Occhi puntati sui due della Yamaha a Valencia

Occhi puntati sui due della Yamaha a Valencia

A calamitare l'attenzione in conferenza è stato il duello tra Rossi e Lorenzo per il secondo posto nel Mondiale

Tutto è pronto per l’ultimo atto della stagione 2014. A rispondere alle domande dei media nella tradizionale conferenza stampa che apre ufficialmente il weekend di gara, il Campione del Mondo Marc Marquez (Repsol Honda), i compagni di squadra Valentino Rossi e Jorge Lorenzo (Movistar Yamaha MotoGp), Pol Espargaro (Monster Yamaha Tech3), Steafn Bradl (LCR Honda) e Randy De Puniet (Suzuki).

Reduce dalla premiazione dei Caschi d’Oro a Milano, il Campione del Mondo MotoGp Marc Marquez, è deciso a chiudere in bellezza questa stagione rivelatasi trionfale. Dopo il record di pole position, il 21enne di Cervèra è a caccia anche del primato delle vittorie stagionali: "In quest’ultima gara della stagione penseremo solo a divertirci. Ma allo stesso tempo vogliamo chiudere con una vittoria davanti al nostro pubblico. Sappiamo bene che entrambe le Yamaha spingeranno al massimo visto che sono in lotta per il secondo posto, ma secondo me anche Dani qui non è da sottovalutare".

A tener banco a Valencia è soprattutto la lotta per il secondo posto assoluto tra i due compagni di squadra della Movistar Yamaha. Il nove-volte Campione Valentino Rossi si presenta forte di un vantaggio di 12 lunghezze: "È stata una stagione molto positiva. Ho saputo migliorarmi sulla velocitá e sul passo. Sono davvero orgoglioso del lavoro svolto. Lo si è visto in gara, soprattutto con alcune battaglie. Ora siamo qui a giocarci il secondo posto con Jorge. Dovremo rimenere concentrati perché lui qui è molto veloce, mentre io invece non ho dei bei ricordi. Ho cambiato e migliorato il mio stile di guida; in realtá ogni anno devo migliorare e confrontarmi con i nuovi giovani, senza contare inoltre alle regole che cambiano in tema di elettronica e gomme. Sará difficle trovare la concentrazione lunedì nella prima giornata di test, specialmente dopo la festa della sera precedente e poi perchè una volta finito il campionato, la pressione cala".

Dalla sua, il maiorchino Jorge Lorenzo vorrá bissare il successo dello scorso anno: "Voglio provare innanzitutto a vincere la gara, poi faremo i conti con quello che è successo agli altri. L’anno scorso arrivai primo per esempio, ma alla fine Marc conquistó il mondiale. Se il Campionato fosse iniziato al Sachsenring sarebbe stato diverso. In quel momento della stagione io ero lontanissimo, non mi aspettavo di fare una seconda parte così, con 2 vittorie e ben nove podi. La moto sta lavorando bene, daremo il massimo questo weekend".

Il suo connazionale, Pol Espargaro (Monster Yamaha Tech3) sará chiamato a un duplice sforzo: correre contro i postumi dell’infortunio al piede sinistro e arrivare davanti al fratello maggiore Aleix nella lotta per il sesto posto in classifica: "È stato un anno fondamentale per me, che mi avvicinavo alla categoria regina da rookie. Devo ringrazionere il mio team che mi è stato vicino guidandomi nell’apprendistato. Se poi ti ritrovi fra i primi 5 o 6 allora le cose si complicano e ti ritrovi a dover gestire diversi aspetti. Lunedì ci sará la prima giornata di test, ci prepareremo a dovere per la prossima stagione".

La disputa peró non è soltanto un ‘affare di famiglia’: a inserirsi nella bagarre degli Espargaro c'è infatti anche il tedesco Stefan Bradl, giunto alla sua ultima gara con il team LCR Honda: "È vero, quando sono arrivato qui ho avuto una strana sensazione, per l’ultima gara che correró col mio team, dopo aver trascorso tre anni insieme. Poi da lunedì ci confronteremo da avversari. Non posso esser contento della mia stagione, ci sono sono stati degli errori e anche degli eventi sfortunati. Ho cercato di imparare il piú possibile, soprattutto dovrei esser meno nervoso in gara".

Gradito il ritorno di un pilota Suzuki nella Conferenza Stampa della presentazione del Gran Premio. Dopo esattamente tre anni di assenza, la casa di Hamamatsu si presenta ai nastri di partenza con la wild-card Randy De Puniet: "Sono davvero felice di esser qui, per me è realmente un premio partecipare a questa corsa. Abbiamo lavorato duramente con questa moto; addesso solo voglio divertirmi e vedere cosa succeed. Potrebbe esser la mia ultima corsa in MotoGp, quindi voglio solo godermi questo momento, non sai mai cosa ti riserverá il futuro".

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati MotoGP
Piloti Valentino Rossi , Randy de Puniet , Jorge Lorenzo , Stefan Bradl , Pol Espargaro
Articolo di tipo Ultime notizie