoyama) che prendeva appunti e li passava agli altri; questa volta è venuto ogni responsabile e tutti hanno capito che dobbiamo fare un passo avanti", ha spiegato Márquez. 

Kobubu, Wakabayashi e Kuwata hanno preso le redini del nuovo progetto voluto dal pilota di Cervera, mentre Yokoyama potrebbe addirittura allontanarsi dalle corse nella prossima stagione. 

Dopo il test di Misano all'inizio di settembre, lo sviluppo del prototipo si è intensificato. Tuttavia, due mesi non sono stati sufficienti per spostare a Valencia la quantità di componenti necessari per un cambiamento così importante, anche se sono stati testati nuovi pezzi. Honda ha chiesto al numero 93 di essere paziente e di aspettare fino ai test di febbraio in Malesia, dove riceverà qualcosa di più in linea con il nuovo concetto. 

 

"Non era quello che mi aspettavo, ma mi hanno detto che avrebbero fatto un passo in più verso la Malesia rispetto a Valencia. Un passo in più non è sufficiente, devono farne due", ha affermato il catalano. 

Sia il pilota che Alberto Puig, team manager HRC, riconoscono che Honda ha reagito e si è messa al lavoro. "Non c'è dubbio che abbiano lavorato duramente in Giappone. Questo è chiaro e lo sappiamo, ma purtroppo non abbiamo ancora trovato la direzione giusta", ha lamentato il dirigente, rafforzando l'impressione che la moto 2023 sia un fiasco. 

A questo punto ci si chiede: Honda ha sbagliato (di nuovo)? 

"Bisogna capire i piloti. Marc è stato duro, ma questo fa parte del suo lavoro. Mette pressione alla Honda per aumentare lo sviluppo", ha dichiarato un membro del team nella giornata di martedì a Motorsport.com, al termine della giornata di test. 

Uno dei dettagli coerenti con questa visione è che Márquez non ha cercato il giro veloce in nessun momento della giornata. Ha fatto 50 giri (il minimo) e non ha usato la gomma posteriore morbida per cercare il limite. Si è classificato 13esimo, a sei decimi da Luca Marini, in cima alla classifica dei tempi. Se avesse usato uno pneumatico morbido e una regolazione cronometrica, avrebbe probabilmente ridotto il suo tempo di almeno quattro decimi, una riduzione che lo avrebbe portato tra i primi tre. Tuttavia, ciò non sarebbe servito a trasmettere a Honda il messaggio che egli desidera inviare. 

 

"La moto è migliore di quella del 2022. Il motore è un po' più potente e frena bene. Ma manca ancora la trazione posteriore, come nel caso della moto precedente", aggiunge la stessa autorevole fonte, che proviene dall'area tecnica. 

La RC213V 2023 sarà una buona moto oppure no, a seconda della sua capacità di lottare con le Ducati, che sono il punto di riferimento in griglia. La Desmosedici si è sempre distinta per la sua potenza e velocità sul rettilineo, ma la concorrenza ha colmato il divario su questo aspetto. Ora, la proposta italiana, oltre a correre, riesce a uscire dalle curve con una trazione migliore rispetto ai suoi rivali, ed è qui che fa la differenza e diventa lo strumento più versatile di oggi. 

Joan Mir, il nuovo pilota Repsol Honda, ha potuto provare tre moto a Valencia: la 2022, quella del test di Misano e, all'ultimo minuto, quando Márquez ha deciso di rinunciare, anche la 2023. "All'inizio era un po' sorpreso di come andava la moto, ma il suo commento sul motore era che non gli sembrava aggressivo come si aspettava", dice Mir, vestito con un'uniforme HRC. Questo può essere interpretato come un buon segno, considerando che il maiorchino è ancora molto fresco riguardo alle sue sensazioni sulla Suzuki, una delle moto più dolci degli ultimi anni.  

Anche se Mir non ha potuto parlare dopo il test a causa del fatto che il suo contratto con la casa di Hamamtsu non scade prima del 31 dicembre, Márquez ha lasciato intendere che il campione 2020 ha indicato la trazione come uno dei punti in cui c'è più spazio per l'evoluzione, soprattutto rispetto alla GSX-RR. 

"Uno dei punti da migliorare è il livello di trazione. Possiamo fare un passo avanti, soprattutto grazie ai commenti lasciati da Mir e Rins. Per gli ingegneri è importante che arrivino piloti freschi da un'altra fabbrica, uno dei quali vincitore dell'ultima gara", ha detto Márquez in occasione di un evento in cui ha potuto testare il carburante rinnovabile prodotto da Repsol che entrerà in scena nel 2024. 

L'evento si è svolto due giorni dopo il già citato test di Cheste, e Márquez ha attenuato notevolmente il tono delle sue dichiarazioni. "Il test di Valencia è stato un allenamento preciso, in cui sono stati forniti commenti e indicazioni, e credo che in generale sia stato positivo, perché quello che è stato testato è stato un passo avanti. Ma è chiaro che Honda deve continuare a lavorare per avere un pacchetto più competitivo", ha concluso. 

Il campione di Cervera (Lleida) ha lasciato da parte il tono negativo e ha aperto una piccola luce alla fine del tunnel. "La rabbia e le minacce non vanno bene perché portano al panico. Il livello di impegno di Honda è da 10, la reazione a Valencia si è vista con molti ingegneri all'interno del box. Vedremo la fase finale a febbraio. La mia fiducia nella Honda è totale, sono convinto di essere nella migliore fabbrica del mondo e l'unica che può ribaltare una situazione come questa", ha dichiarato Márquez, concentrato a gettare le basi della sua riconquista. Vediamo se ora riuscirà a farlo anche con l'aiuto di Honda. 

condividi
commenti
MotoGP | Zarco: un po' di delusione, ma tanta motivazione
Articolo precedente

MotoGP | Zarco: un po' di delusione, ma tanta motivazione

Articolo successivo

MotoGP | Video: il trailer della docu-serie su Marc Marquez

MotoGP | Video: il trailer della docu-serie su Marc Marquez