Bautista: "Dobbiamo ridurre il gap con le altre case"

Secondo lo spagnolo l'Aprilia RS-GP non ha un difetto particolare, ma necessita di tanto lavoro

Bautista:

Con un Marco Melandri ancora in difficoltà, in questo momento lo sviluppo dell'Aprilia RS-GP, la moto con cui la Casa di Noale sta facendo il suo ritorno sulla scena della MotoGp, poggia soprattutto sulle spalle di Alvaro Bautista. E quello dello spagnolo è sicuramente un parere importante, perché nelle ultime tre stagioni ha guidato una Honda RC213V, il punto di riferimento della categoria.

"Penso che la base della moto non sia male, è una moto facile e stanca meno delle altre MotoGp che ho guidato in passato, ma credo manchino tanti piccoli dettagli, che alla fine fanno la differenza sul cronometro. Dobbiamo migliorare soprattutto l'anteriore, qualcosa al posteriore. Inoltre l’elettronica va implementata e dobbiamo avere più cavalli. Insomma, non c’è un difetto grosso, ma c’è molto da lavorare" ha detto "Batigas" parlando della RS-GP.

Riguardo alle difficoltà incontrate a Sepang da Marco Melandri, Alvaro ha spezzato una lancia a favore del compagno di squadra, parlando di problematiche simili: "Le nostre sensazioni coincidono in un certo senso, anche per me davanti non è al top"

Sulle aspettative per la stagione, poi ha aggiunto: "Sapevo già che quest’anno avrei dovuto avere pazienza. L’atmosfera nel box è ottima e tutti abbiamo una grande fiducia: questo è un fattore molto importante per progredire e affrontare questa difficile sfida con il massimo delle energie. L’obiettivo realistico per quest’anno è ridurre il gap con le altre case più che ottenere dei veri e propri risultati. Poi ci sono i sogni, il mio è diventare campione del mondo, ma so che non sarà questo l’anno. Lavoro in quella direzione però per 2016 avvicinarmi a quel sogno nel 2016".

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati MotoGP
Piloti Alvaro Bautista
Articolo di tipo Ultime notizie