MotoGP | Passaggio di consegne: Bagnaia vince nell'addio di Rossi

Quarta vittoria stagionale per Pecco, che apre una clamorosa tripletta Ducati, precedendo Martin e Miller, con lo spagnolo che diventa Rookie of the Year. Ma oggi è stata soprattutto la giornata di Rossi, che ha salutato con un decimo posto, regalando grandi emozioni dopo la conclusione della corsa.

MotoGP | Passaggio di consegne: Bagnaia vince nell'addio di Rossi

Il passaggio di consegne era già cominciato, ma ora è definitivo. Ed è davvero bello che a vincere nel giorno dell'addio di Valentino Rossi sia stato proprio uno dei ragazzi della sua Academy, probabilmente il suo talento più brillante in questo momento, ovvero Pecco Bagnaia.

A rendere ancora tutto più magico è che, proprio come omaggio al "Dottore", il ducatista oggi indossava la replica di uno dei caschi storici del pesarese, quello bianco con la scritta "che spettacolo", che non avrebbe potuto descrivere meglio quello che è successo oggi a Valencia.

La quarta vittoria stagionale del piemontese è stata la ciliegina sulla torta di una clamorosa tripletta Ducati, che ha permesso alla Casa di Borgo Panigale di festeggiare anche il titolo Team. Ma la scena oggi inevitabilmente era per Rossi, con il Circuito Ricardo Tormo tutto vestito a festa, quindi rigorosamente giallo.

E bisogna dire che Valentino ha regalato un gran bel saluto a tutti i suoi tifosi, perché è riuscito a confermare il decimo posto che aveva ottenuto nelle qualifiche di ieri. Tutto quello che è successo dopo la corsa poi è stato un momento unico e storico: il #46 si è fermato alla curva 2, sotto al suo Fan Club, ma insieme a lui si sono fermati anche tutti gli altri piloti della griglia, che lo hanno voluto salutare uno alla volta. E il campione del mondo Fabio Quartararo, per esempio, ha fatto tutto il giro d'onore portando una bandiera gialla con il numero 46.

 

Inevitabilmente, è stata tanta anche la commozione all'interno del box della Petronas SRT, ma certamente anche sugli spalti, soprattutto quando il pesarese è salito in piedi sul muretto ed ha rivolto un saluto con tanto di inchino al suo popolo, quasi a voler far durare il più possibile questo momento che sicuramente rimarrà indelebile nella memoria sua e dei tifosi. E il ritorno al box, quando è salito in piedi sulla sua M1 tra gli applausi è stato davvero commovente, ma sempre con il sorriso sulle labbra per Valentino, che si è goduto ogni istante dei cori che gli sono stati dedicati.

Ma torniamo a parlare della gara, perché non si può non sottolineare la grande impresa ducatista, che dice tanto di quanto la Desmosedici GP sia arrivata ad un livello di competitività davvero mostruoso, piazzando un 1-2-3 su una pista che fino a qualche anno fa era a dir poco una bestia nera.

Per buona parte della gara è stato il poleman Jorge Martin a dettare il ritmo, tallonato però sempre da vicino da Bagnaia, che nell'ultimo terzo di gara si è preso la leadership e poi se l'è tenuta fino alla bandiera a scacchi. Anche Martin comunque ha potuto fare festa, perché il secondo posto oltre che il podio gli è valso la corona di Rookie of the Year, visto che il rivale Enea Bastianini ha sfoderato un grande rimonta dal 18° posto in griglia, ma si è dovuto accontentare dell'8° posto finale.

Il podio Rosso è stato completato da Jack Miller, che ha consolidato il suo quarto posto nel Mondiale con una gara un po' strana, nella quale ha perso posizioni nelle prime fasi, ritrovandosi poi ad essere il più veloce in pista nel finale, quando ormai era troppo tardi però per cullare l'ambizione di andare a vincere.

Ai piedi del podio c'è Joan Mir, che nelle prime fasi ha provato a reggere il ritmo delle Ducati, calando poi alla distanza. Se non altro, il pilota della Suzuki è riuscito ad evitare di imitare il compagno di squadra Alex Rins, incappato nell'ennesima caduta stagionale proprio quando sembrava essere l'unico in grado di dare fastidio alle Rosse.

E' stata un po' anonima l'ultima gara stagionale di Quartararo, quinto al traguardo ma senza aver mai dato la sensazione di poter stare davvero con i migliori. Dietro di lui c'è Johann Zarco, che aumenta a quattro nelle prime sei posizioni il conteggio delle Ducati, che diventano addirittura cinque nelle prime otto con Bastianini.

Tra le due Desmosedici GP c'è anche la KTM di Brad Binder, unico portacolori della Casa austriaca capace di inserirsi nella top 10. Nono posto poi per l'Aprilia di Aleix Espargaro, oggi in livrea (RED), che all'inizio era riuscito anche a portarsi in sesta posizione, salvo accusare un calo nella seconda parte di gara.

Detto del decimo posto di Rossi, alle sue spalle ci sono le altre due Yamaha di Franco Morbidelli ed Andrea Dovizioso, che hanno preceduto l'unica Honda superstite in questa domenica, quella di Alex Marquez. Fuori dai punti invece Luca Marini e Danilo Petrucci, che purtroppo ha chiuso la sua avventura in MotoGP con una gara non troppo esaltante, in 18° ed ultima posizione. Ad attenderlo ora c'è la Dakar, che scatterà il 2 gennaio.

Cla Pilota moto Moto Giri Tempo Distacco Distacco km orari Punti
1 Italy Francesco Bagnaia
Ducati 27 41'15.481 157.2 25
2 Spain Jorge Martin
Ducati 27 41'15.970 0.489 0.489 157.2 20
3 Australia Jack Peter Miller
Ducati 27 41'16.304 0.823 0.334 157.2 16
4 Spain Joan Mir Mayrata
Suzuki 27 41'20.695 5.214 4.391 156.9 13
5 France Fabio Quartararo
Yamaha 27 41'20.920 5.439 0.225 156.9 11
6 France Johann Zarco
Ducati 27 41'22.474 6.993 1.554 156.8 10
7 South Africa Brad Binder
KTM 27 41'23.918 8.437 1.444 156.7 9
8 Italy Enea Bastianini
Ducati 27 41'26.414 10.933 2.496 156.5 8
9 Spain Aleix Espargaró Villà
Aprilia 27 41'28.132 12.651 1.718 156.4 7
10 Italy Valentino Rossi
Yamaha 27 41'28.949 13.468 0.817 156.4 6
11 Italy Franco Morbidelli
Yamaha 27 41'29.566 14.085 0.617 156.3 5
12 Italy Andrea Dovizioso
Yamaha 27 41'32.015 16.534 2.449 156.2 4
13 Spain Alex Marquez
Honda 27 41'32.540 17.059 0.525 156.1 3
14 Portugal Miguel Ângelo Falcão de Oliveira
KTM 27 41'33.702 18.221 1.162 156.1 2
15 Spain Iker Lecuona
KTM 27 41'34.714 19.233 1.012 156.0 1
16 Spain Maverick Ruiz Viñales
Aprilia 27 41'35.296 19.815 0.582 156.0
17 Italy Luca Marini
Ducati 27 41'44.341 28.860 9.045 155.4
18 Italy Danilo Carlo Petrucci
KTM 27 41'47.650 32.169 3.309 155.2
Spain Alejandro Álex Rins Navarro
Suzuki 10 15'21.244 17 Laps 17 Laps 156.5
Japan Takaaki Nakagami
Honda 4 6'14.845 23 Laps 6 Laps 153.8
condividi
commenti
LIVE MotoGP | GP di Valencia: l'ultima gara di Valentino Rossi
Articolo precedente

LIVE MotoGP | GP di Valencia: l'ultima gara di Valentino Rossi

Articolo successivo

Martín, podio e Rookie 2021 con rischio: "Vomitato tutta notte"

Martín, podio e Rookie 2021 con rischio: "Vomitato tutta notte"
Carica i commenti