MotoGP, Misano, Warm-Up: svetta Rins, ma che passo Quartararo

Il pilota della Suzuki firma il miglior tempo nel Warm-Up di Misano, ma alle sue spalle il francese della Yamaha mostra un passo davvero impressionante con una gomma media molto usata al posteriore. Bagnaia però non è da meno e lo tallona con la soft. Occhio però alla pioggia, che potrebbe essere la grande incognita della gara di oggi pomeriggio.

MotoGP, Misano, Warm-Up: svetta Rins, ma che passo Quartararo

L'incognita pioggia aleggia sul Gran Premio di San Marino e della Riviera di Rimini di MotoGP, con le previsioni che al momento dicono che qualche goccia potrebbe arrivare su Misano tra le 14 e le 15, ma il sole splendeva sul Marco Simoncelli World Circuit quando per i piloti della classe regina è stato il momento di andare in pista per il Warm-Up.

Un turno che è servito per cercare indicazioni soprattutto per quanto riguarda la gomma posteriore, perché all'anteriore quasi tutti si dovrebbero indirizzare verso la dura, ma con le temperature mattutine l'unico ad utilizzarla è stato Danilo Petrucci, mentre tutti gli altri hanno lavorato con la media.

Tendenzialmente, i piloti della Ducati sono quelli che danno la sensazione di poter provare a scattare con la soft al posteriore, visto che l'hanno utilizzata tutti stamani. A loro poi si sono aggiunti Aleix Espargaro, le due Honda del Team LCR ed Iker Lecuona. Il resto del gruppo invece ha optato per la media in questo Warm-Up.

Dopo l'ennesima qualifica complicata, le Suzuki si sono messe in evidenza con il miglior tempo di Alex Rins in 1'32"521, ma anche con il quarto del campione del mondo in carica Joan Mir, che ha chiuso con un ritardo di 269 millesimi con la GSX-RR gemella.

Tra le due moto della Casa di Hamamatsu si sono infilati i primi due classifica iridata, con Fabio Quartararo che ha ribadito di essere probabilmente quello accreditato del passo migliore del lotto: il pilota della Yamaha ha girato sul passo dell'1'32" alto con una gomma posteriore media particolarmente usata e alla fine ha chiuso secondo a 102 millesimi.

Il poleman Bagnaia invece apre la schiera di quelli con la gomma soft al posteriore, ma anche nel caso del pilota della Ducati le indicazioni sembrano positive, visto che il crono di 1'32"780 è arrivato proprio al 12esimo ed ultimo giro, quindi non sembra aver incontrato un drop troppo pesante.

In quinta posizione c'è l'Aprilia di Aleix Espargaro, che con la soft ha chiuso a 356 millesimi. Il compagno di squadra Maverick Vinales invece ha fatto una scelta differente, puntando su una media con la quale però non è riuscito ad essere particolarmente competitivo, visto che si è dovuto accontentare del 18esimo tempo, seppur distanziato di soli 721 millesimi.

Continuando a scorrere la classifica, troviamo poi un terzetto di Ducati composto da Jack Miller, dal collaudatore Michele Pirro e da Enea Bastianini. Finalmente si rivede nelle posizioni che contano anche una KTM con il nono tempo di Brad Binder. A completare la top 10 poi c'è la prima delle Honda, che è quella del tester Stefan Bradl, fresco di firma del rinnovo, seguito da Marc Marquez e Pol Espargaro.

Come ormai tradizione della domenica mattina, l'otto volte campione del mondo ha aspettato qualche minuto per entrare in pista per preservare la spalla e il braccio. Alla fine quindi ha fatto solamente nove giri, con il suo best proprio all'ultimo passaggio.

Purtroppo sono tutti in coda al gruppo gli altri piloti italiani: Valentino Rossi occupa la 19esima posizione a 895 millesimi con la sua Yamaha Petronas, tallonato dalla KTM di Danilo Petrucci. Il gruppo poi si completa con il terzetto composto da Luca Marini, Andrea Dovizioso e Franco Morbidelli, con gli ultimi due che stanno ancora un po' prendendo le misure essendo al rientro dopo una lunga assenza.

Cla Pilota moto Moto Giri Tempo Distacco Distacco km orari
1 Spain Alejandro Álex Rins Navarro
Suzuki 13 1'32.521 164.511
2 France Fabio Quartararo
Yamaha 12 1'32.623 0.102 0.102 164.330
3 Italy Francesco Bagnaia
Ducati 12 1'32.780 0.259 0.157 164.052
4 Spain Joan Mir Mayrata
Suzuki 11 1'32.790 0.269 0.010 164.034
5 Spain Aleix Espargaró Villà
Aprilia 13 1'32.877 0.356 0.087 163.881
6 Australia Jack Peter Miller
Ducati 10 1'32.881 0.360 0.004 163.874
7 Italy Michele Pirro
Ducati 12 1'32.922 0.401 0.041 163.801
8 Italy Enea Bastianini
Ducati 12 1'32.954 0.433 0.032 163.745
9 South Africa Brad Binder
KTM 13 1'32.991 0.470 0.037 163.680
10 Germany Stefan Bradl
Honda 11 1'32.997 0.476 0.006 163.669
11 Spain Marc Márquez Alentà
Honda 9 1'33.008 0.487 0.011 163.650
12 Spain Pol Espargaró Villà
Honda 12 1'33.017 0.496 0.009 163.634
13 Spain Jorge Martin
Ducati 10 1'33.064 0.543 0.047 163.551
14 Portugal Miguel Ângelo Falcão de Oliveira
KTM 13 1'33.066 0.545 0.002 163.548
15 Spain Alex Marquez
Honda 13 1'33.074 0.553 0.008 163.534
16 France Johann Zarco
Ducati 12 1'33.097 0.576 0.023 163.493
17 Japan Takaaki Nakagami
Honda 12 1'33.173 0.652 0.076 163.360
18 Spain Maverick Ruiz Viñales
Aprilia 12 1'33.242 0.721 0.069 163.239
19 Italy Valentino Rossi
Yamaha 12 1'33.416 0.895 0.174 162.935
20 Italy Danilo Carlo Petrucci
KTM 12 1'33.503 0.982 0.087 162.784
21 Spain Iker Lecuona
KTM 10 1'33.555 1.034 0.052 162.693
22 Italy Luca Marini
Ducati 12 1'33.707 1.186 0.152 162.429
23 Italy Andrea Dovizioso
Yamaha 12 1'34.221 1.700 0.514 161.543
24 Italy Franco Morbidelli
Yamaha 12 1'34.285 1.764 0.064 161.433
condividi
commenti
LIVE MotoGP, Gran Premio di San Marino: Warm-Up

Articolo precedente

LIVE MotoGP, Gran Premio di San Marino: Warm-Up

Articolo successivo

MotoGP: Honda annuncia il rinnovo di Bradl come tester

MotoGP: Honda annuncia il rinnovo di Bradl come tester
Carica i commenti