MotoGP | Misano, Libere 1: Zarco vola sul bagnato, cade Bagnaia

Sotto alla pioggia, il francese della Ducati Pramac rifila ben 1"4 al diretto inseguitore Marquez in un turno in cui brillano le Ducati, con Miller terzo davanti a Martin, mentre Morbidelli completa la top 5. Bagnaia chiude sesto, ma scivola alla curva 8 senza conseguenze. Più in difficoltà Quartararo, 18esimo a 3". Top 10 per Petrucci, Rossi invece è 12° e Dovizioso 21°.

MotoGP | Misano, Libere 1: Zarco vola sul bagnato, cade Bagnaia

La Romagna è nota per il sole ed il mare, ma se ci si va in autunno lo scenario può cambiare decisamente e questa mattina se ne sono accorti i piloti della MotoGP, che hanno dovuto fare i conti con una pioggia battente nella prima sessione di prove libere del Gran Premio del Made in Italy e dell'Emilia Romagna.

In queste condizioni, le Ducati sono parse particolarmente a loro agio, occupando quattro delle prime sei posizioni. Il più veloce è stato Johann Zarco, che è stato anche il solo capace di infrangere il muro dell'1'43", facendo davvero una grande differenza: con il suo 1'32"374 ha rifilato la bellezza di 1"4 al diretto inseguitore Marc Marquez, che sul bagnato sembra faticare meno rispetto alla prima gara di Misano con la sua Honda.

In terza ed in quarta posizione ci sono altre due Desmosedici GP, quelle di Jack Miller e del rookie Jorge Martin, che sono separate tra loro da appena 42 millesimi, ma pagano oltre 1"6 nei confronti di Zarco che comanda la classifica. A completare la top 5 poi c'è la prima delle Yamaha, che è quella di Franco Morbidelli, per il quale vale un po' lo stesso discorso di Marquez: sul bagnato il suo ginocchio viene messo meno sotto sforzo e i progressi sono subito evidenti.

Non è stata invece la sessione dei sogni per i due contendenti al titolo: Pecco Bagnaia, vincitore qui un mese fa, ha dimostrato di poter essere veloce sotto alla pioggia, rimanendo costantemente nelle prime posizioni, ma nel finale è incappato in una scivolata alla curva 8, fortunatamente senza conseguenze, che però lo ha fatto arretrare al sesto posto finale.

Leggi anche:

E' andata decisamente peggio al leader Fabio Quartararo. Non è un mistero che il francese della Yamaha non gradisca queste condizioni, ma forse stamattina ha fatto più fatica del previsto, perché si ritrova addirittura 18° e con un ritardo di 3". C'è da scommettere, dunque, che la sua speranza sia quella di una gara asciutta per domenica.

Continuando a scorrere la classifica, nelle prime posizioni c'è spazio anche per un terzetto di KTM, con Miguel Oliveira (che questo fine settimana ha Guy Coulon come capo tecnico, visto che Paul Trevathan è alle prese con il COVID), Danilo Petrucci ed Iker Lecuona tutti compresi tra la settimana e la nona piazza. A completare la top 10 invece troviamo la Suzuki del campione del mondo uscente Joan Mir, che precede i due padroni di casa, Luca Marini e Valentino Rossi, con il "Dottore" che paga 2"3 con la sua Yamaha Petronas.

In 13esima posizione c'è il collaudatore Ducati Michele Pirro, che precede un Alex Marquez vittima di un highside alla curva 2. Piuttosto attardate le Aprilia, sulle quali ha esordito un nuovo parafango che ha le cover dei dischi freno incorporate. Nonostante questa novità, le RS-GP sono rispettivamente in 17° ed in 19° posizione con Maverick Vinales ed Aleix Espargaro.

Molto attardati Enea Bastianini ed Andrea Dovizioso, che si ritrovano in 20° e 21° posizione, mentre il rientrante Lorenzo Savadori, wild card con Aprilia, è in coda al gruppo e si è pure reso protagonista di una caduta alla curva 10. A terra c'è finito anche Brad Binder, che lo precede con la KTM, ma alla curva 8, quindi nello stesso punto di Bagnaia.

Cla Pilota moto Moto Giri Tempo Distacco Distacco km orari
1 France Johann Zarco
Ducati 19 1'42.374 148.678
2 Spain Marc Márquez Alentà
Honda 20 1'43.791 1.417 1.417 146.648
3 Australia Jack Peter Miller
Ducati 15 1'43.999 1.625 0.208 146.355
4 Spain Jorge Martin
Ducati 19 1'44.041 1.667 0.042 146.296
5 Italy Franco Morbidelli
Yamaha 13 1'44.054 1.680 0.013 146.277
6 Italy Francesco Bagnaia
Ducati 17 1'44.183 1.809 0.129 146.096
7 Portugal Miguel Ângelo Falcão de Oliveira
KTM 20 1'44.243 1.869 0.060 146.012
8 Italy Danilo Carlo Petrucci
KTM 17 1'44.324 1.950 0.081 145.899
9 Spain Iker Lecuona
KTM 18 1'44.405 2.031 0.081 145.786
10 Spain Joan Mir Mayrata
Suzuki 18 1'44.513 2.139 0.108 145.635
11 Italy Luca Marini
Ducati 17 1'44.575 2.201 0.062 145.549
12 Italy Valentino Rossi
Yamaha 14 1'44.751 2.377 0.176 145.304
13 Italy Michele Pirro
Ducati 13 1'44.888 2.514 0.137 145.114
14 Spain Alex Marquez
Honda 18 1'45.011 2.637 0.123 144.944
15 Spain Pol Espargaró Villà
Honda 19 1'45.204 2.830 0.193 144.678
16 Spain Alejandro Álex Rins Navarro
Suzuki 20 1'45.221 2.847 0.017 144.655
17 Spain Maverick Ruiz Viñales
Aprilia 19 1'45.445 3.071 0.224 144.348
18 France Fabio Quartararo
Yamaha 20 1'45.477 3.103 0.032 144.304
19 Spain Aleix Espargaró Villà
Aprilia 15 1'45.656 3.282 0.179 144.059
20 Italy Enea Bastianini
Ducati 15 1'45.853 3.479 0.197 143.791
21 Italy Andrea Dovizioso
Yamaha 16 1'45.881 3.507 0.028 143.753
22 Japan Takaaki Nakagami
Honda 18 1'46.046 3.672 0.165 143.530
23 South Africa Brad Binder
KTM 14 1'46.152 3.778 0.106 143.386
24 Italy Lorenzo Savadori
Aprilia 12 1'46.966 4.592 0.814 142.295
condividi
commenti
Rossi prepara l'addio: "Triste arrivare alla fine, ma ci siamo divertiti"
Articolo precedente

Rossi prepara l'addio: "Triste arrivare alla fine, ma ci siamo divertiti"

Articolo successivo

Il documentario "SIC" al cinema il 28 e 29 dicembre

Il documentario "SIC" al cinema il 28 e 29 dicembre
Carica i commenti