Iannone: "La prima fila è molto importante per me"

Il ducatista però è un po' preoccupato per la gara perché ha bisogno di più grip con la gomma media

Iannone:

Dalle stalle alle stelle: tra ieri ed oggi Andrea Iannone ha fatto il percorso inverso rispetto a quello del proverbio. Se sotto alla pioggia il pilota della Ducati Pramac era finito ruote all'aria per ben due volte, oggi in qualifica è riuscito a tirare fuori il massimo dalla sua Desmosedici GP14, ottenendo il secondo tempo ed eguagliando quindi il suo miglior risultato nella classe regina.

Anche il pilota di Vasto ha ammesso infatti che si è trattato di un bel rovesciamento della medaglia: "Ieri è stata una giornata storta, ma le condizioni erano molto difficili, perché c'era pochissimo grip e quindi mi mancava un po' di feeling con la mia moto. Io di indole però cerco sempre di dare il massimo, quindi può capitare di cadere. Oggi però le cose sono andate decisamente meglio, perché la prima fila per me è molto importante".

Il tempo di oggi è venuto fuori con la soft posteriore a disposizione delle Ducati e delle "Open", ma Andrea non sembra troppo convinto all'idea di usarla anche domani: "Non lo so, perché nei test che abbiamo fatto qui prima di andare a Silverstone l'ho provata e le prestazioni erano molto buone per i primi cinque o sei giri, poi decadevano rispetto a quelle della media. Ora analizzeremo i dati insieme ai tecnici della squadra, ma forse sarebbe meglio cercare di adattare il setting alle gomme medie".

Per questo il podio non gli sembra un risultato troppo abbordabile: "Credo che sia molto difficile battagliare per il podio, perché devo riuscire a trovare più grip con la gomma media. Ovviamente proverò a fare del mio meglio, perché la gara è sempre la gara".

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati MotoGP
Piloti Andrea Iannone
Articolo di tipo Ultime notizie