MotoGP: niente Asia se le gare saranno a porte chiuse

L'amministratore delegato di Dorna, Carmelo Ezpeleta, esclude la possibilità che il programma di corse compresso per il 2020 possa includere un tour asiatico se le gare si dovranno svolgere a porte chiuse, come avverrà in Europa.

MotoGP: niente Asia se le gare saranno a porte chiuse

Se tutto andrà secondo i piani, il Campionato del Mondo MotoGP 2020 inizierà tra due mesi esatti, il 19 luglio, con il Gran Premio di Spagna a Jerez de la Frontera.

Quando l'amministratore delegato di Dorna, Carmelo Ezpeleta, ha annunciato l'accordo per organizzare due gare sul circuito andaluso a fine luglio (19 e 26 luglio), ha spiegato che era previsto un programma di dieci o dodici gare in Europa, per lo più in Spagna, e che a settembre, a seconda della situazione, avrebbe preso in considerazione l'inclusione delle gare asiatiche nel calendario.

Questo martedì, in un'intervista al canale televisivo Fox Sports Asia, Ezpeleta ha escluso la possibilità di prendere in considerazione il Gran Premio della Thailandia (previsto per il 4 ottobre), del Giappone (18 ottobre) e della Malesia (1 novembre) se non si potranno disputare con un pubblico.

Leggi anche:

"Se possibile, ci piacerebbe andare in Asia, ma è necessario che ci siano gli spettatori" ha detto Ezpeleta.

"Le gare a porte chiuse in Europa sono più fattibili, ma andare in Asia senza spettatori è molto difficile a causa del costo del viaggio; A porte chiuse, non è possibile".

La situazione che si sta vivendo a causa della pandemia del COVID-19 varia di giorno in giorno e da regione a regione, per cui Ezpeleta non perde la speranza di completare il tradizionale tour asiatico.

"Stiamo parlando con i diversi promotori per sapere se questo sarà possibile o meno" ha aggiunto, fissando una scadenza per prendere la decisione finale: "Forse all'inizio di settembre potremo annunciare se i Gran Premio fuori dall'Europa si potranno fare".

"La nostra idea è di fare tra i dodici e i tredici Gran Premi in Europa nel periodo tra luglio e inizio novembre, per poi trasferirci in Asia e in America, se possibile". E in questo caso il campionato si potrebbe prolungare fino a metà dicembre.

condividi
commenti
Quartararo studia gli errori commessi nei duelli con Marquez

Articolo precedente

Quartararo studia gli errori commessi nei duelli con Marquez

Articolo successivo

Rossi: "E' in gioco il futuro della MotoGP"

Rossi: "E' in gioco il futuro della MotoGP"
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie MotoGP
Autore Germán Garcia Casanova