Misano, Libere 3: Iannone guida la doppietta Ducati

Misano, Libere 3: Iannone guida la doppietta Ducati

1-2 con Dovizioso e a seguire c'è Lorenzo davanti alle Honda. Rossi è sesto a 0"3, Bradl fuori dalla Q2

L'arrivo del sole su Misano ha reso la terza sessione di prove libere decisiva per designare l'elenco dei dieci piloti che avranno accesso diretto alla Q2 di oggi pomeriggio. E questo turno ha in un certo senso confermato quello che i piloti temevano dopo la pioggia di ieri: che le Ducati potessero essere favorite dall'aver effettuato un paio di settimane fa due giorni di test sull'asciutto sul tracciato romagnolo.

Le Desmosedici GP14 hanno infatti occupato le prime due posizioni con Andrea Iannone ed Andrea Dovizioso, che però hanno montato le gomme soft per staccare le loro migliori prestazioni. Il portacolori del Team Pramac ha girato in 1'34"120 (tempo più alto di oltre 1" rispetto al primato), precedendo di 35 millesimi il futuro compagno di squadra. Il piede di Iannone quindi non sembra avere particolari problemi dopo la doppia caduta di ieri.

In terza posizione troviamo la Yamaha di Jorge Lorenzo, che evidentemente sull'asciutto sembra avere meno problemi rispetto al bagnato, visto che è il maiorchino è il primo tra coloro che devono montare le gomme a mescola media non avendo a disposizione le soft.

Dietro di lui ci sono le due Honda di Marc Marquez e Dani Pedrosa, tallonate a loro volta dall'altra M1 di Valentino Rossi, che questa mattina ha indossato il nuovo casco celebrativo realizzato per la gara di casa. La cosa interessante è che i primi sei sono tutti racchiusi nello spazio di appena 332 millesimi, quindi la caccia alla pole oggi potrebbe essere davvero serrata.

Miglior tempo tra le "Open" per il "solito" Aleix Espargaro, settimo con la sua Forward Yamaha, seguito dalle due M1 del Team Tech 3, con nell'ordine Bradley Smith e Pol Espargaro. Il quadro della top ten si completa poi con la Honda del Team Gresini affidata ad Alvaro Bautista.

Questo vuol dire che tra gli esclusi che dovranno passare per la tagliola della Q1 spicca sicuramente il nome di Stefan Bradl, rimasto fuori per appena una manciata di millesimi con la RC213V della LCR. Il tedesco probabilmense se la dovrà vedere con le due Ducati di Yonny Hernandez e Cal Crutchlow. Ma occhio a non sottovalutare anche la Honda "Open" di Scott Redding.

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati MotoGP
Piloti Andrea Dovizioso , Jorge Lorenzo , Andrea Iannone
Articolo di tipo Ultime notizie