Suppo: "Marc è sicuro di correre, Dani ci proverà"

La frattura del mignolo non spaventa Marquez. Pedrosa oggi farà una prova sotto sforzo e sarà a Jerez

Suppo:

Il sorriso mostrato nella foto insieme a Dottor Xavier Mir aveva lasciato intendere che Marc Marquez non fosse troppo preoccupato, nonostante l'infortunio al mignolo della mano sinistra rimediato sabato in allenamento e la successiva operazione.

Ora c'è anche la conferma che il pilota della Honda, che si ritrova già indietro di 30 punti rispetto a Valentino Rossi nella corsa al titolo, non ha la minima intenzione di disertare il weekend di Jerez de la Frontera.

A garantirlo è il team principal Livio Suppo: "Non è giù per niente, anzi. L'ho sentito bello carico. Del resto lui è sempre di buon umore. Mi ha detto di essere sicuro di correre e di non preoccuparmi. Bisogna essere positivi, anche un anno fa si fece male in inverno con il motard, poi arrivò in Qatar e vinse" ha detto alla Gazzetta dello Sport.

Tra le altre cose, è stata chiarita anche la dinamica e bisogna dire che Marc è stato davvero sfortunato: la sua sarebbe stata una scivolata innocua se la moto che lo seguiva non gli fosse passata sopra al dito con una ruota, provocandogli una rotazione di 180 gradi del dito. Per questo è stato necessario l'inserimento di una placca in titanio, fissata con sei viti.

Per il secondo anno di fila, dunque, il campione del mondo ha finito per farsi male in allenamento, ma secondo Suppo questi sono rischi che non si possono evitare: "Tutti i piloti si allenano così, è un rischio che metti in conto. Valentino e i suoi ragazzi girano al Ranch, Marc ha la sua pista, gli serve per restare al massimo. Certo, potrebbero anche andare in bici, ma magari si farebbero male lo stesso. Lui poi è uno che non scherza mai, qualsiasi cosa faccia, la fa al massimo".

Intanto in casa HRC sembrano esserci notizie incoraggianti sul fronte di Dani Pedrosa, che dovrebbe tornare sulla sua RC213V a Jerez, dopo aver saltato gli ultimi due Gp per un intervento chirurgico mirato a risolvere un problema cronico di sindrome compartimentale.

Il verdetto dovrebbe arrivare oggi: "Farà una prova di sforzo per valutare la condizione, ma il piano è di correre a Jerez, anche se per precauzione in Spagna verrà anche Aoyama" ha spiegato Suppo.

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati MotoGP
Articolo di tipo Ultime notizie