MotoGP: nuovo criterio FIM per mantenere lo status di Mondiale

La Federazione Internazionale di Motociclismo ha ridotto il numero di gran premi da disputare affinché la MotoGP si mantenga campionato del mondo.

MotoGP: nuovo criterio FIM per mantenere lo status di Mondiale

Il regolamento stabilisce che la MotoGP deve disputare almeno 13 Gran Premi affinché il campionato possa essere considerato Mondiale in maniera ufficiale. Sottolinea inoltre che sarà sempre così in condizioni normali. Ma il COVID-19 ha influenzato in maniera più o meno pesante tutta la popolazione, pertanto la situazione attuale è tutt’altro che normale, come già affermato da Carmelo Ezpeleta, CEO di Dorna.

Il promoter della MotoGP sta ultimando il nuovo calendario per la stagione 2020, che dovrebbe iniziare in maniera ufficiale con due gran premi sul circuito di Jerez de la Frontera i fine settimana del 19 e del 26 luglio. Ancora non si conoscono bene i piani concreti, a parte il fatto che vari circuiti accoglieranno il paddock per due gare.

Dorna sta lavorando per chiudere un calendario con 12 o 16 gare che verrebbero disputate in Europa fino all’autunno. A settembre verrà presa la decisione di andare o meno fuori dal vecchio continente, quindi il numero di Gran Premi non è ancora definitivo. Anche se in un primo momento si è pensato di correre fino a Natale, attualmente l’idea è quella di terminare comunque a novembre, a Valencia.

Leggi anche:

La MotoGP non è stato l’unico campionato che ha visto stravolgere il proprio calendario e per questo la FIM si è riunita in videoconferenza per approvare una serie di misure causate dalla crisi del COVID-19.

Nel comunicato diramato dalla Federazione Internazionale di Motociclismo si legge: “Tutte le discipline sportive sono state colpite in questo periodo, con eventi che sono stati riprogrammati o cancellati. Nel periodo della pandemia, è stato accordato di diminuire il numero minimo di eventi per campionato (in tutte le discipline FIM) considerandoli ad ogni modo come Campionati o Coppe Mondiali FIM e permettere che la stagione 2020 arrivi fino al 2021 come ultima spiaggia per completare i campionati”.

Saranno inoltre riviste le tariffe delle federazioni nazionali, la validità delle licenze ufficiali verrà ampliata fino a marzo del 2021 e verrà assegnato il Trofeo di Solidarietà FIM 2020.

condividi
commenti
MotoGP virtuale: a Silverstone c’è anche Jorge Lorenzo
Articolo precedente

MotoGP virtuale: a Silverstone c’è anche Jorge Lorenzo

Articolo successivo

MotoGP, Santi Hernandez: "Non sarà facile battere Marquez"

MotoGP, Santi Hernandez: "Non sarà facile battere Marquez"
Carica i commenti