MotoGP, Misano, Libere 2: Zarco nel dominio Ducati sul bagnato

Le Desmosedici GP si mostrano particolarmente a loro agio sotto alla pioggia, con il francese che precede i due ufficiali Bagnaia e Miller. Bene Mir, quarto con la Suzuki davanti a Marquez. Sul bagnato si mette in evidenza anche Petrucci, settimo. Fanno fatica invece le Yamaha: la migliore delle M1 è quella di Morbidelli in 13esima piazza, con Rossi 16esimo, il leader Quartararo 18esimo e Dovizioso 21esimo.

MotoGP, Misano, Libere 2: Zarco nel dominio Ducati sul bagnato

Non si può di certo dire che i piloti della MotoGP siano stati particolarmente fortunati nella prima giornata di prove del Gran Premio di San Marino e della Riviera di Rimini. Dopo aver rovinato gli ultimi dieci minuti circa della prima sessione di prove libere, la pioggia si è ripresentata inesorabile su Misano proprio prima del semaforo verde della seconda, rendendo bagnata anche quella.

Una FP2 che quindi non ha modificato niente per quanto riguarda la classifica cumulativa di giornata, che vede sempre l'Aprilia di Maverick Vinales davanti a tutti con il crono di 1'32"666 realizzato con l'asciutto. Tuttavia, un turno che potrebbe rivelarsi utile se il meteo dovesse continuare a fare le bizze anche nel proseguimento del weekend.

Leggi anche:

E bisogna dire che in queste condizioni le Ducati si sono mostrate particolarmente a loro agio, monopolizzando le prime tre posizioni. Il più veloce è stato Johann Zarco, che sotto alla pioggia risente meno del problema di "arm pump" al braccio destro per il quale sarà operato la settimana prossima, e all'ultimo giro è riuscito a scendere fino a 1'42"097.

Un crono che gli ha permesso di distanziare rispettivamente di mezzo secondo e di sei decimi le due Desmosedici GP del team ufficiale Ducati affidate a Pecco Bagnaia e Jack Miller, che sembrano entrambi aver trovato un ottimo feeling in ogni genere di condizione. Un segnale incoraggiante in vista della gara di domenica.

Leggi anche:

Pur non essendo un amante del bagnato, Joan Mir è stato bravo ad andare ad infilare la sua Suzuki nelle posizioni di vertice, staccando il quarto tempo a poco più di otto decimi dalla vetta. Un'ottima prova per il campione del mondo che ha preceduto di pochi millesimi uno che invece di solito dà del tu a queste condizioni come Marc Marquez, primo tra i piloti Honda.

Sesta e settima posizione per le due KTM di Miguel Oliveira e di un Danilo Petrucci che ancora una volta ha dimostrato tutta la sua sensibilità quando la pioggia arriva a bagnare il fondo. In nona poi c'è anche quella di Iker Lecuona, vittima di un brutto highside tra la curva 1 e la curva 2, nel quale per fortuna non sembra aver riportato conseguenze pesanti.

Tra le RC16 si è infilata anche l'Aprilia di Aleix Espargaro, ottavo, mentre il suo compagno di squadra Vinales deve ancora un po' capire il comportamento della RS-GP sul bagnato e quindi non è riuscito a fare meglio del 17esimo tempo.

Non è una novità, ma con la pista bagnata le Yamaha hanno fatto decisamente fatica. Per trovare la prima delle M1 bisogna scorrere la classifica fino al 13esimo posto di Franco Morbidelli, che chiaramente in queste condizioni affatica meno il ginocchio operato. Poi c'è Valentino Rossi 16esimo ed autore di un drittone nella via di fuga della curva 8.

Il leader iridato Fabio Quartararo si ritrova addirittura in 18esima posizione, distanziato di oltre due secondi, un gap pesante. Basta pensare che Andrea Dovizioso, alla prima uscita sulla M1 di Petronas sul bagnato è stato più lento di appena tre decimi con il suo 21esimo tempo.

Per quanto riguarda gli altri piloti italiani, la wild card Michele Pirro occupa la 12esima posizione con la sua Ducati, tallonato in 14esima da Enea Bastianini, purtroppo protagonista anche di una scivolata alla curva 1. In coda al gruppo invece l'altro rookie Luca Marini, 23esimo con alle sue spalle solamente la Honda di Takaaki Nakagami.

Cla Pilota moto Moto Giri Tempo Distacco Distacco km orari
1 France Johann Zarco
Ducati 20 1'42.097 149.081
2 Italy Francesco Bagnaia
Ducati 21 1'42.650 0.553 0.553 148.278
3 Australia Jack Peter Miller
Ducati 16 1'42.719 0.622 0.069 148.179
4 Spain Joan Mir Mayrata
Suzuki 18 1'42.910 0.813 0.191 147.903
5 Spain Marc Márquez Alentà
Honda 18 1'42.921 0.824 0.011 147.888
6 Portugal Miguel Ângelo Falcão de Oliveira
KTM 22 1'43.234 1.137 0.313 147.439
7 Italy Danilo Carlo Petrucci
KTM 19 1'43.329 1.232 0.095 147.304
8 Spain Aleix Espargaró Villà
Aprilia 15 1'43.629 1.532 0.300 146.877
9 Spain Iker Lecuona
KTM 14 1'43.722 1.625 0.093 146.746
10 Spain Alex Marquez
Honda 20 1'43.739 1.642 0.017 146.722
11 Spain Alejandro Álex Rins Navarro
Suzuki 18 1'43.760 1.663 0.021 146.692
12 Italy Michele Pirro
Ducati 12 1'43.811 1.714 0.051 146.620
13 Italy Franco Morbidelli
Yamaha 19 1'43.844 1.747 0.033 146.573
14 Italy Enea Bastianini
Ducati 15 1'43.901 1.804 0.057 146.493
15 Spain Jorge Martin
Ducati 20 1'43.906 1.809 0.005 146.486
16 Italy Valentino Rossi
Yamaha 20 1'44.130 2.033 0.224 146.171
17 Spain Maverick Ruiz Viñales
Aprilia 16 1'44.203 2.106 0.073 146.068
18 France Fabio Quartararo
Yamaha 20 1'44.205 2.108 0.002 146.065
19 Spain Pol Espargaró Villà
Honda 19 1'44.266 2.169 0.061 145.980
20 South Africa Brad Binder
KTM 20 1'44.404 2.307 0.138 145.787
21 Italy Andrea Dovizioso
Yamaha 15 1'44.530 2.433 0.126 145.611
22 Germany Stefan Bradl
Honda 18 1'44.713 2.616 0.183 145.357
23 Italy Luca Marini
Ducati 20 1'44.970 2.873 0.257 145.001
24 Japan Takaaki Nakagami
Honda 19 1'44.992 2.895 0.022 144.971
condividi
commenti
Ufficiale: MotoGP e SBK ancora su Sky fino al 2025

Articolo precedente

Ufficiale: MotoGP e SBK ancora su Sky fino al 2025

Articolo successivo

Dovizioso: "Sto lottando con la posizione di guida della M1"

Dovizioso: "Sto lottando con la posizione di guida della M1"
Carica i commenti