MotoGP | Nakagami fit per la FP1, poi nuovi controlli

Il pilota del team LCR ha ricevuto l'OK per scendere in pista in occasione delle FP1 di Motegi, ma al termine della sessione del venerdì dovrà effettuare nuovi accertamenti per capire se potrà disputare la sua gara di casa.

MotoGP | Nakagami fit per la FP1, poi nuovi controlli

C’era grande incertezza sulla presenza di Takaaki Nagami al GP di Motegi. Il pilota giapponese, infatti, è stato sfortunato protagonista di una brutta caduta nel corso del primo giro del GP di Aragon nella quale ha riportato ferite lacerocontuse alla mano destra con danni ai legamenti dell'anulare e del mignolo.

Subito dopo la fine della gara, Nakagami si è diretto a Barcellona per sottoporsi ad un controllo approfondito sotto la supervisione del dottor Xavier Mir, ed al termine della visita è stato deciso di intervenire chirurgicamente.

L’intervento ha avuto esito positivo e Nakagami è potuto volare in Giappone per provare a prendere parte alla sua gara di casa. Al momento, però, il pilota del team LCR ha ricevuto l’ok da parte della commissione medica per disputare soltanto le FP1.

Al termine dell’unico turno del venerdì verranno nuovamente valutate le sue condizioni e solo allora si capirà se Takaaki potrà scendere in pista anche al sabato ed alla domenica.

“Onestamente non sono al 100%” ha dichiarato Nakagami nel corso della conferenza stampa. “Lunedì mi sono sottoposto ad un intervento a Barcellona e dopo così pochi giorni è difficile recuperare al massimo. Dopo la gara mi ero reso conto che la mia mano non era messa bene per nulla”.

“Mi hanno dato il via libera per le FP1, poi ricontrolleremo e verificheremo se potrò continuare o se mi dovrò fermare. Non sarà semplice”.

Takaaki Nakagami, Team LCR Honda

Takaaki Nakagami, Team LCR Honda

Photo by: Gold and Goose / Motorsport Images

Il pilota del team LCR ha poi spiegato quanto accaduto nel corso del caotico primo di giro di Aragon ed ha scagionato Marc Marquez da tutte le accuse.

“Ho cercato di superare Marc in curva 7 ed ho perso leggermente la traiettoria. Poi credo che abbia attivato l’abbassatore e quando l’ha fatto ha deviato a sinistra. Io ho cercato di evitarlo, ho allargato il braccio, ma è stato impossibile. Mi sono reso conto subito che non è stata assolutamente colpa di Marc, è stato un episodio sfortunato”.

“Mi sono fatto male, ma poteva andare peggio. Tutto sommato sono stato fortunato perché tutti gli altri sono riusciti ad evitare di colpirmi e di cadere a loro volta”.

Le previsioni meteo per questo fine settimana prevedono pioggia ed il meteo incerto potrebbe rivelarsi un alleato di Nakagami. Sul bagnato, infatti, il giapponese non sarebbe costretto a sforzare la mano infortunato, ma Takaaki ha ammesso di preferire una corsa sull’asciutto anche per i fan.

“Tutti vogliono correre sempre sull’asciutto, ma le previsioni sono incerte. Pochi giorni fa ci sono state forti piogge. Dal punto di vista del fisico la pioggia mi aiuterebbe perché mi sforzerei meno in frenata, ma mi dispiacerebbe per il pubblico. È dal 2019 che non corriamo qua e tutti i fan, così come tutti i piloti, aspettano questo weekend. A prescindere dal mio problema alla mano spero che ci sia il sole”.

Nakagmi ha poi ammesso di aver avuto buone sensazioni dal nuovo forcellone già provato a Misano, ma di essere incerto se il dispositivo sarà adottato anche in Giappone viste le sue condizioni fisiche precarie.

“Ho provato il forcellone della Kalex a Misano e l’impressione è stata positiva, mi sono trovato subito bene. Marc lo ha provato ad Aragon e credo che anche lui abbia dato un riscontro favorevole. Vedremo se riusciremo a montarlo in questo weekend, ma tutto dipenderà dalla mia mano. Se riuscirò a spingere potremo fare tutte le valutazioni del caso”.

condividi
commenti
MotoGP | Espargaro: "Ho accusato la pressione a metà stagione"
Articolo precedente

MotoGP | Espargaro: "Ho accusato la pressione a metà stagione"

Articolo successivo

MotoGP | Marquez: “Fisicamente sto bene, Motegi sarà importante”

MotoGP | Marquez: “Fisicamente sto bene, Motegi sarà importante”