MotoGP
20 set
-
22 set
Evento concluso
04 ott
-
06 ott
Evento concluso
18 ott
-
20 ott
Evento concluso
25 ott
-
27 ott
Evento concluso
01 nov
-
03 nov
Evento concluso
15 nov
-
17 nov
Evento concluso

MotoGP, Losail, Libere 2: Marquez mostruoso, Rossi sprofonda 17esimo

condividi
commenti
MotoGP, Losail, Libere 2: Marquez mostruoso, Rossi sprofonda 17esimo
Di:
8 mar 2019, 18:07

Il pilota della Honda arriva a girare in 1'53" basso e stacca di quasi mezzo secondo Vinales. Bene le Ducati con Miller terzo, Petrucci quarto e Dovi sesto. Valentino è solo 17esimo e anche Lorenzo rimane fuori dalla top 10.

Se non è ancora al 100%, gli avversari di Marc Marquez devono veramente terrorizzarsi all'idea di cosa può essere in grado di fare quando lo sarà. Il pilota della Honda ha fatto veramente un altro sport rispetto a tutti gli altri nella seconda sessione di prove libere del GP del Qatar (iniziata in leggero ritardo per la presenza di olio in pista), polverizzando il record del tracciato di Losail.

Le buone condizioni odierne lasciavano presagire che si potesse scendere sotto all'1'54", ma il campione del mondo in carica è stato veramente mostruoso, perché ha piazzato addirittura un 1'53"380 quando è stato il momento di fare il "time attack".

E' vero che ha avuto anche un "gancio" importante come quello di Maverick Vinales, che ha chiuso alle sue spalle in questa FP2, ma sul traguardo il distacco incassato dal pilota della Yamaha è stato addirittura di 474 millesimi. Davvero enorme.

Nelle prime posizioni ci sono ben tre Ducati, ma per il momento le Rosse sono un po' lontane sul giro secco, anche se ad inizio sessione sono quelle che hanno mostrato il passo più interessante insieme ai già citati Marquez e Vinales.

La cosa curiosa è che la migliore delle Desmosedici GP è quella con i colori Pramac affidata a Jack Miller, con l'australiano che è stato bravo a scendere sotto all'1'54" con il suo 1'53"908. Sono rimasti invece sopra a questa soglia Danilo Petrucci ed Andrea Dovizioso, che occupano la quarta e la sesta posizione.

Leggi anche:

Tra di loro si è inserito il rookie Fabio Quartararo, che con la Yamaha Petronas sembra quindi confermare quanto di buono aveva fatto vedere nei test di una decina di giorni fa. E le cose vanno bene in generale per la nuova squadra della griglia, perché anche Franco Morbidelli è settimo in 1'54"275, nonostante sia incappato anche in una caduta ad alta velocità alla curva 1 con tanto di M1 in fiamme.

Buona la posizione, ma non il distacco, per le due Suzuki, che al momento avrebbero entrambe accesso alla Q2, con Alex Rins ottavo ed un ottimo Joan Mir decimo, anche se a circa un secondo dalla vetta. Positiva poi anche la sessione di Aleix Espargaro, che con la sua Aprilia completa il quadro dei piloti che al momento sarebbero in Q2 con il nono tempo.

In questa FP2 quindi sono mancati all'appello i due grandi protagonisti del turno inaugurale, ovvero Jorge Lorenzo e Valentino Rossi, che non sono riusciti a migliorare tanto quanto la concorrenza. Se il maiorchino della Honda si ritrova fuori dalla top 10 per appena 26 millesimi, ma ci sta vista la recente operazione allo scafoide, sembra decisamente peggiore la situazione del pesarese.

Il "Dottore" si ritrova addirittura 17esimo, staccato di 1"7 da Marquez, ma ad oltre un secondo anche da Vinales e Quartararo. Segno che qualcosa è sicuramente andato storto per lui questa sera e c'è curiosità di sapere di cosa si è trattato.

Il quadro dei piloti di casa nostra si completa con il 14esimo tempo di Pecco Bagnaia con la Ducati del Pramac Racing, a 1"4, e con il 19esimo di Andrea Iannone, che questa volta ha faticato decisamente di più con la sua Aprilia, beccando un secondo dalla RS-GP gemella. Non a caso, il pilota di Vasto si ritrova alle spalle anche della KTM di Johann Zarco, che se non altro ha ridotto il gap dal compagno Pol Espargaro, 16esimo.

Cla # Pilota Moto Giri Tempo Gap Distacco km/h Speed Trap
1 93 Spain Marc Márquez Alenta Honda 18 1'53.380     170.823  
2 12 Spain Maverick Viñales Yamaha 16 1'53.854 0.474 0.474 170.112  
3 43 Australia Jack Miller Ducati 19 1'53.908 0.528 0.054 170.031  
4 9 Italy Danilo Petrucci Ducati 16 1'54.053 0.673 0.145 169.815  
5 20 France Fabio Quartararo Yamaha 17 1'54.154 0.774 0.101 169.665  
6 4 Italy Andrea Dovizioso Ducati 17 1'54.256 0.876 0.102 169.514  
7 21 Italy Franco Morbidelli Yamaha 16 1'54.275 0.895 0.019 169.485  
8 42 Spain Alex Rins Suzuki 19 1'54.320 0.940 0.045 169.419  
9 41 Spain Aleix Espargaro Aprilia 15 1'54.367 0.987 0.047 169.349  
10 36 Spain Joan Mir Suzuki 17 1'54.402 1.022 0.035 169.297  
11 99 Spain Jorge Lorenzo Honda 17 1'54.428 1.048 0.026 169.259  
12 30 Japan Takaaki Nakagami Honda 17 1'54.444 1.064 0.016 169.235  
13 35 United Kingdom Cal Crutchlow Honda 17 1'54.452 1.072 0.008 169.223  
14 63 Italy Francesco Bagnaia Ducati 16 1'54.801 1.421 0.349 168.709  
15 53 Spain Tito Rabat Ducati 18 1'55.032 1.652 0.231 168.370  
16 44 Spain Pol Espargaro KTM 17 1'55.053 1.673 0.021 168.339  
17 46 Italy Valentino Rossi Yamaha 16 1'55.137 1.757 0.084 168.216  
18 5 France Johann Zarco KTM 17 1'55.412 2.032 0.275 167.816  
19 29 Italy Andrea Iannone Aprilia 16 1'55.432 2.052 0.020 167.787  
20 88 Portugal Miguel Oliveira KTM 18 1'55.635 2.255 0.203 167.492  
21 17 Czech Republic Karel Abraham Ducati 16 1'55.654 2.274 0.019 167.465  
22 55 Malaysia Hafizh Syahrin KTM 17 1'56.437 3.057 0.783 166.338  
23 38 United Kingdom Bradley Smith Aprilia 16 1'56.834 3.454 0.397 165.773
Articolo successivo
Fotogallery: la prima giornata di prove del GP del Qatar di MotoGP

Articolo precedente

Fotogallery: la prima giornata di prove del GP del Qatar di MotoGP

Articolo successivo

Iannone: "Abbiamo rischiato una modifica nel time attack e non ha pagato"

Iannone: "Abbiamo rischiato una modifica nel time attack e non ha pagato"
Carica i commenti