MotoGP, Misano 2, Libere 2: sorpresa Binder, indietro Rossi e Dovi

A sorpresa il pilota della KTM è il più veloce davanti a Nakagami e Quartararo. Rossi e Dovizioso lavorano sul passo gara, ma sarebbero in Q1 al momento.

MotoGP, Misano 2, Libere 2: sorpresa Binder, indietro Rossi e Dovi

La seconda sessione di prove libere del Gran Premio d'Emilia Romagna e della Riviera di Rimini ha regalato una classifica con diverse sorprese, con alcuni dei big che non hanno neanche tentato un time attack, rimanendo però così fuori dal quadro provvisorio di quelli che avrebbero accesso diretto alla Q2.

Il più veloce alla fine è stato Brad Binder, che ha riportato la KTM in alto con un crono di 1'31"628 con cui ha preceduto di appena 2 millesimi un altro outsider come Takaaki Nakagami, velocissimo soprattutto nel terzo e nel quarto settore con la sua Honda del Team LCR.

Il primo dei big è quindi Fabio Quartararo in terza posizione: il pilota della Yamaha Petronas ha dato ancora una volta la sensazione di essere attrezzato di un ottimo passo e alla fine è terzo, ma a soli 16 millesimi dalla vetta della classifica.

Vicinissimo anche Maverick Vinales, che però ha vissuto una sessione abbastanza travagliata, almeno fino al momento del time attack: lo spagnolo era partito con il forcellone in carbonio sulla sua M1, poi è tornato a quello standard, con cui ha ottenuto il quarto tempo a 41 millesimi. Sotto al decimo di distacco poi c'è anche Pol Espargaro, quinto a 71 millesimi dal compagno di squadra con la seconda KTM ufficiale nonostante una scivolata alla curva 13.

Leggi anche:

Interessante il passo avanti mostrato in questa FP2 da Danilo Petrucci, diventato l'unico ducastica capace di scendere sotto all'1'32" in questo weekend per ora, seppur distanziato di oltre tre decimi da Binder. Il rovescio della medaglia per la Rossa è che sia Pecco Bagnaia che Andrea Dovizioso hanno provato il passo con la gomma media senza fare un time attack e al momento sarebbero entrambi costretti a passare dalla Q1.

Il portacolori del Pramac Racing è decimo nella FP2, ma è 11esimo nella cumulativa, perché Franco Morbidelli nel pomeriggio non è andato oltre al 14esimo tempo con la sua Yamaha Petronas, ma è qualificato grazie al tempo del mattino. Il forlivese invece si ritrova addirittura 18esimo, staccato di un secondo.

Nella top 10 c'è comunque un'altra Ducati ed è quella di Johann Zarco, che non si è fatto rallentare da una scivolata alla curva 2, chiudendo comunque ottavo, alle spalle della KTM di Miguel Oliveira e davanti alla Suzuki di Joan Mir. Questo vuol dire che tra quelli che al momento dovrebbero passare dalla Q1 c'è anche Valentino Rossi, solamente 12esimo nella FP2: il "Dottore" però ha voluto provare a portare una gomma al termine della distanza di gara, lavorando anche lui in ottica di domenica.

Peccato anche per Aleix Espargaro, arretrato fino al 15esimo posto con la sua Aprilia. Pare in grande difficoltà poi anche Alex Rins, che dopo gli errori di stamani non è riuscito a fare meglio del 17esimo tempo con la sua Suzuki. Bisogna segnalare, infine, l'assenza in pista di Stefan Bradl, che ha rinunciato al resto del weekend per un problema al braccio destro.

Cla Pilota moto Moto Giri Tempo Distacco Distacco km orari
1 South Africa Brad Binder
KTM 21 1'31.628 166.115
2 Japan Takaaki Nakagami
Honda 21 1'31.630 0.002 0.002 166.111
3 France Fabio Quartararo
Yamaha 24 1'31.644 0.016 0.014 166.086
4 Spain Maverick Ruiz Viñales
Yamaha 20 1'31.669 0.041 0.025 166.040
5 Spain Pol Espargaró Villà
KTM 20 1'31.699 0.071 0.030 165.986
6 Italy Danilo Carlo Petrucci
Ducati 22 1'31.973 0.345 0.274 165.492
7 Portugal Miguel Ângelo Falcão de Oliveira
KTM 20 1'32.032 0.404 0.059 165.385
8 France Johann Zarco
Ducati 21 1'32.072 0.444 0.040 165.314
9 Spain Joan Mir Mayrata
Suzuki 21 1'32.126 0.498 0.054 165.217
10 Italy Francesco Bagnaia
Ducati 16 1'32.138 0.510 0.012 165.195
11 Spain Iker Lecuona
KTM 20 1'32.238 0.610 0.100 165.016
12 Italy Valentino Rossi
Yamaha 21 1'32.263 0.635 0.025 164.971
13 Australia Jack Peter Miller
Ducati 24 1'32.279 0.651 0.016 164.943
14 Italy Franco Morbidelli
Yamaha 19 1'32.307 0.679 0.028 164.893
15 Spain Aleix Espargaró Villà
Aprilia 18 1'32.339 0.711 0.032 164.836
16 Spain Alex Marquez
Honda 22 1'32.369 0.741 0.030 164.782
17 Spain Alejandro Álex Rins Navarro
Suzuki 19 1'32.407 0.779 0.038 164.714
18 Italy Andrea Dovizioso
Ducati 21 1'32.692 1.064 0.285 164.208
19 Spain Esteve "Tito" Rabat Bergada
Ducati 24 1'32.788 1.160 0.096 164.038
20 United Kingdom Bradley Smith
Aprilia 23 1'32.916 1.288 0.128 163.812
21 Germany Stefan Bradl
Honda 0
condividi
commenti
Honda, piove sul bagnato: si ferma anche Stefan Bradl
Articolo precedente

Honda, piove sul bagnato: si ferma anche Stefan Bradl

Articolo successivo

Bagnaia: "Yamaha avvantaggiate, ma siamo attaccati"

Bagnaia: "Yamaha avvantaggiate, ma siamo attaccati"
Carica i commenti