Bautista fiducioso di poter partire con il piede giusto

Bautista fiducioso di poter partire con il piede giusto

Redding invece è emozionato in vista del suo esordio ufficiale nella classe regina

I riflettori del circuito di Losail si accenderanno questo fine settimana per il round di apertura del Campionato del Mondo 2014: dopo due mesi di test pre-stagionali, entrambi i piloti del Team GO&FUN Honda Gresini, Alvaro Bautista e Scott Redding, attendono con emozione il Gran Premio del Qatar, l’unico tra i 18 appuntamenti in calendario che si corre in notturna. Questa stagione vede come principale novità l’introduzione di un nuovo regolamento tecnico, con le nuove moto "Open" che andranno a schierarsi accanto alle "Factory": il Team GO&FUN Honda Gresini abbraccerà entrambe le configurazioni, con Alvaro Bautista che avrà a disposizione la versione 2014 della Honda RC213V Factory, mentre l’esordiente Scott Redding sarà in sella alla nuovissima RCV1000R sviluppata appositamente da HRC per la categoria "Open", la cosiddetta "Production Racer". Il Gp del Qatar segnerà l’inizio della terza stagione di Alvaro Bautista con il Team: lo spagnolo, dimostratosi in gran forma durante i test invernali, comandando la lista dei tempi in due delle nove giornate complessive di prove effettuate, proverà sin da subito a lottare per il podio. Anche il suo compagno di squadra, Scott Redding, è stato protagonista di test invernali positivi: il ventunenne britannico, vicecampione del mondo della Moto2, è infatti riuscito a percorrere parecchi chilometri adattandosi velocemente alla Honda RCV1000R. Per Scott, inoltre, l’emozione del debutto nella classe regina sarà raddoppiata dal fatto che in Qatar prenderà parte al suo centesimo Gran Premio da quando è impegnato nel Motomondiale. Alvaro Bautista: "Nei tre giorni di test svolti qui in Qatar abbiamo effettuato diverse modifiche alla moto: durante il primo giorno di prove non mi sentivo molto a mio agio, ma alla fine della tre giorni la situazione è senza dubbio migliorata, quindi siamo fiduciosi di poter partire con il piede giusto. Va comunque detto che la pista di Losail non è una delle più favorevoli per noi: purtroppo non riusciamo ancora ad interpretarla al meglio e ad essere veloci come vorremmo. Mi aspetto quindi un weekend molto impegnativo, nel quale dovremo lavorare tanto, ma ciò non toglie che daremo il 110% per provare a essere protagonisti!". Scott Redding: "Correre la prima gara in MotoGp sarà una grande emozione, senza dubbio: del resto, arrivare a gareggiare nella top class è il sogno di tutti i piloti. Quando andrò a schierarmi per la prima volta sulla griglia di partenza affiorerà probabilmente un po’ di nervosismo, ma sarà probabilmente superato da una grande curiosità: in gara sarà interessante osservare da vicino come si comportano i piloti più esperti e vedere finalmente cosa potremo ottenere. Il nostro obiettivo in questo momento rimane quello di stare con Nicky Hayden e provare ad essere i migliori in sella alla Honda RCV1000R Open, anche se va comunque considerato che devo ancora imparare tante cose, dal comportamento delle gomme fino ai controlli elettronici. Il circuito mi piace molto, così come correre di notte: non vedere nient’altro attorno alla pista è una sensazione strana ma piacevole, perché mi aiuta a rimanere concentrato. È infine molto bello pensare che il mio primo Gran Premio sarà esattamente il mio centesimo nel Motomondiale: una coincidenza speciale".
Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati MotoGP
Piloti Alvaro Bautista , Scott Redding
Articolo di tipo Ultime notizie