Rossi: "Buon podio, ma Jorge ha recuperato 9 punti"

Rossi: "Buon podio, ma Jorge ha recuperato 9 punti"

Valentino è terzo al Mugello resta a +6 sul compagno, ma sa che deve essere più costante per giocarsela con lui

Il bicchiere è mezzo pieno per Valentino Rossi al termine del weekend del Gp di casa, al Mugello. Il pilota della Yamaha ha infilato il sesto podio stagionale con il terzo posto di oggi, ma la terza vittoria di fila ha permesso a Jorge Lorenzo di ridurre a soli 6 punti il suo vantaggio in classifica. Dunque, il "Dottore" è contento del risultato, visto che su questa pista ha faticato abbastanza, ma sa che deve migliorare per battagliare alla pari con questo Lorenzo.

"Oggi è stata una gara durissima, quindi essere riusciti ad arrivare sul podio è molto buono. Dobbiamo cercare di essere più competitivi nell'arco di tutto il weekend, perché la nostra molto va molto forte, ma Jorge sta guidando davvero bene ed è molto motivato. E' riuscito a recuperare quasi tutti i punti di vantaggio che avevo, ma sono passate solo sei gare e il campionato è ancora lunghissimo. Ci sono ancora tante piste belle e la prossima è una di questa perché è Barcellona" ha detto il pesarese.

Poi Valentino ha spiegato che qui le cose non sono andate troppo bene e che all'inizio della gara sembravano andare anche peggio: "Qua sinceramente non sono mai stato troppo veloce, perché non mi sono mai trovato benissimo con la moto e non sono riuscito a spingere come avrei voluto. In gara ho fatto particolarmente fatica all'inizio, con la gomma nuova ed il serbatoio pieno, infatti ero finito piuttosto indietro, non so neanche la posizione. Però ho cercato di rimanere concentrato e guidare al massimo, provando anche a non fare errori, visto che oggi il davanti scivolava molto".

Nella seconda parte della corsa però ha trovato un buon ritmo ed ha dato vita alla rimonta che lo ha portato al terzo posto, con un piccolo brivido quando è caduto Marquez: "Quando ero con Espargaro, Crutchlow e Smith vedevo il secondo gruppetto dietro a Jorge piuttosto lontano, quindi pensavo che non sarebbe stato possibile salire sul podio. Poi ho visto che in diversi hanno iniziato ad avere delle difficoltà e quindi ho provato a recuperare. Mi sono divertito a rimontare e poi sono arrivato a prendere Marquez e Pedrosa e c'è stato un momento particolare quando Marc è caduto, perché ha provato a riprendere la moto e temevo che potesse rientrare in traiettoria. A questo punto mi sono ritrovato in zona podio, ma mi sarebbe piaciuto provare a prendere anche Iannone: ho provato a spingere e gli ho recuperato qualcosina, ma poi ho capito che non c'era niente da fare e quindi ho preferito portarmi a casa un podio, che qui al Mugello è sempre speciale".

Con la caduta di oggi, lo spagnolo della Honda è a -49 e il 9 volte iridato non si aspettava di vederlo tanto indietro a questo punto del Mondiale: "Tutti si aspettavano un Marquez molto forte e quasi imbattibile, perché lo scorso anno ha vinto dieci gare di fila ed ha dominato il Mondiale, quindi era impensabile che dopo sei gare fosse solo quinto nel Mondiale, staccato di 49 punti. In questo momento sembra che Jorge sia l'avversario da battere, anche perchè oggi ha avuto un problema tecnico anche Dovizioso, che era l'altro pericoloso per la classifica, ed ha perso dei punti importanti. Noi due della Yamaha abbiamo allungato, ma Jorge mi ha recuperato nove punti".

Infine, quando gli è stato chiesto qual è secondo lui il vantaggio di Jorge Lorenzo in questo momento, ha concluso: "Secondo me lui è stato molto forte a Jerez e qua, perché è stato velocissimo da subito, appena siamo scesi in pista. Lui è uno che si esalta molto in queste situazioni e penso che sia anche una cosa psicologica rispetto alle prime tre gare nelle quali invece ero andato meglio io. Bisogna tenere duro e vedere gara per gara quello che succede".

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati MotoGP
Piloti Valentino Rossi
Articolo di tipo Ultime notizie